Discussione:
Acqua dal solaio... call for brainstorming !!
Aggiungi Risposta
fuzzy
2017-12-19 12:03:22 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
mi serve un aiuto da tutte le potenti menti del NG per riuscire a
capire la causa di questo gocciolamento che mi sta snervando.

problema
https://drive.google.com/open?id=1KY0qp6g56KG1sefQrEe7yIwSLTa7VjR1

dal solaio del mio patio gocciola dell'acqua e non riesco a capire da dove viene.
Ma so dove finisce :-) nella bacinella blu

Qui il particolare
https://drive.google.com/open?id=1NmTBNawvV9w2FKsLevD5SO52cWATrV4k


INFO addizionali

1) anche il vicino ha questo tipo di perdita, ma piu estesa e invasiva.
E la cosa si vede anche dalla prima foto (cerchi verdi). E qui
https://drive.google.com/open?id=1OeHEZuvmrzWshER6kTOD3SYtllhsYson


2) Il fenomeno cade - in tutti i punti - circa al centro tra i pilastri
Non so se sia significativo. Magari è solo un caso.
https://drive.google.com/open?id=1uZCmplqcmSc35x4fg9IeAMb5siEbAXv2

3) vista da sopra
https://drive.google.com/open?id=1rsiR_bHRDtADWlGM_7AtdTijIZxzApVK

il tubo di scarico che si vede rilascia l'acqua piovana sulle tegole
e queste la portano nel canale. La perdita è esattamente la sotto
(cerchio rosso).
Voi direte: beh semplice, la canala di raccolta perde in quel punto.
Eh già peccato che è stata rifatta bene solo 3 anni fa con mapelastic
e rete e l'ispezione a vista non rileva crepe o fori. Sembra in buono stato.
Inoltre è una strana coincidenza che capiti negli stessi punti anche al vicino.

4) qui uno schizzo di come potrebbe essere stata realizzata quella parte
https://drive.google.com/open?id=1RFq0xowb-C0fnyahmUyhdSUZVZ3zLNKV

Non riesco a capire da dove si origini. Oggi non piove, ma goccia, ma forse
potrebbe essere un'infiltrazione di pioggia che poi rilascia l'acqua nei
giorni successivi alla pioggia? boh...

Non so da dove cominciare. HELP!!!!

fuzzy
DGE
2017-12-19 12:21:10 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by fuzzy
mi serve un aiuto da tutte le potenti menti del NG per riuscire a
capire la causa di questo gocciolamento che mi sta snervando.
problema
https://drive.google.com/open?id=1KY0qp6g56KG1sefQrEe7yIwSLTa7VjR1
dal solaio del mio patio gocciola dell'acqua e non riesco a capire da dove viene.
Ma so dove finisce :-) nella bacinella blu
Qui il particolare
https://drive.google.com/open?id=1NmTBNawvV9w2FKsLevD5SO52cWATrV4k
INFO addizionali
1) anche il vicino ha questo tipo di perdita, ma piu estesa e invasiva.
E la cosa si vede anche dalla prima foto (cerchi verdi). E qui
https://drive.google.com/open?id=1OeHEZuvmrzWshER6kTOD3SYtllhsYson
2) Il fenomeno cade - in tutti i punti - circa al centro tra i pilastri
Non so se sia significativo. Magari è solo un caso.
https://drive.google.com/open?id=1uZCmplqcmSc35x4fg9IeAMb5siEbAXv2
3) vista da sopra
https://drive.google.com/open?id=1rsiR_bHRDtADWlGM_7AtdTijIZxzApVK
il tubo di scarico che si vede rilascia l'acqua piovana sulle tegole
e queste la portano nel canale. La perdita è esattamente la sotto
(cerchio rosso).
Voi direte: beh semplice, la canala di raccolta perde in quel punto.
Eh già peccato che è stata rifatta bene solo 3 anni fa con mapelastic
e rete e l'ispezione a vista non rileva crepe o fori. Sembra in buono stato.
Inoltre è una strana coincidenza che capiti negli stessi punti anche al vicino.
4) qui uno schizzo di come potrebbe essere stata realizzata quella parte
https://drive.google.com/open?id=1RFq0xowb-C0fnyahmUyhdSUZVZ3zLNKV
Non riesco a capire da dove si origini. Oggi non piove, ma goccia, ma forse
potrebbe essere un'infiltrazione di pioggia che poi rilascia l'acqua nei
giorni successivi alla pioggia? boh...
Non so da dove cominciare. HELP!!!!
fuzzy
provare a mettere un po' di acqua colorata nella canaletta di sopra?
DGE
CLipper
2017-12-19 13:09:55 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
CUT
fuzzy
Facciamo un po' di brainstorming:
Sulle tegole si vede un po' di terriccio o qualcosa del genere; se
quando piove questo terricco impedisce, anche leggermente, all'acqua di
defluire normalmente, un po' potrebbe fare "ritorno" e passare sotto le
tegole, imbibire la paretina di sinistra della canaletta (facendo
riferimento al disegno) e poi gocciolare col tempo; possibile?
--
Le mie foto:
http://www.juzaphoto.com/me.php?p=24811&pg=allphotos&l=it
http://www.photo4u.it/album_personal.php?user_id=34738
rawmode
2017-12-19 13:36:19 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
"CLipper"
Post by CLipper
tegole, imbibire la paretina di sinistra della canaletta (facendo
riferimento al disegno) e poi gocciolare col tempo; possibile?
Si', proprio cosi', "imbibire" e' la parola esatta!!:))
Ma non e' che la terrra c'entri gran che!! secondo me
e' il passaggio tegole-canaletta in ogni caso che non puo'
essere concepito "a caduta", ma deve essere continuo...
L'acqua va semplicemente nel punto piu' basso, quello e' il livello!!;)
Franzthepanz
2017-12-19 13:31:16 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Dopo aver strapazzato l'unico neurone rimasto, fuzzy il 19/12/2017 ha pensato bene di
Post by fuzzy
il tubo di scarico che si vede rilascia l'acqua piovana sulle tegole
e queste la portano nel canale. La perdita è esattamente la sotto
(cerchio rosso).
Voi direte: beh semplice, la canala di raccolta perde in quel punto.
Eh già peccato che è stata rifatta bene solo 3 anni fa con mapelastic
e rete e l'ispezione a vista non rileva crepe o fori. Sembra in buono stato.
Inoltre è una strana coincidenza che capiti negli stessi punti anche al vicino.
Una disomogeinità nel getto e da quello l'acqua filtra. Anche se a vista la guaina
sembra a posto basta che ci sia un poro anche piccolo ...
L'unica è fare alcune prove: proverei a spostare provvisoriamente lo scarico del pluviale
facendolo scaricare altrove in modo da capire se è quello a dere problemi.

In seguito proverei a pulire per bene tutte le tegole dal terriccio che mi sembra di
intravvedere.
Dopo un periodo di secco (quindi non ora) proverei a ripassare una mano veloce di
Mapelastic dove era gia stata data, male non fa.

Proverei a dare un'occhiata sopra al punto dello spandimento, sotto alle tegole, come è
messa la guaina.
Post by fuzzy
Non riesco a capire da dove si origini. Oggi non piove, ma goccia, ma forse
potrebbe essere un'infiltrazione di pioggia che poi rilascia l'acqua nei
giorni successivi alla pioggia? boh...
Ovvio che sia così salvo che non abbiate per qualche motivo, ambedue, degli impianti
idrici che disperdono acqua in mansarda ... avreste altre macchie d'acqua in molti altri
punti.
--
Franco
Windof
2017-12-19 13:57:28 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by fuzzy
Non so da dove cominciare. HELP!!!!
La principale sospettata rimane la canaletta di scarico.
Dovresti cominciare tappando lo scarico e riempiendola d'acqua per un
bel po' di tempo. Non importa molto che l'acqua sia colorata. Se lo fai
in una bella giornata quando tutto è asciutto e inizia a gocciolare è
chiaramente l'acqua che hai messo tu.
carlos
2017-12-19 15:08:46 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Windof
Post by fuzzy
Non so da dove cominciare. HELP!!!!
La principale sospettata rimane la canaletta di scarico.
Dovresti cominciare tappando lo scarico e riempiendola d'acqua per un
bel po' di tempo. Non importa molto che l'acqua sia colorata. Se lo fai
in una bella giornata quando tutto è asciutto e inizia a gocciolare è
chiaramente l'acqua che hai messo tu.
+1
in questo modo esludi che l'acqua entri dalla guaina ardesiata.

Viceversa se la canaletta non perde occorre intervenire sulle tegole
e***@ru.ru
2017-12-19 15:27:45 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by fuzzy
Non so da dove cominciare. HELP!!!!
mi vien da chiedere.... ma l'acqua nella canaletta, scorre via?
cioè ha pendenza o è una vasca per i pesci?

e7
Jpquattro
2017-12-19 15:41:04 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by fuzzy
mi serve un aiuto da tutte le potenti menti del NG per riuscire a
capire la causa di questo gocciolamento che mi sta snervando.
problema
https://drive.google.com/open?id=1KY0qp6g56KG1sefQrEe7yIwSLTa7VjR1
dal solaio del mio patio gocciola dell'acqua e non riesco a capire da dove viene.
Ma so dove finisce :-) nella bacinella blu
Qui il particolare
https://drive.google.com/open?id=1NmTBNawvV9w2FKsLevD5SO52cWATrV4k
INFO addizionali
1) anche il vicino ha questo tipo di perdita, ma piu estesa e invasiva.
E la cosa si vede anche dalla prima foto (cerchi verdi). E qui
https://drive.google.com/open?id=1OeHEZuvmrzWshER6kTOD3SYtllhsYson
2) Il fenomeno cade - in tutti i punti - circa al centro tra i pilastri
Non so se sia significativo. Magari è solo un caso.
https://drive.google.com/open?id=1uZCmplqcmSc35x4fg9IeAMb5siEbAXv2
3) vista da sopra
https://drive.google.com/open?id=1rsiR_bHRDtADWlGM_7AtdTijIZxzApVK
il tubo di scarico che si vede rilascia l'acqua piovana sulle tegole
e queste la portano nel canale. La perdita è esattamente la sotto
(cerchio rosso).
Voi direte: beh semplice, la canala di raccolta perde in quel punto.
Eh già peccato che è stata rifatta bene solo 3 anni fa con mapelastic
e rete e l'ispezione a vista non rileva crepe o fori. Sembra in buono stato.
Inoltre è una strana coincidenza che capiti negli stessi punti anche al vicino.
4) qui uno schizzo di come potrebbe essere stata realizzata quella parte
https://drive.google.com/open?id=1RFq0xowb-C0fnyahmUyhdSUZVZ3zLNKV
Non riesco a capire da dove si origini. Oggi non piove, ma goccia, ma forse
potrebbe essere un'infiltrazione di pioggia che poi rilascia l'acqua nei
giorni successivi alla pioggia? boh...
Non so da dove cominciare. HELP!!!!
fuzzy
Guardando l'ultima foto sembra che un paio di tegole siano scivolate a
valle di un paio di cm... quella potrebbe essere una via d'acqua...
Che strada fa l'acqua sotto poi è una storia diversa...

Durante un temporale da quel pluviale può scendere l'oceano... io ho
avuto in passato un problema di un pluviale che versava in terrazza...
ho risolto solo quando l'ho prolungato fino a scaricare a terra.

Paolo
rawmode
2017-12-19 16:23:58 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
"Jpquattro"
Post by Jpquattro
Durante un temporale da quel pluviale può scendere l'oceano... io ho
avuto in passato un problema di un pluviale che versava in terrazza...
ho risolto solo quando l'ho prolungato fino a scaricare a terra.
Gia', puo' scendere l'oceano, ma anche se solo che gocciolano, le tegole
dico, basta un po' di vento contro e la goccia non gocciola e si ritira
lungo il bordo di sotto. Ma mentre in un tetto normale, trova solo una
parete normale(e si asciuga), li' invece c'e' una sorta di vasca(che
comprende la canaletta).. e a quel punto si accumula e non puo' fare altro
che imbibire!!
rawmode
2017-12-19 16:52:45 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
"rawmode"
Post by rawmode
parete normale(e si asciuga), li' invece c'e' una sorta di vasca(che
comprende la canaletta).. e a quel punto si accumula e non puo' fare altro
che imbibire!!
Se avete notato sotto le case, ovvero la parete sotto al tetto di
una casa, anche con la canalina, dopo un temporale e' sempre
bagnata per almeno un mezzo metro..
in ogni caso non e' uno scherzo, dalle foto non si capisce la struttura,
ma se l'acqua esce li' sotto, tutto quel pezzo potrebbe pesare un casino!
Non e' uno scherzo!!
Deve isolare zona tra tetto e canalina, o aprire,
fare un buco, le canaline sono aperte.
Ma non e' che raccolgono tutta l'acqua..
eh; puo' anche essere che parlo a spiovere!!
Gianluca
2017-12-19 18:08:46 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by fuzzy
Non so da dove cominciare. HELP!!!!
fuzzy
Risolvere problemi con l'acqua è sempre difficile, e ogni caso è diverso.

Oltre a quanto hanno già detto gli altri (verificare la tenuta del
canale, ecc.) io controllerei anche la continuità del muretto in getto
del canale, dalla parte esterna --> controlla che non ci siano
microfessurazioni in corrispondenza dei punti di gocciolamento.
Noto poi che sul muretto del canale c'è una "copertina" (foto 5) che mi
sembra di pietra: attenzione alle giunture perché l'acqua si può
infiltrare e poi seguire la fessurazione del muretto fino a sotto (foto 3).

Escluderei problemi col pluviale (che non è in corrispondenza ai punti
di gocciolamento - foto 4).
Mi sentirei anche di escludere problemi con la impermeabilizzazione del
canale, se è da poco che l'hanno rifatta.
Dalla foto 2 pare inoltre che il gocciolamento non sia passante ma che
provenga dall'esterno (il muretto si "tira dietro" l'acqua).


Gianluca


P.S.
Complimenti per il disegno
Jpquattro
2017-12-19 18:49:49 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Gianluca
Post by fuzzy
Non so da dove cominciare. HELP!!!!
....
Post by Gianluca
Dalla foto 2 pare inoltre che il gocciolamento non sia passante ma che
provenga dall'esterno (il muretto si "tira dietro" l'acqua).
Ma la giunzione muro-tegole della tettoia come è fatta? non è che manca
la scossalina o un accorgimento equivalente...

Paolo
fuzzy
2017-12-19 21:01:32 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Gianluca
Post by fuzzy
Non so da dove cominciare. HELP!!!!
fuzzy
Risolvere problemi con l'acqua è sempre difficile, e ogni caso è diverso.
concordo. Rispondo qui un po a tutti...

Una volta avevo dell'acqua che scendeva dal comignolo.
Per capire da dove veniva è stato necessario uscire sotto la pioggia battente.
Mesi a scervellarmi e in 5 minuti si è capito tutto.
Senza la verifica con la pioggia in corso non l'avrei mai scoperto.
Post by Gianluca
Oltre a quanto hanno già detto gli altri (verificare la tenuta del
canale, ecc.) io controllerei anche la continuità del muretto in getto
del canale, dalla parte esterna --> controlla che non ci siano
microfessurazioni in corrispondenza dei punti di gocciolamento.
Noto poi che sul muretto del canale c'è una "copertina" (foto 5) che mi
sembra di pietra: attenzione alle giunture perché l'acqua si può
infiltrare e poi seguire la fessurazione del muretto fino a sotto (foto 3).
Ecco questa è una ottima indicazione! Non ci avevo pensato.
La copertina è vecchia puo' darsi che il gocciolatoio sia sbeccato
o finisca direttamente sulla paretina.
Post by Gianluca
Mi sentirei anche di escludere problemi con la impermeabilizzazione del
canale, se è da poco che l'hanno rifatta.
al limite gli posso dare una spennellata di guaina liquida, se fosse una
microfessura o un microforo, dovrebbe bastare.
Post by Gianluca
Dalla foto 2 pare inoltre che il gocciolamento non sia passante ma che
provenga dall'esterno (il muretto si "tira dietro" l'acqua).
su questo non ci giurerei... se si vede in foto, il gocciolamento segue una
linea perpendicolare ai muri di casa, ... a me sembra piuttosto che
l'acqua sia passante, anche perchè dal lato verticale esterno
inizia la tettoia che dovrebbe isolare, e sotto la tettoia non si vedono rivoli
di sorta.


""provare a mettere un po' di acqua colorata nella canaletta di sopra?
DGE "

Anche questa è un'idea, è un po difficile da realizzare, perchè la canaletta
gira tutta intorno allo stabile dovrei costruire due dighe e riempire con acqua.
un po laborioso ma da tenere come possibile prova.

"L'unica è fare alcune prove: proverei a spostare provvisoriamente lo scarico del pluviale facendolo scaricare altrove in modo da capire se è quello a dere problemi.
Franco
"

Altra ottima idea e facilmente realizzabile.

"Ma la giunzione muro-tegole della tettoia come è fatta? non è che manca
la scossalina o un accorgimento equivalente...
Paolo "

Non so come sia fatta, l'ha fatta una ditta quando hanno ristrutturato
l'immobile. verifichero' anche questo punto. Tuttavia dalla foto 2
si vede che la parte in grigio verticale che finisce col gocciolatoio
è integra , non sembra vi siano infiltrazioni in quel punto.
Post by Gianluca
Gianluca
P.S.
Complimenti per il disegno
grazie. Anche se cmq è fatto sulla base di supposizioni. In particolare
non so come è realizzato lo spiovente con le tegole (laddove scrivo
tavelloni???). Infatti io ho il sospetto che dell'acqua si infiltri in quell'area
(dove c'è la scritta tavelloni), e poi percoli attraverso il cemento della
soletta.

E' una idea balzana? come è fatto quello spiovente? cosa c'è la dentro?

E se togliessi qualche tegola, poi facessi un foro e facessi poi una video ispezione
con una di queste telecamerine che vengdono adesso a basso costo?

Dico una castroneria?

io non molleroo' finchè non ho risolto il problema.

grazie a tutti
fuzzy
rawmode
2017-12-20 06:13:24 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
"fuzzy"


......
E se togliessi qualche tegola, poi facessi un foro e facessi poi una video
ispezione
con una di queste telecamerine che vengdono adesso a basso costo?

Dico una castroneria?

io non molleroo' finchè non ho risolto il problema.
.....

Hai scritto "tavelloni" ma la sopra ci stanno i coppi(si chiamano quelli)..
Hai scritto anche "massetto" giu', ovvero quello che sarebbe "bucato"
o passante, insomma dove hai l'acqua, su, piu' che un massetto sembrano
dei pannelli assemblati. La prima cosa che cercherei di comprendere io e'
quanto tutta la zona e' coinvolta; e cioe' il muro quanto e' bagnato intorno
alla zona di gocciolamento e se e' bagnato. Internamente intendo, ovvero
se e' zuppo. Questa e' la cosa piu' pericolosa, perche', il tetto sembra il
progetto di un prefabbricato, e se lo hanno assemblato solo dei semplici
muratori, non sono passati poi "gli idraulici" ad isolare tutto per bene,
perche' la sola muratura, in ogni caso, non e' impermeabile...
Gianluca
2017-12-20 09:18:02 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by fuzzy
Post by Gianluca
Dalla foto 2 pare inoltre che il gocciolamento non sia passante ma che
provenga dall'esterno (il muretto si "tira dietro" l'acqua).
su questo non ci giurerei... se si vede in foto, il gocciolamento segue una
linea perpendicolare ai muri di casa, ... a me sembra piuttosto che
l'acqua sia passante, anche perchè dal lato verticale esterno
inizia la tettoia che dovrebbe isolare, e sotto la tettoia non si vedono rivoli
di sorta.
Guarda la foto 3 e confronta con il tuo disegno.
La fessura passante, se c'è (e giurerei che ci sia), parte sotto la
copertina in pietra e arriva fin sotto.

Qualche anno fa ho incontrato un caso analogo e risolverlo è stato un
vero rompicapo (per la cronaca: l'infiltrazione non era causata
dall'ingresso di acqua dall'esterno ma dalla condensazione superficiale
interna causata dal ponte termico aggravato dalla muratura bagnata
dall'acqua penetrata attraverso la fessura).
Post by fuzzy
"L'unica è fare alcune prove: proverei a spostare provvisoriamente lo scarico del pluviale facendolo scaricare altrove in modo da capire se è quello a dere problemi.
Franco
"
Altra ottima idea e facilmente realizzabile.
Quel pluviale porta giù una miseria di acqua; e poi il gocciolamento non
è in corrispondenza del pluviale...
Post by fuzzy
Post by Gianluca
P.S.
Complimenti per il disegno
grazie. Anche se cmq è fatto sulla base di supposizioni. In particolare
non so come è realizzato lo spiovente con le tegole (laddove scrivo
tavelloni???). Infatti io ho il sospetto che dell'acqua si infiltri in quell'area
(dove c'è la scritta tavelloni), e poi percoli attraverso il cemento della
soletta.
Molto probabilmente è fatto come hai disegnato.
I tavelloni sono poggiati su tavolati leggeri in laterizio e tra i
muricci o non hanno messo niente oppure c'è un materassino in lana di vetro.
Post by fuzzy
E' una idea balzana? come è fatto quello spiovente? cosa c'è la dentro?
E se togliessi qualche tegola, poi facessi un foro e facessi poi una video ispezione
con una di queste telecamerine che vengdono adesso a basso costo?
Dico una castroneria?
Secondo me il tetto non ha niente.
Se ci fosse una perdita dovuta a infiltrazioni nella zona del
tavellonato sarebbe in posizione diversa.


Gianluca
fuzzy
2017-12-20 10:25:33 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Gianluca
Guarda la foto 3 e confronta con il tuo disegno.
La fessura passante, se c'è (e giurerei che ci sia), parte sotto la
copertina in pietra e arriva fin sotto.
Hai portato delle info importanti. Andiamo per ordine

la foto 3 riguarda il vicino, lui non ha latettoia.
Cmq ricontrollerò ... ma tu la fessura passante la intendi
sul lato esterno della canaletta (guardano il disegno)
la paretina della canala lato interno o lato esterno
dove è fissata la tettoia in castagno?
Perchè qui in esterno non rilevo fessurazioni...
Post by Gianluca
Qualche anno fa ho incontrato un caso analogo e risolverlo è stato un
vero rompicapo (per la cronaca: l'infiltrazione non era causata
dall'ingresso di acqua dall'esterno ma dalla condensazione superficiale
interna causata dal ponte termico aggravato dalla muratura bagnata
dall'acqua penetrata attraverso la fessura).
Ecco, qui dici una cosa che potrebbe essere la chiave di volta.
In effetti ho piu volte pensato a un qualche fenomeno di condensazione,
sembra infatti che il fenomeno si presenti per lo piu col freddo.
Non ne ho mai accennato qui, ma ci ho pensato piu volte.

L'idea che vi sia una perdita sopra non mi ha mai convinto tanto
- pare che il fenomeno si presenti anche in assenza di piogge...
- il rivestimento della canaletta è ben fatto e uniforme e recente
- le tegole sono ben messe + sotto c'è guaina ardesiata + la giunzione tra guaina e canaletta sembra ben fatta.

Per cui ho piu volte pensato a condensazione dell'umidità dell'aria
(sono in zona di mare). Per questo pensavo a condensazione dentro
la zona tra il solaio e i tavelloni, che poi passava per gravità attraverso
la soletta di cemento.
Post by Gianluca
Quel pluviale porta giù una miseria di acqua; e poi il gocciolamento non
è in corrispondenza del pluviale...
no, quel pluviale raccoglie metà dell'intera acqua sul tetto piano.
quando piove forte buttta parecchio. Cmq fargli una devizione almeno temporanea
non comporta molto lavoro, dei tubi avanzati ce li ho. Fare una prova non
costa nulla.
Post by Gianluca
Molto probabilmente è fatto come hai disegnato.
I tavelloni sono poggiati su tavolati leggeri in laterizio e tra i
muricci o non hanno messo niente oppure c'è un materassino in lana di vetro.
cosa sono i "muricci"?
Post by Gianluca
Secondo me il tetto non ha niente.
Se ci fosse una perdita dovuta a infiltrazioni nella zona del
tavellonato sarebbe in posizione diversa.
vero.
A meno che la soletta di cemento nella parte superiore (sotto i tavelloni)
non presenti una leggera pendenza verso l'esterno.


cmq se fosse un problema di ponte termico e conseguente
condensazione, come lo risolvo?

oggi provo a fare qualche foto ravvicinata all'interno della canala
sui due lati. e qualche altro particolare.
Post by Gianluca
Gianluca
ciao
fuzzy
Gianluca
2017-12-20 11:21:37 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by fuzzy
Hai portato delle info importanti. Andiamo per ordine
la foto 3 riguarda il vicino, lui non ha latettoia.
Cmq ricontrollerò ... ma tu la fessura passante la intendi
sul lato esterno della canaletta (guardano il disegno)
la paretina della canala lato interno o lato esterno
dove è fissata la tettoia in castagno?
Perchè qui in esterno non rilevo fessurazioni...
Sul lato esterno, ma comunque la fessurazione nel muretto in c.a. è
passante ed è capillare; se c'è una infiltrazione dalla copertina poi si
infila nella fessura e passa sotto.
Post by fuzzy
Per cui ho piu volte pensato a condensazione dell'umidità dell'aria
(sono in zona di mare). Per questo pensavo a condensazione dentro
la zona tra il solaio e i tavelloni, che poi passava per gravità attraverso
la soletta di cemento.
Puoi pure eliminare questa possibilità perché sei all'esterno: non ci
possono essere problemi di condensazione (e comunque non si
verificherebbe sotto il tavellonato).
Post by fuzzy
cosa sono i "muricci"?
Sono le paretine che sostengono i tavelloni.



Gianluca
Giacobino da Tradate
2017-12-21 13:40:11 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
a me sembra piuttosto che l'acqua sia passante
Secondo me il tetto non ha niente. Se ci fosse una perdita dovuta a
infiltrazioni nella zona del tavellonato sarebbe in posizione
diversa.
Allora vuol dire che la goccia e' esterna e "aggira" lo spigolo del
tetto grazie all'effetto Coanda ?
--
la cricca dei giacobini (C) M.G.
Soviet_Mario
2017-12-21 13:43:34 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Giacobino da Tradate
a me sembra piuttosto che l'acqua sia passante
Secondo me il tetto non ha niente. Se ci fosse una perdita
dovuta a
infiltrazioni nella zona del tavellonato sarebbe in posizione
diversa.
Allora vuol dire che la goccia e' esterna e "aggira" lo
spigolo del tetto grazie all'effetto Coanda ?
figata :) (non in questo caso). Avevo visto un tubo di
scarico recuperatore di calore dell'acqua calda, che
"millantava" l'effetto Coanda, dichiarando un roseo 85 % di
recupero termico con un tubo di scarico manco tanto lungo
(tutta roba a doppia camicia, con rame, etc, che costava un
botto). Trovassi di nuovo il link...

Cmq si, l'adesione dell'acqua la porta persino a risalire se
poi scende di più, è come fosse un tubo di sé stessa :)
--
1) Resistere, resistere, resistere.
2) Se tutti pagano le tasse, le tasse le pagano tutti
Soviet_Mario - (aka Gatto_Vizzato)
Gianluca
2017-12-21 15:38:30 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Giacobino da Tradate
Allora vuol dire che la goccia e' esterna e "aggira" lo spigolo del
tetto grazie all'effetto Coanda ?
Fai parte dell'UCAS..?

Quello che l'OP ha disegnato è una gronda in c.a. con muretto di testata.
Ogni getto fessura in fase di ritiro; se predomina una grandezza sulle
altre due (la lunghezza è molto maggiore delle dimensioni trasversali,
es. muri, travi) le fessurazioni interessano la sezione per intero.
Sono fessurazioni che si verificano ogni 4 o 5 metri e sono nell'ordine
del decimo di mm, quindi sono dei capillari e come tali "risucchiano"
l'acqua in tutte le direzioni, non solo verso l'alto.
Qui sotto ho inserito uno schema; spero che si riesca ad aprire il link
perché sono piuttosto negato in queste cose.
Se il link si apre si dovrebbe capire ciò che intendo.

http://dropcanvas.com/otdfr


Gianluca
Windof
2017-12-21 15:54:29 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Gianluca
Post by Giacobino da Tradate
Allora vuol dire che la goccia e' esterna e "aggira" lo spigolo del
tetto grazie all'effetto Coanda ?
Fai parte dell'UCAS..?
Quello che l'OP ha disegnato è una gronda in c.a. con muretto di testata.
Ogni getto fessura in fase di ritiro; se predomina una grandezza sulle
altre due (la lunghezza è molto maggiore delle dimensioni trasversali,
es. muri, travi) le fessurazioni interessano la sezione per intero.
Sono fessurazioni che si verificano ogni 4 o 5 metri e sono nell'ordine
del decimo di mm, quindi sono dei capillari e come tali "risucchiano"
l'acqua in tutte le direzioni, non solo verso l'alto.
Qui sotto ho inserito uno schema; spero che si riesca ad aprire il link
perché sono piuttosto negato in queste cose.
Se il link si apre si dovrebbe capire ciò che intendo.
http://dropcanvas.com/otdfr
Gianluca
Infatti l'unico modo per scoprirlo e fare le prove con l'acqua. Se no
non si arriva da nessuna parte.
Ricordiamoci che il gruppo si chiama fai-da-te, non parla-da-te.
Dunque l'op dovrebbe pure darsi da fare.

Ma temo che la sua prossima mossa sarà spennellare un po' di guaina
liquida in corrispondenza di quel punto.
Gianluca
2017-12-21 16:09:18 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Windof
Infatti l'unico modo per scoprirlo e fare le prove con l'acqua. Se no
non si arriva da nessuna parte.
Ricordiamoci che il gruppo si chiama fai-da-te, non parla-da-te.
Dunque l'op dovrebbe pure darsi da fare.
Ma temo che la sua prossima mossa sarà spennellare un po' di guaina
liquida in corrispondenza di quel punto.
In un precedente posto ho escluso - sempre secondo me - che si tratti
del canale interno.
Se c'è una impermeabilizzazione con guaina, bituminosa o cementizia,
essa è in grado di assorbire le dilatazioni localizzate.
Non escludo, e si vede nelle annotazioni, che sia stato posto in opera
prima un canale di lattoneria e poi si sia proceduto a spennellare tutto
con guaina una volta visto il gocciolamento e "incolpato" il canale.

Comunque adesso l'OP dovrebbe aver più chiara la situazione.


Gianluca
Windof
2017-12-21 16:28:23 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Gianluca
Post by Windof
Infatti l'unico modo per scoprirlo e fare le prove con l'acqua. Se no
non si arriva da nessuna parte.
Ricordiamoci che il gruppo si chiama fai-da-te, non parla-da-te.
Dunque l'op dovrebbe pure darsi da fare.
Ma temo che la sua prossima mossa sarà spennellare un po' di guaina
liquida in corrispondenza di quel punto.
In un precedente posto ho escluso - sempre secondo me - che si tratti
del canale interno.
Se c'è una impermeabilizzazione con guaina, bituminosa o cementizia,
essa è in grado di assorbire le dilatazioni localizzate.
Non escludo, e si vede nelle annotazioni, che sia stato posto in opera
prima un canale di lattoneria e poi si sia proceduto a spennellare tutto
con guaina una volta visto il gocciolamento e "incolpato" il canale.
Comunque adesso l'OP dovrebbe aver più chiara la situazione.
Gianluca
Anche se la foto non è tanto chiara, si nota un accenno di quella
lesione anche sul fondo canale.
Se la struttura presenta una microfessura passante è possibile che
lesioni in breve anche la guaina cementizia elastica. Anche se quesi
prodotti vantano prestazioni mirabolanti in realtà dove ci sono giunti
di dilatazione serve sempre la bandella elastica.
In pratica il metodo che hanno usato per impermeabilizzare quel canale
non era il più idoneo.

Ad ogni modo ribadisco, piuttosto che le parole ora servono le prove sul
posto.
fuzzy
2017-12-21 21:48:31 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Gianluca
Post by Windof
Infatti l'unico modo per scoprirlo e fare le prove con l'acqua. Se no
non si arriva da nessuna parte.
Ricordiamoci che il gruppo si chiama fai-da-te, non parla-da-te.
Dunque l'op dovrebbe pure darsi da fare.
Ma temo che la sua prossima mossa sarà spennellare un po' di guaina
liquida in corrispondenza di quel punto.
il ragazzo teme male.
sono qui a chiedere consigli prima di fare interventi ad minchiam.
Post by Gianluca
In un precedente posto ho escluso - sempre secondo me - che si tratti
del canale interno.
l'ho escluso da subito anche io, perchè ho verificato il rivestimento in
mapelastic in modo accurato, da vicino, non si notano fessure crepe lesioni.
Non ho controllato la copertina inmarmo e il muretto sottostante.
Anche se dalla parte sotto non si vedono microfessurazioni.
Ricontrollero' tutto e faccio delle foto che postero qui.

cmq complimenti a te per il disegno. Molto piu accurato del mio
che cmq ho fatto al volo.
Post by Gianluca
Se c'è una impermeabilizzazione con guaina, bituminosa o cementizia,
Mapelastic. Quello bicomponente.
Post by Gianluca
essa è in grado di assorbire le dilatazioni localizzate.
penso di si.
Post by Gianluca
Non escludo, e si vede nelle annotazioni, che sia stato posto in opera
prima un canale di lattoneria e poi si sia proceduto a spennellare tutto
con guaina una volta visto il gocciolamento e "incolpato" il canale.
quando è stato passato il mapelastic, c'ero anche io. E' stato passato
non con pennello ma con spatola. La copertina non è stata tolta.

La fessurazione o crepa che crede di vedere Windof non esiste è solo una
macchia, l'ho controllata bene.
Post by Gianluca
Comunque adesso l'OP dovrebbe aver più chiara la situazione.
sicuramente.

Devo tornare sul tetto e ispezonare bene la parte che dici:
la giunzione delle copertine (in caso come la chiudo con
stucco bicomponente per marmo? o silicone?)

Eppoi verifico se questo muretto presenta delle fessurazioni appena
sotto la copertina sia in interno che in esterno. E se
la copertina ha il gocciolatoio integro e a distanza dal muretto.
Post by Gianluca
Gianluca
per ora grazie
appena posso posto le foto e vi informo.

Chiamami fuzzy o Valerio, "l'OP" sarà pure l'ultima moda in NG
ma non si puo sentire... :-)

fuzzy
Gianluca
2017-12-22 09:51:29 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by fuzzy
quando è stato passato il mapelastic, c'ero anche io. E' stato passato
non con pennello ma con spatola. La copertina non è stata tolta.
Ecco, io non avrei mai fatto fare una cosa del genere: prima si
impermeabilizza, anche la testata del muretto e fino ai coppi (dalle
foto non si vede ma lo spazio tra coppi e copertina in pietra deve
essere minimo) e poi si monta la copertina; a quel punto, anche se ci
dovessero essere infiltrazioni tra le giunzioni della copertina, queste
troverebbero la guaina e andrebbero sui coppi.

Poi non capisco l'uso del Mapelastic in quel modo: le guaine, bituminose
o cementizie, andrebbero protette dall'esposizione diretta degli agenti
atmosferici. Non potevano mettere una normale lattoneria (che, tra
l'altro, costava meno)?!
Post by fuzzy
la giunzione delle copertine (in caso come la chiudo con
stucco bicomponente per marmo? o silicone?)
Vedi sopra.



Gianluca
fuzzy
2017-12-22 18:42:20 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Gianluca
Post by fuzzy
quando è stato passato il mapelastic, c'ero anche io. E' stato passato
non con pennello ma con spatola. La copertina non è stata tolta.
Ecco, io non avrei mai fatto fare una cosa del genere: prima si
impermeabilizza, anche la testata del muretto e fino ai coppi (dalle
foto non si vede ma lo spazio tra coppi e copertina in pietra deve
essere minimo) e poi si monta la copertina; a quel punto, anche se ci
dovessero essere infiltrazioni tra le giunzioni della copertina, queste
troverebbero la guaina e andrebbero sui coppi.
Oltre questioni teoriche esistono anche limitazioni pratiche. Una tra le
tante: soldi :-)
Con la mente si puo fare tutto, con le tasche è necessario sempre un
compromesso.
Post by Gianluca
Poi non capisco l'uso del Mapelastic in quel modo: le guaine, bituminose
o cementizie, andrebbero protette dall'esposizione diretta degli agenti
atmosferici. Non potevano mettere una normale lattoneria (che, tra
l'altro, costava meno)?!
Non saprei. Ad ogni modo la scheda tecnica dice chiaramente che Mapelastic
è resistente ai raggi UV e puo' essere lasciato a vista.
Post by Gianluca
Post by fuzzy
la giunzione delle copertine (in caso come la chiudo con
stucco bicomponente per marmo? o silicone?)
Vedi sopra.
cioè devo smontare tutte le copertine impermeabilizzare e
rimontarle?

uhm. Vedi sopra.
Post by Gianluca
Gianluca
fuzzy
Gianluca
2017-12-23 11:06:54 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by fuzzy
Non saprei. Ad ogni modo la scheda tecnica dice chiaramente che Mapelastic
è resistente ai raggi UV e puo' essere lasciato a vista.
Hai consultato la scheda tecnica, però anche i documenti tecnici devono
essere analizzati.
Resistente agli UV: *quanto?*

Se vai a pagina 4 della scheda tecnica, in fondo vedrai scritto:
"Nel caso in cui Mapelastic sia utilizzato per la protezione di pile ed
impalcati di ponti, sottopassi ferroviari, facciate di edifici, ecc., il
prodotto potrà essere verniciato con i prodotti della gamma Elastocolor
a base di resine acriliche in dispersione acquosa, disponibili in
un’ampia gamma di colori ottenibili col sistema di colorazione ColorMap"

Secondo te come mai viene protetto, se lo dichiarano resistente agli UV?

Può essere che il tuo canale sia stato protetto in questo modo, e allora
va bene; io avrei usato lattoneria.
Post by fuzzy
cioè devo smontare tutte le copertine impermeabilizzare e
rimontarle?
uhm. Vedi sopra.
Beh, si doveva fare prima (e non sarebbe costato niente di più).
Adesso trovare il punto di ingresso è una bella lotta.
Però togliere e rimettere la copertina non è un lavoro improbo...
Facci sapere.


Gianluca
fuzzy
2017-12-23 12:02:10 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Gianluca
Post by fuzzy
Non saprei. Ad ogni modo la scheda tecnica dice chiaramente che Mapelastic
è resistente ai raggi UV e puo' essere lasciato a vista.
Hai consultato la scheda tecnica, però anche i documenti tecnici devono
essere analizzati.
Resistente agli UV: *quanto?*
"Nel caso in cui Mapelastic sia utilizzato per la protezione di pile ed
impalcati di ponti, sottopassi ferroviari, facciate di edifici, ecc., il
prodotto potrà essere verniciato con i prodotti della gamma Elastocolor
a base di resine acriliche in dispersione acquosa, disponibili in
un’ampia gamma di colori ottenibili col sistema di colorazione ColorMap"
Secondo te come mai viene protetto, se lo dichiarano resistente agli UV?
Può essere che il tuo canale sia stato protetto in questo modo, e allora
va bene; io avrei usato lattoneria.
Post by fuzzy
cioè devo smontare tutte le copertine impermeabilizzare e
rimontarle?
uhm. Vedi sopra.
Beh, si doveva fare prima (e non sarebbe costato niente di più).
Adesso trovare il punto di ingresso è una bella lotta.
Però togliere e rimettere la copertina non è un lavoro improbo...
Facci sapere.
Gianluca
dunque queste sono foto ravvicinate della canala di raccolta.
Stavolta ho usato la lumix che ha anche il macro.
faccio prima a condividere l'intera cartella

https://drive.google.com/open?id=1vbcqhbtU4xv_G3Ihba0cBvBNuvGK43jm

spero si vedano

le prime 6 foto riguardano il lato esterno e l'attacco della
tettoia in legno.

da 7 a 14 sono foto della canaletta. Le ultime due sono particolari
e l'ultima mostra la giunzione delle copertine.

Io noto che
-i gocciolatoi sembrano a posto
-la guaina verde ardesiata sembra ben messa
-non noto crepe sulla guaina di mapelastic

le cose sospette mi paiono, ma potrei sbagliarmi
- le crepe in esterno (foto 1-6)
- la fessura di giunzione delle coertine (foto 14)

"Beh, si doveva fare prima "

certo, col senno di poi....

"(e non sarebbe costato niente di più). "

Questo me lo avrebbe dovuto dire la ditta. Non li ho fatti io
questi lavori.

"Però togliere e rimettere la copertina non è un lavoro improbo... "

Beh si, devo togliere le due copertine (ciascuna da 120cm)
(come si fanno a toglierle senza romperle? c'è una tecnica particolare?)
Pulire bene il muretto, impermeabilizzarlo (potrei usare della malta
osmotica che mi è avanzata? o meglio il una elastomerica?)
a quel punto mi converrebbe credo anche mettere mano
a quelle crepe esterne.

fuzzy
Gianluca
2017-12-23 15:19:52 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by fuzzy
Beh si, devo togliere le due copertine (ciascuna da 120cm)
(come si fanno a toglierle senza romperle? c'è una tecnica particolare?)
Pulire bene il muretto, impermeabilizzarlo (potrei usare della malta
osmotica che mi è avanzata? o meglio il una elastomerica?)
a quel punto mi converrebbe credo anche mettere mano
a quelle crepe esterne.
fuzzy
Tra muretto e coppi non hanno messo nessuna scossalina: voler sigillare
tutte le crepe su tutta la lunghezza con una guaina liquida ti puoi
provare, ma non so se funzionerà.
Tieni presente che la tua copertina è di cemento, quindi toglierla
intera non sarebbe un problema.

Allora, visto che la soluzione radicale non ti aggrada, ti propongo due
alternative:

http://dropcanvas.com/#50c9D9PXe1YD1O

La soluzione 1 è il minimo del minimo: applichi e poi preghi.

La soluzione 2 è già qualcosa di serio, ma devi togliere e rimettere la
copertina.
Potresti anche non rimetterla, ma poi non avresti più continuità con
quella del vicino e non sarebbe un bel vedere.
Come lattoneria puoi usare lamiera preverniciata o alluminio.
Se usi il rame meglio ancora.


Gianluca
fuzzy
2017-12-23 17:48:09 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Gianluca
Tra muretto e coppi non hanno messo nessuna scossalina: voler sigillare
tutte le crepe su tutta la lunghezza con una guaina liquida ti puoi
provare, ma non so se funzionerà.
uhm, non mi convince. Quella crepa divide il muretto sopra e sotto
invece c'è una guaina (foto due). Come se avessero messo una specie di guaina
sottile... boh.... conviene smontare e dare un'occhiata.
Forse se riuscissi a risaldare bene questa specie di guaina....
Post by Gianluca
http://dropcanvas.com/#50c9D9PXe1YD1O
mi padre anche era ingegnere (edile) aveva una mano come la tua...

rip
Post by Gianluca
La soluzione 2 è già qualcosa di serio, ma devi togliere e rimettere la
copertina.
Potresti anche non rimetterla, ma poi non avresti più continuità con
quella del vicino e non sarebbe un bel vedere.
Come lattoneria puoi usare lamiera preverniciata o alluminio.
Se usi il rame meglio ancora.
Gianluca
togliere le soglie non credo sia un problema. La soluzione 2
mi sembra senz'altro la migliore. Pero per fare una cosa
completa devo toglierle per tutta la lunghezza della tettoia.
Non so se allo Smorzo hanno una scossalina già profilata....
zincata. Devo chiedere.

Cmq tu confermi che il problema sorge da queste crepe esterne?

ciao
fuzzy
Gianluca
2017-12-24 11:16:13 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by fuzzy
Cmq tu confermi che il problema sorge da queste crepe esterne?
Confermi... è una parola grossa.
Diciamo che, una volta escluso il canale, le prove indicano un solo
colpevole.

Per quanto riguarda le lattonerie: non le trovi, si fanno fare su misura
e serve un lattoniere.

Tra l'altro non sono nemmeno così sicuro che le copertine siano di
cemento: le foto non hanno riferimenti (oggetti di dimensione
nota/righello ritratti nelle stesse foto, ecc.). Potrebbero essere di
calcestruzzo molto rovinato o anche di travertino.

In ogni caso con pochi soldi te la cavi.


Gianluca
fuzzy
2017-12-24 11:59:45 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Gianluca
Post by fuzzy
Cmq tu confermi che il problema sorge da queste crepe esterne?
Confermi... è una parola grossa.
Diciamo che, una volta escluso il canale, le prove indicano un solo
colpevole.
Per quanto riguarda le lattonerie: non le trovi, si fanno fare su misura
e serve un lattoniere.
Tra l'altro non sono nemmeno così sicuro che le copertine siano di
cemento: le foto non hanno riferimenti (oggetti di dimensione
nota/righello ritratti nelle stesse foto, ecc.). Potrebbero essere di
calcestruzzo molto rovinato o anche di travertino.
travertino da 3cm
Post by Gianluca
In ogni caso con pochi soldi te la cavi.
Gianluca
appena ho tempo passo alla pratica.

buone feste
fuzzy
fuzzy
2018-03-18 15:56:06 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by fuzzy
Post by Gianluca
Post by fuzzy
Cmq tu confermi che il problema sorge da queste crepe esterne?
Confermi... è una parola grossa.
Diciamo che, una volta escluso il canale, le prove indicano un solo
colpevole.
Per quanto riguarda le lattonerie: non le trovi, si fanno fare su misura
e serve un lattoniere.
Tra l'altro non sono nemmeno così sicuro che le copertine siano di
cemento: le foto non hanno riferimenti (oggetti di dimensione
nota/righello ritratti nelle stesse foto, ecc.). Potrebbero essere di
calcestruzzo molto rovinato o anche di travertino.
travertino da 3cm
Post by Gianluca
In ogni caso con pochi soldi te la cavi.
Gianluca
appena ho tempo passo alla pratica.
buone feste
fuzzy
Riprendo un attimo il problema che per ora non è risolto.
Sto aspettando la bella stagione per metterci mano.

Nel frattempo la nevicata ha acuito il problema , le infiltrazioni
sono aumentate.

Ora avrei bisogno di una indicazione: come installare la scossalina.
Lo smorzo me la fa su misura, debbo togliere 4 copertine di travertino
per un totale di 5,5metri.

tolte le copertine e la vecchia malta di allettamento, POI COME FISSO LA SCOSSALINA?

Io ho pensato a una cosa simile. Ma non avendoci mai avuto a che fare
magari ho preso una topica.

https://drive.google.com/open?id=1wcSChi5zb0NcO6otXG52FO-tbrVHVNE3

il mio dubbio è se la malta attacchi sulla scossalina. Non vorrei che
alla prima buriana mi partono le copertine. :-)

fuzzy
Gianluca
2018-03-19 10:30:58 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by fuzzy
Riprendo un attimo il problema che per ora non è risolto.
Sto aspettando la bella stagione per metterci mano.
...
il mio dubbio è se la malta attacchi sulla scossalina. Non vorrei che
alla prima buriana mi partono le copertine. :-)
fuzzy
Il punto critico di quella soluzione è appunto l'uso della malta sulla
scossalina metallica.
La scossalina la fissi con tasselli che andranno ricoperti di silicone,
come al solito.

L'altra volta non te l'ho detto, ma per la posa delle copertine in
travertino sulla scossalina io userei qualche prodotto a base di
silicone. Se usi malta normale nel giro di breve si sgretola (anche
perché la dilatazione della scossalina, quando prende il sole, è ben
diversa dalla malta e dalle copertine).

Una alternativa potrebbe essere l'uso di malte tixotropiche (tipo quelle
per i rinforzi) che hanno una capacità di aggrappo notevole.
Se poi devi togliere le copertine in pietra non ti verranno più pulite,
a meno di levigarle col flessibile.


Gianluca
fuzzy
2018-03-20 07:34:56 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Gianluca
Post by fuzzy
Riprendo un attimo il problema che per ora non è risolto.
Sto aspettando la bella stagione per metterci mano.
...
il mio dubbio è se la malta attacchi sulla scossalina. Non vorrei che
alla prima buriana mi partono le copertine. :-)
fuzzy
Il punto critico di quella soluzione è appunto l'uso della malta sulla
scossalina metallica.
ecco appunto :-)
Post by Gianluca
La scossalina la fissi con tasselli che andranno ricoperti di silicone,
come al solito.
bene.
Post by Gianluca
Una alternativa potrebbe essere l'uso di malte tixotropiche (tipo quelle
per i rinforzi) che hanno una capacità di aggrappo notevole.
la F76 della cercol è anche fibrorinforzata.
Post by Gianluca
Se poi devi togliere le copertine in pietra non ti verranno più pulite,
a meno di levigarle col flessibile.
spero di non doverle toccare mai piu.

ti diro' che questo "incollaggio" su una superficie cosi liscia come
una lattoniera non mi piace per niente.

... e (adesso diro' una vaccata) se ci mettessi una vite con tassello
per ogni copertina?
la copertina è da 3cm. con una fresetta a tazza ci faccio un incavo (sede)
di 1 cm (per la testa della vite). Una volta avvitata con silicone, chiudo
con stucco bicomponente. Invisibile impermeabile inamovibile.

fine

Basterebbe una vitona per ogni copertina, giusto per dare un ancoraggio
fisico di sicurezza.

rischio infiltrazioni?
Post by Gianluca
Gianluca
fuzzy
fuzzy
2018-03-20 08:46:06 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by fuzzy
Post by Gianluca
Post by fuzzy
Riprendo un attimo il problema che per ora non è risolto.
Sto aspettando la bella stagione per metterci mano.
...
il mio dubbio è se la malta attacchi sulla scossalina. Non vorrei che
alla prima buriana mi partono le copertine. :-)
fuzzy
Il punto critico di quella soluzione è appunto l'uso della malta sulla
scossalina metallica.
ecco appunto :-)
Post by Gianluca
La scossalina la fissi con tasselli che andranno ricoperti di silicone,
come al solito.
bene.
Post by Gianluca
Una alternativa potrebbe essere l'uso di malte tixotropiche (tipo quelle
per i rinforzi) che hanno una capacità di aggrappo notevole.
la F76 della cercol è anche fibrorinforzata.
Post by Gianluca
Se poi devi togliere le copertine in pietra non ti verranno più pulite,
a meno di levigarle col flessibile.
spero di non doverle toccare mai piu.
ti diro' che questo "incollaggio" su una superficie cosi liscia come
una lattoniera non mi piace per niente.
... e (adesso diro' una vaccata) se ci mettessi una vite con tassello
per ogni copertina?
la copertina è da 3cm. con una fresetta a tazza ci faccio un incavo (sede)
di 1 cm (per la testa della vite). Una volta avvitata con silicone, chiudo
con stucco bicomponente. Invisibile impermeabile inamovibile.
fine
Basterebbe una vitona per ogni copertina, giusto per dare un ancoraggio
fisico di sicurezza.
rischio infiltrazioni?
Post by Gianluca
Gianluca
fuzzy
avevo pensato un'altra cosa anche, forse un pochino piu brutta esteticamente , ma di gran lunga piu sicura.

far sagomare la scossalina in modo da metterla sopra la copertina.
Dandogli un profilo ad incastro in modo che si "agganci" sulla copertina.
______
\ /

tipo questa sopra per capirci.


fuzzy
Gianluca
2018-03-20 17:08:50 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by fuzzy
avevo pensato un'altra cosa anche, forse un pochino piu brutta esteticamente , ma di gran lunga piu sicura.
far sagomare la scossalina in modo da metterla sopra la copertina.
Dandogli un profilo ad incastro in modo che si "agganci" sulla copertina.
______
\ /
tipo questa sopra per capirci.
fuzzy
Questa è orribile, e poi per fissare la scossalina dovresti comunque
bucare da qualche parte.
Se non ti fidi della sola malta di allettamento potresti far coincidere
il tassello in corrispondenza delle giunte delle copertine e mettere una
staffetta inox che ne tiene ferme due.


Gianluca
fuzzy
2018-05-07 15:15:03 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Gianluca
Post by fuzzy
avevo pensato un'altra cosa anche, forse un pochino piu brutta esteticamente , ma di gran lunga piu sicura.
far sagomare la scossalina in modo da metterla sopra la copertina.
Dandogli un profilo ad incastro in modo che si "agganci" sulla copertina.
______
\ /
tipo questa sopra per capirci.
fuzzy
Questa è orribile, e poi per fissare la scossalina dovresti comunque
bucare da qualche parte.
Se non ti fidi della sola malta di allettamento potresti far coincidere
il tassello in corrispondenza delle giunte delle copertine e mettere una
staffetta inox che ne tiene ferme due.
Gianluca
questa è una buona idea.

Ma ho un altro problema. Innanzitutto ho coperto quei 5 metri con un telo di plastica spesso. Ha piovuto e non si è piu presentato il problema.
Quindi è proprio da li che entra l'acqua.

il problema è che nessuno qui fa la scossalina su misura.
Devo fare in un altro modo.

1) smonto tutte le copertine e pulisco bene il bordo (volendo potrei
spennellare con cemento osmotico, a mo di prima protezione)

poi , ecco l'alternativa a cui pensavo

2a) faccio una copertura con guaina ardesiata, taglio una lunga
striscia 30-40 cm e la piego a U (rovesciata) e la saldo.

2b) OPPURE la protezione a U la faccio con delle guaine liquide e con tessuto non tessuto per rinforzare

3) e infine sopra ci rincollo le copertine con colla poliuretanica
o con colla per piastrelle (non è meglio della malta di allettamento?).

che ne pensate?

fuzzy
Gianluca
2018-05-08 10:19:47 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by fuzzy
Ma ho un altro problema. Innanzitutto ho coperto quei 5 metri con un telo di plastica spesso. Ha piovuto e non si è piu presentato il problema.
Quindi è proprio da li che entra l'acqua.
il problema è che nessuno qui fa la scossalina su misura.
Devo fare in un altro modo.
1) smonto tutte le copertine e pulisco bene il bordo (volendo potrei
spennellare con cemento osmotico, a mo di prima protezione)
poi , ecco l'alternativa a cui pensavo
2a) faccio una copertura con guaina ardesiata, taglio una lunga
striscia 30-40 cm e la piego a U (rovesciata) e la saldo.
2b) OPPURE la protezione a U la faccio con delle guaine liquide e con tessuto non tessuto per rinforzare
3) e infine sopra ci rincollo le copertine con colla poliuretanica
o con colla per piastrelle (non è meglio della malta di allettamento?).
che ne pensate?
fuzzy
Puoi fare in entrambi i modi.
Con la guaina (superficie superiore ARDESIATA) la vedo più semplice
(però non salderei perché sotto hai il canale impermeabilizzato con
guaina liquida e saldarci sopra la guaina a fiamma non è la sua. Casomai
darei una scaldata dalla parte esterna per raccordarla ai coppi e
coprire le crepe sotto le copertine).

Se scegli guaina liquida devi lavorare un po' più di fino (e comunque
raccorderei sempre verso i coppi).

Per fissare le copertine basta una normale malta di allettamento; se
vuoi usare colla va bene ancora (ma attento agli spessori...).


Gianluca
fuzzy
2018-05-08 17:26:13 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Gianluca
Se scegli guaina liquida devi lavorare un po' più di fino (e comunque
raccorderei sempre verso i coppi).
si in effetti credo sia meglio coprire i coppi per un tratto
diciamo un 15-20 cm, in tal caso è meglio l'ardesiata.

Saldo bene solo sopra, mentre i due lati scaldo solo per sagomare la guaina.

ok.
Post by Gianluca
Per fissare le copertine basta una normale malta di allettamento; se
vuoi usare colla va bene ancora (ma attento agli spessori...).
Gianluca
già, con la malta posso fare spessore con le altre poco. uhm...
vabbe vado di mm30 o similare.

grazie
fuzzy
fuzzy
2018-05-13 17:30:23 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by fuzzy
Post by Gianluca
Se scegli guaina liquida devi lavorare un po' più di fino (e comunque
raccorderei sempre verso i coppi).
si in effetti credo sia meglio coprire i coppi per un tratto
diciamo un 15-20 cm, in tal caso è meglio l'ardesiata.
Saldo bene solo sopra, mentre i due lati scaldo solo per sagomare la guaina.
ok.
Post by Gianluca
Per fissare le copertine basta una normale malta di allettamento; se
vuoi usare colla va bene ancora (ma attento agli spessori...).
Gianluca
già, con la malta posso fare spessore con le altre poco. uhm...
vabbe vado di mm30 o similare.
grazie
fuzzy
e dai che ci siamo

passato il cemento osmotico che si vede in grigio, e sopra gli sto dando
il primer per la guaina. Doppia protezione.

https://drive.google.com/open?id=1_SMrTTbKOWDVnvWo92Kvqg44Eiry_0SA

https://drive.google.com/open?id=1koHFy91h6tuhUnqHl3y6yYM_t6cFrROK

e infine ho saldato la guaina

https://drive.google.com/open?id=1B_dfIEUHW602bGExnsEcw_mrYFcdh7iz

https://drive.google.com/open?id=16dFjVLz_CScVcKOVXdz0Tq0ptS7ZNEmx

a questo punto mi manca da rimettere il travertino.

Ultimo sforzo. e poi spero di archiviare la pratica uff..
.. Cavolo cosi dovrebbe essere a posto.
Alle prossime piogge si vedra'.

all'inizio sembrano tutti lavoretti ma a 52 anni per uno come me che
lavora davanti al computer a contare numeri mica tanto lavoretto...

vabbe'...

fuzzy

DR
2017-12-21 16:02:22 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
On 12/21/2017 04:38 PM, Gianluca wrote:
<...>
Post by Gianluca
http://dropcanvas.com/otdfr
Complimenti per il disegno :)

Davide.
Giampaolo Natali
2017-12-21 16:50:29 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by DR
<...>
Post by Gianluca
http://dropcanvas.com/otdfr
Complimenti per il disegno :)
Davide.
+1

Veramente bravo.
--
Giampaolo Natali
***@alice.it
Giacobino da Tradate
2017-12-21 19:59:14 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Gianluca
Post by Giacobino da Tradate
Allora vuol dire che la goccia e' esterna e "aggira" lo spigolo del
tetto grazie all'effetto Coanda ?
Fai parte dell'UCAS..?
Ho solo chiesto.
Post by Gianluca
Qui sotto ho inserito uno schema; spero che si riesca ad aprire il link
disegni molto belli, sei architetto?
--
la cricca dei giacobini (C) M.G.
Gianluca
2017-12-22 09:56:41 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Giacobino da Tradate
disegni molto belli, sei architetto?
Adesso non offendiamo... :)

Sono ingegnere e quando mi occupo di D.L. abitualmente disegno i
particolari a mano, quotati.
Rispetto al disegno al CAD disegnando a mano libera faccio prima, posso
pensare meglio ad ogni dettaglio e la chiarezza grafica è superiore
(secondo me) di un disegno fatto a computer.
Per lo schizzo ho impiegato meno di 1/4 d'ora.


Gianluca
Loading...