Discussione:
travi, assi e listelli come legna da ardere
Aggiungi Risposta
Roberto Bianchi
2017-08-10 14:21:57 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
ciao a tutti, vorrei un vostro parere.
una mia amica ha in cantina una catasta piuttosto grande di vecchie
travi lunghe anche 6 m, + travetti vari + assi del vecchio pavimento +
listelli vari.
vorrebbe buttare via tutto, ma io le ho detto che andrebbero benissimo
per il camino, anche se impolverate: che problema c'è? le scuoti man
mano che le utilizzi e via.
peraltro essendo legno piuttosto vecchio e secco dovrebbe essere ottimo
no?
più che altro la seccatura è tagliarlo, ma con una sega circolare e un
po' di pazienza .........
che ne pensate?
Fabbrogiovanni
2017-08-10 15:12:40 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Roberto Bianchi
ciao a tutti, vorrei un vostro parere.
una mia amica ha in cantina una catasta piuttosto grande di vecchie
travi lunghe anche 6 m, + travetti vari + assi del vecchio pavimento +
listelli vari.
vorrebbe buttare via tutto, ma io le ho detto che andrebbero benissimo
per il camino, anche se impolverate: che problema c'è? le scuoti man
mano che le utilizzi e via.
peraltro essendo legno piuttosto vecchio e secco dovrebbe essere ottimo
no?
più che altro la seccatura è tagliarlo, ma con una sega circolare e un
po' di pazienza .........
che ne pensate?
Io voto per bruciare:-)

Magari, invece di una sega circolare, userei una moto-sega.
Che non deve necessariamente essere "moto", fosse anche "elettro" basta
e avanza:-)
--
Fabbrogiovanni
Gianluca
2017-08-10 15:12:04 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
... ma io le ho detto che andrebbero benissimo
Post by Roberto Bianchi
per il camino, anche se impolverate: che problema c'è? le scuoti man
mano che le utilizzi e via.
Io voto per bruciare:-)
Magari, invece di una sega circolare, userei una moto-sega.
Che non deve necessariamente essere "moto", fosse anche "elettro" basta
e avanza:-)
Non vorrei rovinare i vostri piani per il barbecue, ma... il legno da
costruzione (e più ancora il pavimento) è trattato con impregnanti vari,
quindi non andrebbe bruciato ma trattato come rifiuto speciale.

Poi, per bruciare, brucia :)


Gianluca
Fabbrogiovanni
2017-08-10 15:26:44 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Gianluca
Post by Fabbrogiovanni
Io voto per bruciare:-)
Magari, invece di una sega circolare, userei una moto-sega.
Che non deve necessariamente essere "moto", fosse anche "elettro" basta e
avanza:-)
Non vorrei rovinare i vostri piani per il barbecue, ma... il legno da
costruzione (e più ancora il pavimento) è trattato con impregnanti vari,
quindi non andrebbe bruciato ma trattato come rifiuto speciale.
Ciavete ragione, ho letto l'elenco dei materiali solo nella riga
"Oggetto" e ho saltato la descrizione, dove si parla di pavimenti e
affini.
Post by Gianluca
Poi, per bruciare, brucia :)
E anche meglio, tutte quelle porcherie aggiunte sopra incentivano la
combustione:-)
--
Fabbrogiovanni
Roberto Bianchi
2017-08-10 16:36:36 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Gianluca
Non vorrei rovinare i vostri piani per il barbecue, ma... il legno da
costruzione (e più ancora il pavimento) è trattato con impregnanti vari,
quindi non andrebbe bruciato ma trattato come rifiuto speciale.
boh, magari mi sbaglio, ma mi sembra tutto naturale, altrimenti non si
sarebbero tarlati o mi sbaglio?
Post by Gianluca
Poi, per bruciare, brucia :)
si spera :)
Gianluca
2017-08-11 09:05:19 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Roberto Bianchi
boh, magari mi sbaglio, ma mi sembra tutto naturale, altrimenti non si
sarebbero tarlati o mi sbaglio?
Gli impregnanti entrano nel legno, non fanno pellicole, quindi non sono
visibili.
Molto probabile quindi che ti sembri "tutto naturale".
Quanto poi alla tarlatura: considera che quei prodotti mantengono la
loro efficacia se vengono rinnovati.

Per esperienza ti dico che i legni da costruzione, come legna da ardere,
non valgono niente. Fanno un sacco di fumo e braci che durano poco.

Io ho ancora diversi pallet di legname vario, tagliato da camino: lo
accendo pochissimo proprio perché sporca e devi sempre alimentarlo (le
assi bruciano con grande velocità e devi passare la serata a buttar su
legna).

Se la tua amica vuole bruciarlo, che si accerti almeno che il camino
tiri bene!

Gianluca
Roberto Bianchi
2017-08-10 16:34:56 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Fabbrogiovanni
Io voto per bruciare:-)
Magari, invece di una sega circolare, userei una moto-sega.
Che non deve necessariamente essere "moto", fosse anche "elettro" basta
e avanza:-)
le moto/elettro sega mi mette i brividi, una sega circolare tipo questa
la trovo molto più tranquillizzante
https://www.bricoman.it/media/foto_articoli/2015/11/10036140_HR_PRO_V01_
2015_11_16_134402_original.JPG

la moto sega scappa no? ho sentito in molti che hanno paura e si son
fatti male
lorenzo s
2017-08-10 16:52:21 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Roberto Bianchi
le moto/elettro sega mi mette i brividi, una sega circolare tipo questa
la trovo molto più tranquillizzante
https://www.bricoman.it/media/foto_articoli/2015/11/10036140_HR_PRO_V01_
2015_11_16_134402_original.JPG
Ma no, con quella fai tagli lungitudinali, ovvero tagli tavolati o tavole larghe.
Meglio una troncatrice, ne vendono anche con il banco.
- ma il vecchio pavimento era naturale?
Roberto Bianchi
2017-08-10 17:08:00 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by lorenzo s
Post by Roberto Bianchi
le moto/elettro sega mi mette i brividi, una sega circolare tipo questa
la trovo molto più tranquillizzante
https://www.bricoman.it/media/foto_articoli/2015/11/10036140_HR_PRO_V01_
2015_11_16_134402_original.JPG
Ma no, con quella fai tagli lungitudinali, ovvero tagli tavolati o tavole larghe.
Meglio una troncatrice, ne vendono anche con il banco.
- ma il vecchio pavimento era naturale?
ma veramente ci sono anche filmati nei quali fanno tagli latitudinali.
il vecchio pavimento, che poi era una loggia e quindi all'aperto coperta
da un tetto era di assi grezzi, sono sicuro al 99% che non fossero
trattati con nessun impregnante, ma la prossima volta che ci capito
guardo meglio.
una troncatrice col banco costa di più però, e non vi ho detto che ci
sono alcune parti di travi e pavimento da buttar giù: una sega circolare
mi pare ottima
androidino da tradate
1970-01-01 00:00:00 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Roberto Bianchi
le moto/elettro sega mi mette i brividi, una sega circolare tipo questa
la trovo molto più tranquillizzante
voglio proprio vederti a presentare alla sega un palo da 6 metri
perché lo tagli a ciocchi da 30 - 40 cm
--
illuminismo e razionalità


----Android NewsGroup Reader----
http://usenet.sinaapp.com/
Roberto Bianchi
2017-08-10 19:11:24 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by androidino da tradate
Post by Roberto Bianchi
le moto/elettro sega mi mette i brividi, una sega circolare tipo questa
la trovo molto più tranquillizzante
voglio proprio vederti a presentare alla sega un palo da 6 metri
Post by androidino da tradate
perché lo tagli a ciocchi da 30 - 40 cm
veramente l'intenzione è di farli da 24 cm :-D
comunque non vedo la differenza tra l'usare una troncatrice, sega
circolare o moto/elettrosega: non è che il lavoro in termini di fatica
sia molto diverso.
a dire il vero una moto/elettro sega avendo le maglie molto larghe
dovrebbe fare molta più segatura.
o no?
giacobino on the move
2017-08-10 20:18:23 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by androidino da tradate
Post by Roberto Bianchi
le moto/elettro sega mi mette i brividi
sono fatte apposta per sfettare i tronchi
Post by androidino da tradate
voglio proprio vederti a presentare alla sega un palo da 6 metri
non avevo visto il tuo link, pensavo che fosse la solita sega da banco
quella che hai linkato e' ancora meno adatta, e' una sega a mano da
pannelli

non si maneggia su un tronco !
Post by androidino da tradate
comunque non vedo la differenza tra l'usare una troncatrice, sega
la vedo io

la troncatrice va benissimo per tagliare i listelli x' sottili , non va
bene i tronchi troppo spessi

la circolare a mano non va bene x niente

la sega a catena e' ideata per tagliare i tronchi, assieme uno o due
cavalletti
Post by androidino da tradate
non è che il lavoro in termini di fatica
sia molto diverso.
la fatica e'irrilevante, cambia la praticabilita' (maneggevolezza)
Post by androidino da tradate
a dire il vero una moto/elettro sega avendo le maglie molto larghe
dovrebbe fare molta più segatura.
non piu' tanta ma piu' grossolana
Roberto Bianchi
2017-08-10 20:27:02 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by giacobino on the move
non avevo visto il tuo link, pensavo che fosse la solita sega da banco
quella che hai linkato e' ancora meno adatta, e' una sega a mano da
pannelli
non si maneggia su un tronco !
tronchi da 25 cm di diametro sono solo 2, per il resto sono travi larghe
10 cm e alte 15 cm. con una sega circolare da 55 mm ce la fai, prima da
una parte e poi dall'altra
Post by giacobino on the move
la sega a catena e' ideata per tagliare i tronchi, assieme uno o due
cavalletti
mi vengono i brividi. una volta un mio prof gli è scappata e per poco
non ci rimette il dito ...... brrrrrrrrrrrrrr ........
Post by giacobino on the move
Post by Roberto Bianchi
a dire il vero una moto/elettro sega avendo le maglie molto larghe
dovrebbe fare molta più segatura.
non piu' tanta ma piu' grossolana
grossolana sicuramente, ma la larghezza della lama rispetto ad una sega
circolare è molto più grande
romolo
2017-08-10 20:43:47 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Roberto Bianchi
Post by giacobino on the move
non avevo visto il tuo link, pensavo che fosse la solita sega da banco
quella che hai linkato e' ancora meno adatta, e' una sega a mano da
pannelli
non si maneggia su un tronco !
tronchi da 25 cm di diametro sono solo 2, per il resto sono travi larghe
10 cm e alte 15 cm. con una sega circolare da 55 mm ce la fai, prima da
una parte e poi dall'altra
Valuterei una sega a gattuccio, ce ne sono con lama sufficientemente
lunga.
Di certo e' la piu' sicura e farsi del male con questa
proprio e' difficile.
Comunque un bel post sulle seghe ci sta tutto
nel fai-da-te !!!!
Roberto Bianchi
2017-08-10 20:47:24 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
In article <omigi4$df3$***@news.albasani.net> romolo <***@mail.com>
says...
Post by romolo
Valuterei una sega a gattuccio, ce ne sono con lama sufficientemente
lunga.
Di certo e' la piu' sicura e farsi del male con questa
proprio e' difficile.
sì ma dai, a mano ...........
Post by romolo
Comunque un bel post sulle seghe ci sta tutto
nel fai-da-te !!!!
ahahah! geniale! :-D
mi han sentito ridere anche nell'altro condominio
romolo
2017-08-10 21:01:23 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Roberto Bianchi
says...
Post by romolo
Valuterei una sega a gattuccio, ce ne sono con lama sufficientemente
lunga.
Di certo e' la piu' sicura e farsi del male con questa
proprio e' difficile.
sì ma dai, a mano ...........
Ci sono quelle elettriche diamine, googla
Post by Roberto Bianchi
Post by romolo
Comunque un bel post sulle seghe ci sta tutto
nel fai-da-te !!!!
ahahah! geniale! :-D
mi han sentito ridere anche nell'altro condominio
Soviet_Mario
2017-08-10 21:54:11 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Roberto Bianchi
Post by giacobino on the move
non avevo visto il tuo link, pensavo che fosse la solita sega da banco
quella che hai linkato e' ancora meno adatta, e' una sega a mano da
pannelli
non si maneggia su un tronco !
tronchi da 25 cm di diametro sono solo 2, per il resto sono travi larghe
10 cm e alte 15 cm. con una sega circolare da 55 mm ce la fai, prima da
una parte e poi dall'altra
Io non so che modello hai tu, io ne ho una da 22 cm mi pare,
ma la sporgenza sul piatto del fondo è 5 cm appena appena
abbondanti.
Su un tronco da 10 devi farti le due passate sui lati
lunghi, pregando il padreterno di azzeccare perfettamente la
coplanarità dei tagli, se no restano dei ponticelli non
tagliati, flessibili, il trave torce e se hai culo si apre,
se no pinza
Post by Roberto Bianchi
Post by giacobino on the move
la sega a catena e' ideata per tagliare i tronchi, assieme uno o due
cavalletti
mi vengono i brividi. una volta un mio prof gli è scappata e per poco
non ci rimette il dito ...... brrrrrrrrrrrrrr ........
Post by giacobino on the move
Post by Roberto Bianchi
a dire il vero una moto/elettro sega avendo le maglie molto larghe
dovrebbe fare molta più segatura.
non piu' tanta ma piu' grossolana
grossolana sicuramente, ma la larghezza della lama rispetto ad una sega
circolare è molto più grande
su questo è pacifico : il volume originale di legno
asportano non è inferiore allo spessore della lama. Cmq i
trucioloni grossi sono più facili da raccogliere e soffocano
meno la fiamma se li bruci.
--
1) Resistere, resistere, resistere.
2) Se tutti pagano le tasse, le tasse le pagano tutti
Soviet_Mario - (aka Gatto_Vizzato)


---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
Roberto Bianchi
2017-08-11 10:14:32 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Soviet_Mario
Io non so che modello hai tu, io ne ho una da 22 cm mi pare,
ma la sporgenza sul piatto del fondo è 5 cm appena appena
abbondanti.
Su un tronco da 10 devi farti le due passate sui lati
lunghi, pregando il padreterno di azzeccare perfettamente la
coplanarità dei tagli, se no restano dei ponticelli non
tagliati, flessibili, il trave torce e se hai culo si apre,
se no pinza
sì infatti avevo messo in conto più passate: al momento non ce l'ho
pensavo di comprarne una da 55 mm: in 2 passate faccio un tocco
Soviet_Mario
2017-08-11 10:25:32 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Roberto Bianchi
Post by Soviet_Mario
Io non so che modello hai tu, io ne ho una da 22 cm mi pare,
ma la sporgenza sul piatto del fondo è 5 cm appena appena
abbondanti.
Su un tronco da 10 devi farti le due passate sui lati
lunghi, pregando il padreterno di azzeccare perfettamente la
coplanarità dei tagli, se no restano dei ponticelli non
tagliati, flessibili, il trave torce e se hai culo si apre,
se no pinza
sì infatti avevo messo in conto più passate: al momento non ce l'ho
pensavo di comprarne una da 55 mm: in 2 passate faccio un tocco
son cose che non si fanno perché è lungo e tedioso, ma
quando tagli legna molto lunga, idealmente, dovresti
predisporre dei supporti messi in modo tale che, sempre
idealmente, i due pezzi tagliati resterebbero in appoggio
senza muoversi.
Diversamente, compensi alla meglio con la mano libera
(almeno la sega circ. da banco ti lascia libere entrambe le
mani per le compensazioni) uno dei due pezzi, cercando di
capire in che modo cerca di torcere.
--
1) Resistere, resistere, resistere.
2) Se tutti pagano le tasse, le tasse le pagano tutti
Soviet_Mario - (aka Gatto_Vizzato)


---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
Roberto Bianchi
2017-08-11 13:10:23 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Soviet_Mario
son cose che non si fanno perché è lungo e tedioso, ma
quando tagli legna molto lunga, idealmente, dovresti
predisporre dei supporti messi in modo tale che, sempre
idealmente, i due pezzi tagliati resterebbero in appoggio
senza muoversi.
Diversamente, compensi alla meglio con la mano libera
(almeno la sega circ. da banco ti lascia libere entrambe le
mani per le compensazioni) uno dei due pezzi, cercando di
capire in che modo cerca di torcere.
una trave di 4 m se ne tagli un pezzo da 25 cm provoca torsioni?
neanche fosse fil di ferro! non pensavo, veramente
Soviet_Mario
2017-08-11 14:12:25 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Roberto Bianchi
Post by Soviet_Mario
son cose che non si fanno perché è lungo e tedioso, ma
quando tagli legna molto lunga, idealmente, dovresti
predisporre dei supporti messi in modo tale che, sempre
idealmente, i due pezzi tagliati resterebbero in appoggio
senza muoversi.
Diversamente, compensi alla meglio con la mano libera
(almeno la sega circ. da banco ti lascia libere entrambe le
mani per le compensazioni) uno dei due pezzi, cercando di
capire in che modo cerca di torcere.
una trave di 4 m se ne tagli un pezzo da 25 cm provoca torsioni?
neanche fosse fil di ferro! non pensavo, veramente
A parte la felice riduzione da 6 a 4 metri :) ... ovviamente
no, ma rimane noiosa da maneggiare la parte da 3,75

Diciamo che in genere uno dimezza per il primo taglio,
perché ciò causa un aumento esponenziale della
maneggevolezza dei tranci residui. E con 3 tagli a pezzo, li
hai ridotti a roba che gestisci con una mano agevolmente.
Ma se preferisci, puoi rosicchiare anche a partire da un
estremo andando avanti.
Diciamo che è un approcci adatto alla circolare manuale.
Inizialmente pensavo avessi quella da banco, in cui è
preferibile usare il primo approccio, così soffri poche volte
--
1) Resistere, resistere, resistere.
2) Se tutti pagano le tasse, le tasse le pagano tutti
Soviet_Mario - (aka Gatto_Vizzato)


---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
Roberto Bianchi
2017-08-11 16:17:22 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Soviet_Mario
Post by Roberto Bianchi
una trave di 4 m se ne tagli un pezzo da 25 cm provoca torsioni?
neanche fosse fil di ferro! non pensavo, veramente
A parte la felice riduzione da 6 a 4 metri :)
ce ne sono da 4 a 6 m, mi sono spiegato male
Post by Soviet_Mario
... ovviamente
no, ma rimane noiosa da maneggiare la parte da 3,75
con una sega circolare la posso lasciare per terra, sollevata negli
ultimi diciamo 50 cm e tagliare quel che esce per 25 cm e così via, non
dovrebbe essere difficile neanche per un principiante come me
androidino da tradate
1970-01-01 00:00:00 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Roberto Bianchi
Post by giacobino on the move
quella che hai linkato e' ancora meno adatta, e' una sega a mano da
pannelli
con una sega circolare da 55 mm ce la fai, prima da
una parte e poi dall'altra
tu credi?

beh auguri.
--
illuminismo e razionalità


----Android NewsGroup Reader----
http://usenet.sinaapp.com/
Soviet_Mario
2017-08-10 21:40:41 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by androidino da tradate
Post by androidino da tradate
Post by Roberto Bianchi
le moto/elettro sega mi mette i brividi, una sega circolare tipo questa
la trovo molto più tranquillizzante
voglio proprio vederti a presentare alla sega un palo da 6 metri
Post by androidino da tradate
perché lo tagli a ciocchi da 30 - 40 cm
veramente l'intenzione è di farli da 24 cm :-D
comunque non vedo la differenza
guarda bene : è lì nascosta dietro l'armadio :)

Cmq, dicono : se la montagna non va a Maometto, Maometto va
alla montagna.
Post by androidino da tradate
tra l'usare una troncatrice, sega
circolare o moto/elettrosega: non è che il lavoro in termini di fatica
sia molto diverso.
dipende : un trave da 6 metri sottile non è
maneggevolissimo, devi cmq posizionare la troncatrice dove
puoi reggerlo.
A fine taglio, potrebbe torcere in modi strani (una leva di
3 m è cmq non da poco), e in casi estremi "pinzare" il disco
quando poco legno lega l'insieme, e il resto pende e pinza
Post by androidino da tradate
a dire il vero una moto/elettro sega avendo le maglie molto larghe
dovrebbe fare molta più segatura.
o no?
in peso probabilmente ne fa almeno il triplo, visto che la
catena è spessa. Ma la fa grossa e facile da raccogliere. Un
disco la fa in polvere (e se tagli in cantina devi mettere
la mascherina e gli occhiali).

Normalmente si da una prima sgrossata a moto/elettrosega a
catena, fino ad avere tocchi da 2 m. Poi si porta a
lunghezza con il disco (o chi ce l'ha il nastro).

Usare pezzi da 6 m con la sola sega a disco è una roba da
equilibristi.

La sega a disco di mio padre (diametro tipo 40 o 50) emerge
dal basso da un piano orizzontale. L'asse è nascosto, per
cui sarà un 4 / 10 di cerchio.

Questo fa si che taglia prima e di più la parte bassa dei
pezzi e dopo la parte superiore.
Se per caso la usi per tagliare travi di poco più spessi
della lama che sporge (quindi diciamo 20 cm), pinzano il
disco e lo arrestano. A quel punto ti da una botta tremenda,
e devi spicciarti a fermare il motore in stallo, se no lo bruci.
Puoi tagliarci o roba che in una passata viene tagliata a
tutto spessore, in modo che non resti un ponticello integro
in alto, o roba corta, che non pinza perché la leva è
scarsa, o molto più spessa (ma in tal caso, in due passate).

Ieri e oggi mi è successo con una sega da banco che dovrebbe
tagliare max 4 cm, e io ci taglio quadrotti da 4,75 cm. Sono
solo due metri, ma a fine pezzo cominciano a pinzare la lama
e spesso bloccano. Pinzano il disco nella parte liscia e lo
frenano parecchio bene. Figurati con 6 m di lunghezza cosa
succederebbe se la lama non taglia l'intero spessore in una
passata
--
1) Resistere, resistere, resistere.
2) Se tutti pagano le tasse, le tasse le pagano tutti
Soviet_Mario - (aka Gatto_Vizzato)


---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
liftman
2017-08-10 20:44:03 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by androidino da tradate
voglio proprio vederti a presentare alla sega un palo da 6 metri
perché lo tagli a ciocchi da 30 - 40 cm
con un po' di pazienza (e molta attenzione...) con una sega circolare
tagli di tutto, almeno fino a che lo spessore lo consente. Pochi giorni
fa ci ho tagliato in 2 un divano, e quanche anno fa una libreria alta un
paio di metri.
--
Fri(END), Boyfri(END), Girlfri(END), Bestfri(END). Everything has an END
except...Fam(ILY)! It Has 3 Letters that say I LOVE YOU
Fabbrogiovanni
2017-08-10 19:24:10 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Roberto Bianchi
Post by Fabbrogiovanni
Magari, invece di una sega circolare, userei una moto-sega.
Che non deve necessariamente essere "moto", fosse anche "elettro" basta
e avanza:-)
le moto/elettro sega mi mette i brividi, una sega circolare tipo questa
la trovo molto più tranquillizzante
https://www.bricoman.it/media/foto_articoli/2015/11/10036140_HR_PRO_V01_
2015_11_16_134402_original.JPG
la moto sega scappa no?
No, basta che la tieni salda e non scappa no :-)
Post by Roberto Bianchi
ho sentito in molti che hanno paura e si son
fatti male
Vediamo se riesco a farti passare la paura, analizziamo la faccenda in
modo scientifico.

Prendiamo una motosega a caso, ma vale anche per le elettroseghe:
Loading Image...

La mano destra ce l'hai dentro all'impugnatura posteriore, quindi ben
lontana dalla catena.
La mano sinistra la tieni stretta su quell'impugnatura fatta ad arco.

Davanti all'impugnatura ad arco vediamo quella specie di paletta
grigio-nera.

Nel malaugurato caso che la motosega si scomponga il tuo polso urterà
la paletta, la paletta si piega di pochi gradi e la catena si blocca
istantaneamente.

Quindi, a meno che tu stia lavorando su una spiaggia piena di modelle
in topless, e quindi giustificato ad essere distratto, a toccare la
catena in moto non ce la fai neanche se lo vuoi fare apposta.

Poi, lavorando di motosega, ci sono altri pericoli, ad esempio stai
abbattendo un cedro del Libano e, non essendo pratico, riesci a
rimanerci sotto nel momento in cui crolla.
--
Fabbrogiovanni
Roberto Bianchi
2017-08-10 20:05:59 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Fabbrogiovanni
http://www.agrigardenstore.com/33956/motosega-husqvarna-543-xp.jpg
La mano destra ce l'hai dentro all'impugnatura posteriore, quindi ben
lontana dalla catena.
La mano sinistra la tieni stretta su quell'impugnatura fatta ad arco.
Davanti all'impugnatura ad arco vediamo quella specie di paletta
grigio-nera.
Nel malaugurato caso che la motosega si scomponga il tuo polso urterà
la paletta, la paletta si piega di pochi gradi e la catena si blocca
istantaneamente.
Quindi, a meno che tu stia lavorando su una spiaggia piena di modelle
in topless, e quindi giustificato ad essere distratto, a toccare la
catena in moto non ce la fai neanche se lo vuoi fare apposta.
Poi, lavorando di motosega, ci sono altri pericoli, ad esempio stai
abbattendo un cedro del Libano e, non essendo pratico, riesci a
rimanerci sotto nel momento in cui crolla.
hai aumentato la mia paura :-D
la sega circolare mi dà più sicurezza, ne ho presa una in mano (e come
se no? trattasi di sega no? :-D ) al brico e l'ho trovata molto
maneggevole con anche un condotto per l'aspirazione dello sperm .... ehm
... della segatura :-D
addirittura, non ricordo il modello, senza bisogno di attaccare
aspiratore: ha una piccola bottiglietta che svuoti man mano dove finisce
la segatura ^_^
Fabbrogiovanni
2017-08-10 20:51:44 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Roberto Bianchi
Post by Fabbrogiovanni
Quindi, a meno che tu stia lavorando su una spiaggia piena di modelle
in topless, e quindi giustificato ad essere distratto, a toccare la
catena in moto non ce la fai neanche se lo vuoi fare apposta.
Poi, lavorando di motosega, ci sono altri pericoli, ad esempio stai
abbattendo un cedro del Libano e, non essendo pratico, riesci a
rimanerci sotto nel momento in cui crolla.
hai aumentato la mia paura :-D
la sega circolare mi dà più sicurezza, ne ho presa una in mano (e come
se no? trattasi di sega no? :-D ) al brico e l'ho trovata molto
maneggevole con anche un condotto per l'aspirazione dello sperm .... ehm
... della segatura :-D
addirittura, non ricordo il modello, senza bisogno di attaccare
aspiratore: ha una piccola bottiglietta che svuoti man mano dove finisce
la segatura ^_^
Vedo che le tue paure non riusciamo a smontarle.
Accetto, anche se non capisco, la tua preoccupazione per la segatura, a
meno che tu intenda segare la legna da ardere in casa, di fianco al
divano bello del salotto buono.

Che la sega circolare a mano sia l'attrezzo meno adatto per affettare
tronchi o tronchetti vedo che è già stato spiegato.

A questo punto, che ne dici di un coso di questo genere?:
Loading Image...

Sicuro e adatto per uomini duri, per uomini veri, e, come si evince
dalla foto, anche per signorine:-)
--
Fabbrogiovanni
liftman
2017-08-10 20:49:28 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Fabbrogiovanni
Sicuro e adatto per uomini duri, per uomini veri, e, come si evince
dalla foto, anche per signorine:-)
l'espressione della signorina pare essere un "come caspita si è infilato
'sto coso nel legno?" :-D
--
Fri(END), Boyfri(END), Girlfri(END), Bestfri(END). Everything has an END
except...Fam(ILY)! It Has 3 Letters that say I LOVE YOU
Fabbrogiovanni
2017-08-10 21:06:33 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Sicuro e adatto per uomini duri, per uomini veri, e, come si evince dalla
foto, anche per signorine:-)
l'espressione della signorina pare essere un "come caspita si è infilato 'sto
coso nel legno?" :-D
Non fare il solito maschilista:-)
Se guardi in basso nella foto vedi che ga gentile donzella ha già
segato due rami, e ora sta amputando il terzo.
--
Fabbrogiovanni
Roberto Bianchi
2017-08-10 21:05:32 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Fabbrogiovanni
Vedo che le tue paure non riusciamo a smontarle.
dovrei provarne una con l'assistenza di un esperto
Post by Fabbrogiovanni
Accetto, anche se non capisco, la tua preoccupazione per la segatura, a
meno che tu intenda segare la legna da ardere in casa, di fianco al
divano bello del salotto buono.
in cantina
Post by Fabbrogiovanni
Che la sega circolare a mano sia l'attrezzo meno adatto per affettare
tronchi o tronchetti vedo che è già stato spiegato.
http://hobbydom.pl/wp-content/uploads/2014/06/Bosch-PSA-18-LI_fot.-Bosch_2.jpg
niente male, ci farò un pensierino
Post by Fabbrogiovanni
Sicuro e adatto per uomini duri, per uomini veri, e, come si evince
dalla foto, anche per signorine:-)
quella signorina mi fa una pippa! ... pardon ... una sega! :-D
Fabbrogiovanni
2017-08-10 21:53:35 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Roberto Bianchi
Post by Fabbrogiovanni
Vedo che le tue paure non riusciamo a smontarle.
dovrei provarne una con l'assistenza di un esperto
Mi offro volontario.
Una mezza giornata di stage e diventerai un bravo segaiolo.
--
Fabbrogiovanni
liftman
2017-08-10 22:19:32 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Fabbrogiovanni
Post by Roberto Bianchi
dovrei provarne una con l'assistenza di un esperto
Mi offro volontario.
Una mezza giornata di stage e diventerai un bravo segaiolo.
mi raccomando l'uso dei DPI :-D
--
Fri(END), Boyfri(END), Girlfri(END), Bestfri(END). Everything has an END
except...Fam(ILY)! It Has 3 Letters that say I LOVE YOU
Fabbrogiovanni
2017-08-11 06:42:20 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by liftman
Post by Fabbrogiovanni
Post by Roberto Bianchi
dovrei provarne una con l'assistenza di un esperto
Mi offro volontario.
Una mezza giornata di stage e diventerai un bravo segaiolo.
mi raccomando l'uso dei DPI :-D
Questo è l'abbigliamento tipico dei nostri stagisti:
Loading Image...
--
Fabbrogiovanni
Soviet_Mario
2017-08-10 21:49:57 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Roberto Bianchi
Post by Fabbrogiovanni
http://www.agrigardenstore.com/33956/motosega-husqvarna-543-xp.jpg
La mano destra ce l'hai dentro all'impugnatura posteriore, quindi ben
lontana dalla catena.
La mano sinistra la tieni stretta su quell'impugnatura fatta ad arco.
Davanti all'impugnatura ad arco vediamo quella specie di paletta
grigio-nera.
Nel malaugurato caso che la motosega si scomponga il tuo polso urterà
la paletta, la paletta si piega di pochi gradi e la catena si blocca
istantaneamente.
Quindi, a meno che tu stia lavorando su una spiaggia piena di modelle
in topless, e quindi giustificato ad essere distratto, a toccare la
catena in moto non ce la fai neanche se lo vuoi fare apposta.
Poi, lavorando di motosega, ci sono altri pericoli, ad esempio stai
abbattendo un cedro del Libano e, non essendo pratico, riesci a
rimanerci sotto nel momento in cui crolla.
hai aumentato la mia paura :-D
la sega circolare mi dà più sicurezza,
la sottovaluti ! Non fosse per la quantità di energia
immagazzinata in un disco grande a regime. Anche in mancanza
di alimentazione, in caso di incidente di qualsiasi tipo
riesce a fare molti danni. La catena ha un'inerzia ridicola
in rapporto al disco, ed è anche molto più frenata.

La motosega diventa pericolosa per ragioni "esterne", ossia
per il dove la usi o per pratiche da stanchezza, tipo tenere
fermi i legni con la gamba vicina alla lama, oppure tentare
di tagliare di punta perché non riesci ad accedere con la
base lama (dove ci sono artigli che stabilizzano l'assetto e
bloccano il trascinamento).
Il taglio di punta è molto difficile, è un equilibrio
instabile come una matita in piedi : appena mordi troppo o
se il legno ti pinza la lama, per il verso di rotazione,
tende a ribaltarti la lama verso il capo. Nel qual caso,
anche se il freno entra in azione, ti fa cmq un bello sbrego
in fronte.
Post by Roberto Bianchi
ne ho presa una in mano (e come
se no? trattasi di sega no? :-D ) al brico e l'ho trovata molto
maneggevole con anche un condotto per l'aspirazione dello sperm .... ehm
... della segatura :-D
beh, ma la circolare portatile taglia 5 cm o poco più (di
rado). Se hai travi devi farti una sfilza di passate su
tutte le facce.
Post by Roberto Bianchi
addirittura, non ricordo il modello, senza bisogno di attaccare
aspiratore: ha una piccola bottiglietta che svuoti man mano dove finisce
la segatura ^_^
A ogni modo, fai meno segatura, e non ci piove, ma è
sottilissima e asciutta e molto noiosa. La motosega la fa
grossa, a scagliette, e incollaticcia per l'unto dell'olio.
Se la raccogli, la bruci e amen
--
1) Resistere, resistere, resistere.
2) Se tutti pagano le tasse, le tasse le pagano tutti
Soviet_Mario - (aka Gatto_Vizzato)


---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
Giampaolo Natali
2017-08-10 23:21:08 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Fabbrogiovanni
Post by Fabbrogiovanni
Magari, invece di una sega circolare, userei una moto-sega.
Che non deve necessariamente essere "moto", fosse anche "elettro" basta
e avanza:-)
Poi, lavorando di motosega, ci sono altri pericoli, ad esempio stai
abbattendo un cedro del Libano e, non essendo pratico, riesci a
rimanerci sotto nel momento in cui crolla.
Ti riferisci ad esperienza personale? :-DDD
--
Giampaolo Natali
***@alice.it
Fabbrogiovanni
2017-08-11 06:43:35 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Giampaolo Natali
Post by Fabbrogiovanni
Poi, lavorando di motosega, ci sono altri pericoli, ad esempio stai
abbattendo un cedro del Libano e, non essendo pratico, riesci a
rimanerci sotto nel momento in cui crolla.
Ti riferisci ad esperienza personale? :-DDD
Con gli alberi mi è sempre andata bene.
Le esperienze le ho fatte con putrelle HEB.
--
Fabbrogiovanni
lorenzo s
2017-08-10 15:09:55 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
I travetti e gli assi probabilmente no ma i listoni sicuramente saranno stati verniciati e avranno tracce anche di cera: non puoi bruciarli, producono diossina.
Roberto Bianchi
2017-08-10 16:32:56 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by lorenzo s
I travetti e gli assi probabilmente no ma i listoni sicuramente
saranno stati verniciati e avranno tracce anche di cera: non puoi
bruciarli, producono diossina.
nessuna vernice, sono naturali e molti pure tarlati, anche le travi ed i
travetti peraltro
GIulia
2017-08-10 20:37:50 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by lorenzo s
producono diossina.
Ci vuole tanto cloro e temperature da fornace e non da camino, al massimo producono fuliggine(anche questa pericolosa).

Giulia
Soviet_Mario
2017-08-10 21:58:05 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by GIulia
Post by lorenzo s
producono diossina.
Ci vuole tanto cloro
che non è necessariamente sinonimo di impregnanti ...
Post by GIulia
e temperature da fornace e non da
questo non è vero. Le diossine si formano massimamente nel
campo di temperature tra i 600 e i 900 gradi.
SOPRA i 1000-1100, e con carburazione lievemente magra,
vengono ossidate e termodistrutte pure loro.
Quindi un bruciatore di tipo industriale è più sicuro di una
stufa, a parità di combustibile.
Post by GIulia
camino, al massimo producono fuliggine(anche questa
pericolosa).
eh, con la fuliggine bisogna venire a patti, in una stufa o
camino non c'è modo di eliminarla.
Post by GIulia
Giulia
--
1) Resistere, resistere, resistere.
2) Se tutti pagano le tasse, le tasse le pagano tutti
Soviet_Mario - (aka Gatto_Vizzato)


---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
lorenzo s
2017-08-11 08:29:10 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by GIulia
Post by lorenzo s
producono diossina.
Ci vuole tanto cloro e temperature da fornace e non da camino, al massimo producono fuliggine(anche questa pericolosa).
Giulia
Scusa, ma allora nel camino si può bruciare legno verniciato, e anche truciolare o multistrato?
L'argomento mi interessa, ho riferito senza andare alla fonte, me la puoi fornire? Grazie
lorenzo s
2017-08-11 08:56:02 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Tronchi da 25 cm!?
Scusa, quando ho letto di travi e travetti ... del vecchio pavimento pensavo a quelli cui si appoggiano i listoni di legno, tipo un 4x4.
Penso che la cosa migliore sia quella di armarsi di mazza e cunei, o scalpelli, e ridurne le dimensioni, poi procedi come vuoi (ma una sega circolare ha dei limiti di profondità di taglio di solo qualche cm).
-
Certo, le assi, qua non si gioca a briscola.
Roberto Bianchi
2017-08-11 10:09:41 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by lorenzo s
Tronchi da 25 cm!?
Scusa, quando ho letto di travi e travetti ... del vecchio pavimento pensavo a quelli cui si appoggiano i listoni di legno, tipo un 4x4.
Penso che la cosa migliore sia quella di armarsi di mazza e cunei, o scalpelli, e ridurne le dimensioni, poi procedi come vuoi (ma una sega circolare ha dei limiti di profondità di taglio di solo qualche cm).
tronchi ce ne sono solo 2 da 25 cm di diametro, circa, dovrebbero essere
le travi portanti delle travi/travetti di sezione di 10 x 15 cm
Post by lorenzo s
Certo, le assi, qua non si gioca a briscola.
ahahah :-D
Giulia
2017-08-11 09:12:07 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by lorenzo s
Scusa, ma allora nel camino si può bruciare legno verniciato, e anche truciolare o multistrato?
L'argomento mi interessa, ho riferito senza andare alla fonte, me la puoi fornire? Grazie
Ho detto che non esiste solo la diossina c'e' roba molto piu' pericolosa ma molto meno persistente da valutare.

Oltretutto il cloro non e' cosi' diffuso ad esempio nel truciolare c'e' legno , urea-formaldeide o colle viniliche
niente cloro aggiunto(non so il legno in se se contiene cloro).
--
Giulia --> (a 132 colonne)
|---------|---------|---------|---------|---------|---------|---------|---------|---------|---------|---------|---------|---------|--
Soviet_Mario
2017-08-11 10:13:02 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by lorenzo s
Post by GIulia
Post by lorenzo s
producono diossina.
Ci vuole tanto cloro e temperature da fornace e non da camino, al massimo producono fuliggine(anche questa pericolosa).
Giulia
Scusa, ma allora nel camino si può bruciare legno verniciato, e anche truciolare o multistrato?
L'argomento mi interessa, ho riferito senza andare alla fonte, me la puoi fornire? Grazie
intendi un camino aperto all'antica, o i moderni inserti con
vetro frontale e magari ventilazione forzata ?
Nei secondi ci bruci quel che vuoi, nei primi pura legna
vergine, bio, tagliata in una notte di luna calante, dopo
avere eseguito riti druidici :) (e pure così ti affumichi
come un salmone)
--
1) Resistere, resistere, resistere.
2) Se tutti pagano le tasse, le tasse le pagano tutti
Soviet_Mario - (aka Gatto_Vizzato)


---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
lorenzo s
2017-08-11 12:18:36 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Soviet_Mario
Post by lorenzo s
Post by GIulia
Post by lorenzo s
producono diossina.
Ci vuole tanto cloro e temperature da fornace e non da camino, al massimo producono fuliggine(anche questa pericolosa).
Giulia
Scusa, ma allora nel camino si può bruciare legno verniciato, e anche truciolare o multistrato?
L'argomento mi interessa, ho riferito senza andare alla fonte, me la puoi fornire? Grazie
intendi un camino aperto all'antica, o i moderni inserti con
vetro frontale e magari ventilazione forzata ?
Nei secondi ci bruci quel che vuoi, nei primi pura legna
vergine, bio, tagliata in una notte di luna calante, dopo
avere eseguito riti druidici :) (e pure così ti affumichi
come un salmone)
--
1) Resistere, resistere, resistere.
2) Se tutti pagano le tasse, le tasse le pagano tutti
Soviet_Mario - (aka Gatto_Vizzato)
Egoista, lo so bene che se il camino tira e il vetro frontale e la ventilazione forzata... la schifezza non la respiro (subito) io ma la diffondo e inquino tutti.
Soviet_Mario
2017-08-11 11:04:29 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by lorenzo s
Post by Soviet_Mario
Post by lorenzo s
Post by GIulia
Post by lorenzo s
producono diossina.
Ci vuole tanto cloro e temperature da fornace e non da camino, al massimo producono fuliggine(anche questa pericolosa).
Giulia
Scusa, ma allora nel camino si può bruciare legno verniciato, e anche truciolare o multistrato?
L'argomento mi interessa, ho riferito senza andare alla fonte, me la puoi fornire? Grazie
intendi un camino aperto all'antica, o i moderni inserti con
vetro frontale e magari ventilazione forzata ?
Nei secondi ci bruci quel che vuoi, nei primi pura legna
vergine, bio, tagliata in una notte di luna calante, dopo
avere eseguito riti druidici :) (e pure così ti affumichi
come un salmone)
--
1) Resistere, resistere, resistere.
2) Se tutti pagano le tasse, le tasse le pagano tutti
Soviet_Mario - (aka Gatto_Vizzato)
Egoista, lo so bene che se il camino tira e il vetro frontale e la ventilazione forzata... la schifezza non la respiro (subito) io ma la diffondo e inquino tutti.
non intendevo solo quello cmq. Il fatto è che un inserto
ventilato ha anche una combustione migliore, come tutti i
dispositivi a tiraggio forzato che ossigenano bene.
Sono molto disincantato che un termovalorizzatore (pubblico
in principio, privato nella gestione), che IN TEORIA ha una
combustione perfetta con certi criteri di gestione e
manutenzione, verrà concretamente gestito meglio di quanto
tu non gestirai il tuo inserto camino. Verrà gestito per
fare profitto, e taroccare i dati per rientrare nei limiti
di legge, quando pure non si metterà d'accordo nei
controlli, o persino, come vogliono fare per lo smarino del
terzo valico, quando non verrà egli stesso nominato
controllore di sé stesso. Per cui, termovalorizza pure a
casa tua :)
Tra l'altro, tra i vantaggi mettici pure che azzeri alla
fonte il rischio che qualche faccendiere dirotti rifiuti
verso discariche abusive. Qui nell'Alessandrino stiamo
constatando che è la prassi, per tagliare i costi. Il
rifiuto che scompare a km zero, evita di finire nei buchi
neri del malaffare. Alla fine penso che sia meglio accettare
il piccolo danno certo che dici, rispetto al danno peggiore
che ne verrebbe da una gestione di merda della cosa pubblica.
--
1) Resistere, resistere, resistere.
2) Se tutti pagano le tasse, le tasse le pagano tutti
Soviet_Mario - (aka Gatto_Vizzato)


---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
romolo
2017-08-11 14:16:30 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
non intendevo solo quello cmq. Il fatto è che un inserto ventilato ha anche
una combustione migliore, come tutti i dispositivi a tiraggio forzato che
ossigenano bene.
Sono molto disincantato che un termovalorizzatore (pubblico in principio,
privato nella gestione), che IN TEORIA ha una combustione perfetta con certi
criteri di gestione e manutenzione, verrà concretamente gestito meglio di
quanto tu non gestirai il tuo inserto camino. Verrà gestito per fare
profitto, e taroccare i dati per rientrare nei limiti di legge, quando pure
non si metterà d'accordo nei controlli, o persino, come vogliono fare per lo
smarino del terzo valico, quando non verrà egli stesso nominato controllore
di sé stesso. Per cui, termovalorizza pure a casa tua :)
Tra l'altro, tra i vantaggi mettici pure che azzeri alla fonte il rischio che
qualche faccendiere dirotti rifiuti verso discariche abusive. Qui
nell'Alessandrino stiamo constatando che è la prassi, per tagliare i costi.
Il rifiuto che scompare a km zero, evita di finire nei buchi neri del
malaffare. Alla fine penso che sia meglio accettare il piccolo danno certo
che dici, rispetto al danno peggiore che ne verrebbe da una gestione di merda
della cosa pubblica.
Che strano modo di ragionare.
Secondo quello che dici se 60 milioni di italiani
si mettessero tutti a bruciare legna, dai pellets
agli scarti l'ambiente ne gioverebbe.
E gia', come a Londra negli anni '60.
Bruciare legna produce piu scorie nell'ambiente
che il bruciare il puro carbone ed e' pure peggio
del bruciare gasolio.
Giampaolo Natali
2017-08-11 14:55:18 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by romolo
non intendevo solo quello cmq. Il fatto è che un inserto ventilato ha anche
una combustione migliore, come tutti i dispositivi a tiraggio forzato che
ossigenano bene.
Sono molto disincantato che un termovalorizzatore (pubblico in principio,
privato nella gestione), che IN TEORIA ha una combustione perfetta con certi
criteri di gestione e manutenzione, verrà concretamente gestito meglio di
quanto tu non gestirai il tuo inserto camino. Verrà gestito per fare
profitto, e taroccare i dati per rientrare nei limiti di legge, quando pure
non si metterà d'accordo nei controlli, o persino, come vogliono fare per lo
smarino del terzo valico, quando non verrà egli stesso nominato controllore
di sé stesso. Per cui, termovalorizza pure a casa tua :)
Tra l'altro, tra i vantaggi mettici pure che azzeri alla fonte il rischio che
qualche faccendiere dirotti rifiuti verso discariche abusive. Qui
nell'Alessandrino stiamo constatando che è la prassi, per tagliare i costi.
Il rifiuto che scompare a km zero, evita di finire nei buchi neri del
malaffare. Alla fine penso che sia meglio accettare il piccolo danno certo
che dici, rispetto al danno peggiore che ne verrebbe da una gestione di merda
della cosa pubblica.
Che strano modo di ragionare.
Secondo quello che dici se 60 milioni di italiani
si mettessero tutti a bruciare legna, dai pellets
agli scarti l'ambiente ne gioverebbe.
E gia', come a Londra negli anni '60.
Bruciare legna produce piu scorie nell'ambiente
che il bruciare il puro carbone ed e' pure peggio
del bruciare gasolio.
Non ti meravigliare.
I soviet erano quelli che proteggevano l'ambiente, massima cura per la
salute dei del popolo (almeno questo è quanto ci veniva propinato dai
"sovietici" di casa nostra e non solo.
Poi abbiamo scoperto che era una balla colossale, hanno inquinato mari,
fiumi e monti come nemmeno i peggiori paesi capitalisti hanno fatto. E' nel
lor dna, purtroppo :-( :-( :-(
--
Giampaolo Natali
***@alice.it
Soviet_Mario
2017-08-11 14:33:53 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Giampaolo Natali
Post by romolo
Post by Soviet_Mario
non intendevo solo quello cmq. Il fatto è che un inserto
ventilato ha anche
una combustione migliore, come tutti i dispositivi a
tiraggio forzato che
ossigenano bene.
Sono molto disincantato che un termovalorizzatore
(pubblico in principio,
privato nella gestione), che IN TEORIA ha una combustione
perfetta con certi
criteri di gestione e manutenzione, verrà concretamente
gestito meglio di
quanto tu non gestirai il tuo inserto camino. Verrà
gestito per fare
profitto, e taroccare i dati per rientrare nei limiti di
legge, quando pure
non si metterà d'accordo nei controlli, o persino, come
vogliono fare per lo
smarino del terzo valico, quando non verrà egli stesso
nominato controllore
di sé stesso. Per cui, termovalorizza pure a casa tua :)
Tra l'altro, tra i vantaggi mettici pure che azzeri alla
fonte il rischio che
qualche faccendiere dirotti rifiuti verso discariche
abusive. Qui
nell'Alessandrino stiamo constatando che è la prassi, per
tagliare i costi.
Il rifiuto che scompare a km zero, evita di finire nei
buchi neri del
malaffare. Alla fine penso che sia meglio accettare il
piccolo danno certo
che dici, rispetto al danno peggiore che ne verrebbe da
una gestione di merda
della cosa pubblica.
Che strano modo di ragionare.
Secondo quello che dici se 60 milioni di italiani
si mettessero tutti a bruciare legna, dai pellets
agli scarti l'ambiente ne gioverebbe.
E gia', come a Londra negli anni '60.
Bruciare legna produce piu scorie nell'ambiente
che il bruciare il puro carbone ed e' pure peggio
del bruciare gasolio.
Non ti meravigliare.
cmq, prima di meravigliarsi o meno, bisogna CAPIRE quel che
uno letteralmente ha scritto senza viaggiare troppo di
estrapolazione
Post by Giampaolo Natali
I soviet erano quelli che proteggevano l'ambiente,
questo è vero, ma nella forma mentis delle persone conta
anche il paese dove sono cresciuti. L'URSS era praticamente
un continente con una densità abitativa molto bassa. Diciamo
che non ha favorito molto l'emergere di coscienza ecologica.
Post by Giampaolo Natali
massima
cura per la salute dei del popolo (almeno questo è quanto ci
veniva propinato dai "sovietici" di casa nostra e non solo.
sulle cure mediche non scherziamo. Il sistema sanitario
nazionale sovietico è la cosa più rimpianta ancora oggi tra
i viventi che hanno conosciuto entrambi i sistemi
Post by Giampaolo Natali
Poi abbiamo scoperto che era una balla colossale, hanno
inquinato mari, fiumi e monti come nemmeno i peggiori paesi
capitalisti hanno fatto. E' nel lor dna, purtroppo :-( :-( :-(
beh è nella cultura di chi cresce in un posto selvaggio e
inospitale salvo poche perle. Si viene su selvatici e aspri.
Non sto dicendo che l'industrializzazione forzata non abbia
fatto enormi danni. Ogni tanto tristemente mi guardo l'ex
Mar D'Aral su google maps, com è oggi e come lo ricordavo
nelle cartine da ragazzo. Cmq vedi la risposta a romolo su
cosa realmente significavo
--
1) Resistere, resistere, resistere.
2) Se tutti pagano le tasse, le tasse le pagano tutti
Soviet_Mario - (aka Gatto_Vizzato)


---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
lorenzo s
2017-08-11 15:32:48 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by romolo
non intendevo solo quello cmq. Il fatto è che un inserto ventilato ha anche
una combustione migliore, come tutti i dispositivi a tiraggio forzato che
ossigenano bene.
Sono molto disincantato che un termovalorizzatore (pubblico in principio,
privato nella gestione), che IN TEORIA ha una combustione perfetta con certi
criteri di gestione e manutenzione, verrà concretamente gestito meglio di
quanto tu non gestirai il tuo inserto camino. Verrà gestito per fare
profitto, e taroccare i dati per rientrare nei limiti di legge, quando pure
non si metterà d'accordo nei controlli, o persino, come vogliono fare per lo
smarino del terzo valico, quando non verrà egli stesso nominato controllore
di sé stesso. Per cui, termovalorizza pure a casa tua :)
Tra l'altro, tra i vantaggi mettici pure che azzeri alla fonte il rischio che
qualche faccendiere dirotti rifiuti verso discariche abusive. Qui
nell'Alessandrino stiamo constatando che è la prassi, per tagliare i costi.
Il rifiuto che scompare a km zero, evita di finire nei buchi neri del
malaffare. Alla fine penso che sia meglio accettare il piccolo danno certo
che dici, rispetto al danno peggiore che ne verrebbe da una gestione di merda
della cosa pubblica.
Che strano modo di ragionare.
Secondo quello che dici se 60 milioni di italiani
si mettessero tutti a bruciare legna, dai pellets
agli scarti l'ambiente ne gioverebbe.
E gia', come a Londra negli anni '60.
Bruciare legna produce piu scorie nell'ambiente
che il bruciare il puro carbone ed e' pure peggio
del bruciare gasolio.
Ma qua non si tratta solo di bruciare legna ma legno verniciato o con collanti e schifezze varie.
romolo
2017-08-11 15:40:38 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by lorenzo s
Post by romolo
non intendevo solo quello cmq. Il fatto è che un inserto ventilato ha anche
una combustione migliore, come tutti i dispositivi a tiraggio forzato che
ossigenano bene.
Sono molto disincantato che un termovalorizzatore (pubblico in principio,
privato nella gestione), che IN TEORIA ha una combustione perfetta con
certi criteri di gestione e manutenzione, verrà concretamente gestito
meglio di quanto tu non gestirai il tuo inserto camino. Verrà gestito per
fare profitto, e taroccare i dati per rientrare nei limiti di legge,
quando pure non si metterà d'accordo nei controlli, o persino, come
vogliono fare per lo smarino del terzo valico, quando non verrà egli
stesso nominato controllore di sé stesso. Per cui, termovalorizza pure a
casa tua :) Tra l'altro, tra i vantaggi mettici pure che azzeri alla fonte
il rischio che qualche faccendiere dirotti rifiuti verso discariche
abusive. Qui nell'Alessandrino stiamo constatando che è la prassi, per
tagliare i costi. Il rifiuto che scompare a km zero, evita di finire nei
buchi neri del malaffare. Alla fine penso che sia meglio accettare il
piccolo danno certo che dici, rispetto al danno peggiore che ne verrebbe
da una gestione di merda della cosa pubblica.
Che strano modo di ragionare.
Secondo quello che dici se 60 milioni di italiani
si mettessero tutti a bruciare legna, dai pellets
agli scarti l'ambiente ne gioverebbe.
E gia', come a Londra negli anni '60.
Bruciare legna produce piu scorie nell'ambiente
che il bruciare il puro carbone ed e' pure peggio
del bruciare gasolio.
Ma qua non si tratta solo di bruciare legna ma legno verniciato o con
collanti e schifezze varie.
Appunto, ma secondo quanto sostiene il soviet se li lasci
alla gestione pubblica le cose andrebbero peggio.
Ma allora se la gestione pubblica dei rifiuti non e' affidabile
gestiamo tutto in proprio perdirindina a cominiciare
da plastica, vetro, carta, umido etc...
dai bruciamo tutto noi che e' meglio.
Bernardo Rossi
2017-08-11 16:28:39 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by romolo
da plastica, vetro, carta, umido etc...
dai bruciamo tutto noi che e' meglio.
La vedo un po' dura a bruciare il vetro.
Soviet_Mario
2017-08-11 14:36:25 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
On 11/08/2017 17.32, lorenzo s wrote:

CUT
Post by lorenzo s
Ma qua non si tratta solo di bruciare legna ma legno verniciato o con collanti e schifezze varie.
sulla vernice si deve soprassedere un minimo per capire che
pigmenti ha in corpo. Se è roba al piombo o altri metalli,
anche la cenere diventa un residuo pericoloso. Per inciso
anche i giornali stampati non sono il massimo per accendere
la stufa ...
--
1) Resistere, resistere, resistere.
2) Se tutti pagano le tasse, le tasse le pagano tutti
Soviet_Mario - (aka Gatto_Vizzato)


---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
Soviet_Mario
2017-08-11 14:28:45 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by romolo
Post by Soviet_Mario
non intendevo solo quello cmq. Il fatto è che un inserto
ventilato ha anche una combustione migliore, come tutti i
dispositivi a tiraggio forzato che ossigenano bene.
Sono molto disincantato che un termovalorizzatore
(pubblico in principio, privato nella gestione), che IN
TEORIA ha una combustione perfetta con certi criteri di
gestione e manutenzione, verrà concretamente gestito
meglio di quanto tu non gestirai il tuo inserto camino.
Verrà gestito per fare profitto, e taroccare i dati per
rientrare nei limiti di legge, quando pure non si metterà
d'accordo nei controlli, o persino, come vogliono fare per
lo smarino del terzo valico, quando non verrà egli stesso
nominato controllore di sé stesso. Per cui, termovalorizza
pure a casa tua :)
Tra l'altro, tra i vantaggi mettici pure che azzeri alla
fonte il rischio che qualche faccendiere dirotti rifiuti
verso discariche abusive. Qui nell'Alessandrino stiamo
constatando che è la prassi, per tagliare i costi. Il
rifiuto che scompare a km zero, evita di finire nei buchi
neri del malaffare. Alla fine penso che sia meglio
accettare il piccolo danno certo che dici, rispetto al
danno peggiore che ne verrebbe da una gestione di merda
della cosa pubblica.
Che strano modo di ragionare.
anche il tuo, v. dopo
Post by romolo
Secondo quello che dici se 60 milioni di italiani
si mettessero tutti a bruciare legna, dai pellets
agli scarti l'ambiente ne gioverebbe.
no, frena, non sto incoraggiando il passaggio di massa alla
termovalorizzazione di per sé.
Sto dicendo che, fatto 100 il totale di roba da smaltire, in
teoria è indifferente se la smaltisca un unico
termovalorizzatore centralizzato, 1000000 utenze singole, o
un mix delle varie.
In un mondo ideale, ovviamente è meglio il primo.
Nel mondo (di merda) reale, sto dicendo che forse è meglio
il secondo.
Ma sempre fatto 100 (costante) il numero di rifiuti
bruciabili da bruciare.

Ovvio che se si ha una transizione di massa dal gas a
rifiuti, l'aria diventa soffocante.
Post by romolo
E gia', come a Londra negli anni '60.
Bruciare legna produce piu scorie nell'ambiente
che il bruciare il puro carbone
no, e in vari sensi (anche se per alcuni inquinanti è
peggio, i "VOC" e la formaldeide). Intanto il legno è molto
più carbon neutral, ma a parte questo, ha ZOLFO inesistente
e azoto molto basso. Il carbone è molto abbondante di almeno
lo zolfo (-> SO2 e piogge acide), spesso non scarso anche in
azoto organico (che diventano NOx -> clorosi fogliare etc).
Sicché, anche se il legno è peggiore per certe cose,
globalmente è parecchio meglio del carbone, e anche del
petrolio non desolforato
Post by romolo
ed e' pure peggio
del bruciare gasolio.
--
1) Resistere, resistere, resistere.
2) Se tutti pagano le tasse, le tasse le pagano tutti
Soviet_Mario - (aka Gatto_Vizzato)


---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
lorenzo s
2017-08-11 16:37:08 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Il fatto è che gli inceneritori non dovrebbero esistere.
Comunque: il legno non va nella raccolta differenziata? Io spero non ne facciano pellets ma pannelli di truciolare. Sbaglio?
romolo
2017-08-11 17:17:24 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by lorenzo s
Il fatto è che gli inceneritori non dovrebbero esistere.
Comunque: il legno non va nella raccolta differenziata? Io spero non ne
facciano pellets ma pannelli di truciolare. Sbaglio?
E chi lo sa.
Di certo il pellets con la grande espansione favorita
anche da sgravi fiscali di danni alla salute ne sta facendo.
Le polveri sottili in primis.
Una decina di anni fa la Regione Lombardia aveva proibito l'uso per
riscaldamento del legno in tutte le sue forme laddove era
disponibile la fornitura di gas metano.
Ma poi e' arrivato il pellets e tutti quelli che avevano interessi
commerciali son riusciti a farsi fare le leggi con sgravi fiscali.
e ora chi se le ricorda piu' le leggi
regionali.
Di certo chi aveva pensato quella legge qualcosa di ambiente
doveva capirci.
Civetta
2017-08-12 12:43:08 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Sto dicendo che, fatto 100 il totale di roba da smaltire, in teoria è
indifferente se la smaltisca un unico termovalorizzatore centralizzato,
1000000 utenze singole, o un mix delle varie.
In un mondo ideale, ovviamente è meglio il primo.
Nel mondo (di merda) reale, sto dicendo che forse è meglio il secondo.
prove su dati ( e non su dicerie) che un di termovalorizzatore ( esempio
Brescia che è stato un modello per altri termovalorizzatori) si diano
sempre dati taroccati ?

Dalle mie parti ci sono state infinite polemiche su una fonderia.

I cosidetti alternativi ecologici ( conosco personalmente un loro
dirigente) hanno fatto analisi per conto loro che " dimostravano" la
falsità dei dati pubblici
Il problema che hanno completamente sbagliato la metodologia di
campionamento seppure hanno inviato i campioni ad un laboratorio europeo
certificato. I dati erano "veri" ma le conclusioni false causa
campionamento fantasioso.
Soviet_Mario
2017-08-12 13:17:22 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Civetta
Post by Soviet_Mario
Sto dicendo che, fatto 100 il totale di roba da smaltire,
in teoria è indifferente se la smaltisca un unico
termovalorizzatore centralizzato, 1000000 utenze singole,
o un mix delle varie.
In un mondo ideale, ovviamente è meglio il primo.
Nel mondo (di merda) reale, sto dicendo che forse è meglio
il secondo.
prove su dati ( e non su dicerie) che un di
termovalorizzatore ( esempio Brescia che è stato un modello
per altri termovalorizzatori) si diano sempre dati taroccati ?
pure tu mi imbocchi cose che non ho detto, estrapolando.
Non ho mai detto SEMPRE, e nemmeno lo penso.
Post by Civetta
Dalle mie parti ci sono state infinite polemiche su una
fonderia.
eh, pure a TARANTO. E un fondo di ragione forse l'avevano
Post by Civetta
I cosidetti alternativi ecologici ( conosco personalmente un
loro dirigente) hanno fatto analisi per conto loro che "
dimostravano" la falsità dei dati pubblici
Il problema che hanno completamente sbagliato la metodologia
di campionamento seppure hanno inviato i campioni ad un
laboratorio europeo certificato. I dati erano "veri" ma le
conclusioni false causa campionamento fantasioso.
eh, succede. Al terzo valico pure han fatto delle perizie
private, e sono emerse percentuali inquietanti di crisotilo
e crocidolite nello smarino. Dopo un poì di querelle,
magicamente salta fuori l'obbligo VIRTUALE di camion
telonati e predisposti per innaffiare i detriti nel viaggio.
Salvo che l'ente pubblico preposto ai controlli (non so se
sia l'arpa, l'asl o altro) pensa di delegare la ditta di
trasporti :)

Lo so che ci sono mosche bianche di eccellenza, specie
nell'area trentina, e qualche giapponese che resiste, ma IN
MEDIA il sistema pubblico è deludente.

Tra l'altro, una gestione a km zero, può anche avvalersi di
una maggiore efficacia nel differenziare unita alla
conoscenza "storica" dei materiali che surclassa qualsiasi
analisi media (fatta a campione, come dici), che ti consente
sempre di dire : quelle travi lì okay, quel tavolino col
flatting non lo brucio, l'altro sì, etc. Oppure : mi metto
lì un giorno con moletta e disco a lamelle o con lo heater,
lo svernicio e poi lo brucio uguale. L'utente domestico non
ha un guadagno particolare a fare porcherie, e farsele sotto
il naso credo produca più timori e rimorsi che affidare a
una ciminiera alta, lontana dagli occhi e dalla residenza.

Fossi svedese, non starei mai facendo un discorso del
genere, sia chiaro. Non mi sognerei mai di dire che la
termovalorizzazione centralizzata sia "ipso facto" peggiore,
giammai. E' che siamo tagliani, e non ci sta cura
--
1) Resistere, resistere, resistere.
2) Se tutti pagano le tasse, le tasse le pagano tutti
Soviet_Mario - (aka Gatto_Vizzato)


---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
Civetta
2017-08-12 13:39:25 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Fossi svedese, non starei mai facendo un discorso del genere, sia
chiaro. Non mi sognerei mai di dire che la termovalorizzazione
centralizzata sia "ipso facto" peggiore, giammai. E' che siamo tagliani,
e non ci sta cura
Che in Italia ci sia in generale un antico problema culturale di
"gestione e manutenzione" sono più che d' accordo ma ad esempio che nel
pensi del termovalorizzatore di Brescia ?

Brescia sta in Italia e sembrerebbe che sia un modello molto studiato
all' estero. Se non sbaglio a Monaco di Baviera l' hanno copiato.
Soviet_Mario
2017-08-12 13:52:15 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Civetta
Post by Soviet_Mario
Fossi svedese, non starei mai facendo un discorso del
genere, sia chiaro. Non mi sognerei mai di dire che la
termovalorizzazione centralizzata sia "ipso facto"
peggiore, giammai. E' che siamo tagliani, e non ci sta cura
Che in Italia ci sia in generale un antico problema
culturale di "gestione e manutenzione" sono più che d'
accordo ma ad esempio che nel pensi del termovalorizzatore
di Brescia ?
non conosco nello specifico. Ad ogni modo, tanto di cappello
alla Leonessa !
Post by Civetta
Brescia sta in Italia
per puro caso :)
E' ancora lombardo-veneto asburgico, eh he he.
Post by Civetta
e sembrerebbe che sia un modello molto
studiato all' estero. Se non sbaglio a Monaco di Baviera l'
hanno copiato.
il nostro paese è strano, si dibatte in tali croniche
magagne, che non di rado riesce a partorire anticorpi adatti
ad arginare le metastasi.
Per dire : nella hall della sede dell'FBI di Quantico non
c'è il busto di Brzezninsky (o come cavolo si scrive), c'è
il busto di FAlcone ! Eppure siamo un paese mafioso ... però
si creano anche dei riequilibri.

Ad es. qui abbiamo costi dell'energia tali da cercare di
affossare l'industria manifatturiera. E tra le conseguenze
collaterali, oltre ai fallimenti, c'è stato anche di
produrre alcune delle aziende più energeticamente parche ed
efficienti d'europa. Chi sopravvive, in questo paese
demmierda, è veramente un OGM in grado di resistere anche
alle condizioni più sfavorevoli. Bisognerebbe brevettare gli
amministratori Bresciani e piantarli altrove !
--
1) Resistere, resistere, resistere.
2) Se tutti pagano le tasse, le tasse le pagano tutti
Soviet_Mario - (aka Gatto_Vizzato)


---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
lorenzo s
2017-08-12 19:18:41 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Soviet_Mario
Post by Civetta
Che in Italia ci sia in generale un antico problema
culturale di "gestione e manutenzione" sono più che d'
accordo ma ad esempio che nel pensi del termovalorizzatore
di Brescia ?
non conosco nello specifico. Ad ogni modo, tanto di cappello
alla Leonessa !
Cappello un par de maroni!
Prova a cercare Brescia latte diossina
E chiamiamolo inceneritore, basta propaganda.
Soviet_Mario
2017-08-12 22:47:08 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by lorenzo s
Post by Soviet_Mario
Post by Civetta
Che in Italia ci sia in generale un antico problema
culturale di "gestione e manutenzione" sono più che d'
accordo ma ad esempio che nel pensi del termovalorizzatore
di Brescia ?
non conosco nello specifico. Ad ogni modo, tanto di cappello
alla Leonessa !
Cappello un par de maroni!
Prova a cercare Brescia latte diossina
premesso che bisognerebbe capire se sia vero, si trova tanta
roba anche cercando "scie chimiche", e non significa che
esistano nella realtà.
Post by lorenzo s
E chiamiamolo inceneritore, basta propaganda.
oh non ho mica tabu. Generalmente sono cose lievemente
diverse, nel senso che il secondo si limita a ridurre di
volume i rifiuti; il primo (usabile con rifiuti ben
selezionati ricchi in plastica, carta e legno) fa una
cogenerazione, nel senso che produce pure un po' di energia
elettrica, da cui il nome di "valorizzatore".
Sostanzialmente fa due lavori in uno. Anche il camino di
casa è un valorizzatore : ti scaldi la casa trasformando un
grosso problema, e un costo, in un problema di un ordine di
grandezza inferiore o meno.
--
1) Resistere, resistere, resistere.
2) Se tutti pagano le tasse, le tasse le pagano tutti
Soviet_Mario - (aka Gatto_Vizzato)


---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
Giampaolo Natali
2017-08-13 08:17:11 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by lorenzo s
Post by Soviet_Mario
Post by Civetta
Che in Italia ci sia in generale un antico problema
culturale di "gestione e manutenzione" sono più che d'
accordo ma ad esempio che nel pensi del termovalorizzatore
di Brescia ?
non conosco nello specifico. Ad ogni modo, tanto di cappello
alla Leonessa !
Cappello un par de maroni!
Prova a cercare Brescia latte diossina
E chiamiamolo inceneritore, basta propaganda.
Il termovalorizzatore, pardon, l'inceneritore di Bologna produce:

- acqua calda per riscaldare l'intero Centro Alimentare
- energia elettrica sufficiente a far funzionare l'impianto di depurazione
cittadino e una parte degli uffici pubblici.

Poi chiamalo come ti pare, ma ..............................

P.S. - Mai parlato di latte o verdura contaminata da diossina (esiste una
grande produzione di verdura nell'areale del termovalorizzatore). Solamente
il solito appello di alcuni medici "schierati politicamente" che hanno
ripiegato, dopo l'allarmismo di facciata, sulla necessità di "tenere alto il
livello di attenzione" perchè "potrebbero esserci", ecc. ecc.).
Per la cronaca, il post bruciatore alimentato a gas metano eleva la
temperatura dei fumi a oltre 1200°C e, per quanto ne so, diossina kaputt.
--
Giampaolo Natali
***@alice.it
Roberto Deboni DMIsr
2017-08-13 14:06:51 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Civetta
Fossi svedese, non starei mai facendo un discorso del genere, sia
chiaro. Non mi sognerei mai di dire che la termovalorizzazione
centralizzata sia "ipso facto" peggiore, giammai. E' che siamo
tagliani, e non ci sta cura
Che in Italia ci sia in generale un antico problema culturale di
"gestione e manutenzione" sono più che d' accordo ma ad esempio che nel
pensi del termovalorizzatore di Brescia ?
Bravo lo chieda in questa specie di gruppo-bar!
Per sua sfortuna ci passo anch'io:

http://brescia.corriere.it/notizie/cronaca/15_gennaio_21/inceneritore-inquina-60percento-piu-quello-milano-bergamo-8042d8e4-a14d-11e4-8f86-063e3fa7313b.shtml

<http://web.archive.org/web/20170121140823/http://brescia.corriere.it/notizie/cronaca/15_gennaio_21/inceneritore-inquina-60percento-piu-quello-milano-bergamo-8042d8e4-a14d-11e4-8f86-063e3fa7313b.shtml>

Certuni sulla rete cercano solo quello che gli conferma
la tesi. Non conosco la storia dell'impianto, ma non
escludo affatto che possa avere funzionato per mesi ed
anche anni come un orologio. Ma quello di cui pecca una
certa italianita' pubblica e' la costanza, l'impegno
quotidiano: stile "ENEL" per intenderci, ma forse perche'
se manca l'energia elettrica, c'e' ne accorgiamo tutti e
sono subito proteste al calor bianco.
Ma appena un dipendente tipo crede di non essere visto ...

Ecco il contributo rispetto alle emissioni di tutta la citta:

http://brescia.corriere.it/notizie/cronaca/15_gennaio_15/polveri-nell-aria-10percento-emesso-dall-inceneritore-fba64a2c-9ca0-11e4-8bf6-694fc7ea2d25.shtml

Se da una parte:

"Gli inquinanti che ogni giorno escono dal camino dell’inceneritore
insieme a soffici nubi bianche di vapor acqueo sono tutti al di
sotto dei limiti di legge. Il parametro diossina - quello che più
spaventa - è addirittura cento volte sotto il limite di guardia."

dall'altra parte:

"Tenuto conto che i rifiuti inceneriti sono in leggero calo (728 mila
tonnellate nel 2013) la percentuale non dovrebbe essere molto diversa
da quella elaborata nel 2010, quando si stabilì che - sul parametro
dei soli ossidi d’azoto e non del cocktail complessivo delle emissioni
- il Tu era responsabile per l’ 8% dello smog presente in città."

ma mentre le altre fonti di inquinamento sono migliorate,
non e' cosi' per l'inceneritore che sta diventando il
"zoccolo duro" della tossicita' della citta':

"Un «peso ambientale» che oggi potrebbe essere cresciuto di
qualche punto percentuale; non perché l’inceneritore inquini
di più - ha spiegato Giulio Sesana, ex direttore Arpa e membro
dell’osservatorio - ma perché le altre fonti (traffico, acciaierie)
producono meno emissioni per via della crisi e per l’ammodernamento
degli impianti."

Forse l'inceneritore di Brescia sembrava un modello quando le citta'
erano piene di auto inquinanti e revisionate ogni dieci anni,
riscaldamento a gasolio e financo ancora a carbone, centrali
termoelettriche vicine senza filtri moderni, etc.
Ma oggi il paletto si e' abbassato moltissimo ed oggi sono gli
inceneritori a spuntare fuori dal mucchio.

Questo nel 2015. Ed un anno dopo ?

http://www.quibrescia.it/cms/2016/03/21/inquinamento-e-smog-brescia-la-peggiore-deuropa/

"Brescia è la città più inquinata d’Italia, anzi d’Europa"

Non dico che sia l'inceneritore, ma dico che non e' difficile per
un inceritore inserito nella citta' piu' inquinante fare risultare
un impatto minore che altrove.

Ma quello che trovo drammatico e' che l'inceneritore, per essere
economicamente sostenibile (oggi l'alternativa e' il riutilizzo ed
il riciclaggio), deve bruciare rifiuto che arrivano da altrove:

"Accettiamo rifiuti per l’inceneritore da tutt’Italia sia urbani che no,
tra l’altro l’inceneritore, che è il più grande d’Europa, emette
diossine e PCB."

e

"[ironico] ... abbiamo un inceneritore all’interno del territorio
urbano che non ci disturba. Abbiamo 300.000 tonnellate di rifiuti urbani
da smaltire. L’inceneritore funziona a pieno regime."

L'informazione che manca e' che a pieno regime l'inceneritore
bruccia 750'000 tonnellate all'anno (quindi stanno importando
450'000 tonnellate, ben piu' della meta' dello smaltimento
cittadino !!!)

Quello che intendo affermare e' che un inceneritore costruito
quando ancora non era di moda parlare di raccolta differenziata
e durante una era di ricco consumismo, oggi e' probabilmente
troppo grosso per le esigenze della citta' e fare soldi sulla
salute dei cittadini non mi sembra intelligente.

https://news.vice.com/it/article/brescia-tumori-chimica-inquinamento

L'Universita' di Brescia sui dati fino al 2012:

http://www.lifegate.it/imprese/news/termovalorizzatore_e_inquinanti_i_risultati_in_uno_studio

<http://web.archive.org/web/20140228160351/http://www.lifegate.it/imprese/news/termovalorizzatore_e_inquinanti_i_risultati_in_uno_studio>

il termovalorizzatore si fa pesare per oltre il 10% di una citta'
che generava inquinanti industrialmente in basso, se come spero per
i bresciani, negli ultimi anni la situazione per altri fattori
sta migliorando, l'inceneritore semplicemente non puo' migliorare
(salvo spegnendolo) e quindi pesera' sempre di piu'.

E che effetti ha sulla salute complessivamente ?

http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/05/14/tumori-a-brescia-e-record-italiano-lepidemiologo-ora-via-i-vertici-dellasl/984771/

<http://web.archive.org/web/20170201193403/http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/05/14/tumori-a-brescia-e-record-italiano-lepidemiologo-ora-via-i-vertici-dellasl/984771/>

“In entrambi i generi – si legge nello studio Iss-Airtum – si
osservano eccessi (uomini +10%, donne + 14%) in tutti i tumori
e dei tumori epatici, laringei, renali e tiroidei”. Ma la
“firma” dell’inquinamento si trova, secondo i ricercatori,
soprattutto in tre tipologie di tumore direttamente riconducibili
a Pcb e diossine, per i quali si registra un’incidenza record:
- i melanomi cutanei (uomini + 27%, donne + 19%),
- i linfomi non-Hodgkin (uomini + 14%, donne + 25%) e
- i tumori della mammella (donne + 25%).

L'ultima fonte potrebbe anche spiegare come mai ci sono
tanti che credono che l'inceneritore di Brescia non inquini.
Post by Civetta
Brescia sta in Italia e sembrerebbe che sia un modello molto
studiato all' estero.
Certamente: su come coprire l'operato dei tecnici.
Ha delle fonti di questo interesse ? (che non siano
italiane, ovviamente, altrimenti e' l'oste che si
racconta quanto e' buono il suo vino)
Post by Civetta
Se non sbaglio a Monaco di Baviera l' hanno copiato.
Cioe', per quanto riguadra l'inquinamento, il suo modello
di riferimento e' la Germania ? Stiamo freschi.
Non credera' che la vicenda Volkswagen sia solo una
eccezione. O la mozzarelle blu. Oppure l'antigelo nelle
uova ?

In ogni caso, chi e' la Martin GmbH ?

http://www.martingmbh.de/de/ueberblick.html

Cioe' i tedeschi sono interessati ad un impianto costruito
con la loro tecnologia ? Che strano ...
Pinter
2017-08-13 08:25:59 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
non intendevo solo quello cmq. Il fatto è che un inserto ventilato ha
anche una combustione migliore, come tutti i dispositivi a tiraggio
forzato che ossigenano bene.
Sono molto disincantato che un termovalorizzatore (pubblico in principio,
privato nella gestione), che IN TEORIA ha una combustione perfetta con
certi criteri di gestione e manutenzione, verrà concretamente gestito
meglio di quanto tu non gestirai il tuo inserto camino. Verrà gestito per
fare profitto, e taroccare i dati per rientrare nei limiti di legge,
quando pure non si metterà d'accordo nei controlli, o persino, come
vogliono fare per lo smarino del terzo valico, quando non verrà egli
stesso nominato controllore di sé stesso. Per cui, termovalorizza pure a
casa tua :)
Tra l'altro, tra i vantaggi mettici pure che azzeri alla fonte il rischio
che qualche faccendiere dirotti rifiuti verso discariche abusive. Qui
nell'Alessandrino stiamo constatando che è la prassi, per tagliare i
costi. Il rifiuto che scompare a km zero, evita di finire nei buchi neri
del malaffare. Alla fine penso che sia meglio accettare il piccolo danno
certo che dici, rispetto al danno peggiore che ne verrebbe da una gestione
di merda della cosa pubblica.
Che strano modo di ragionare.
Secondo quello che dici se 60 milioni di italiani
si mettessero tutti a bruciare legna, dai pellets
agli scarti l'ambiente ne gioverebbe.
E gia', come a Londra negli anni '60.
Bruciare legna produce piu scorie nell'ambiente
che il bruciare il puro carbone ed e' pure peggio
del bruciare gasolio.
Signori l'ignoranza è servita.
Bernardo Rossi
2017-08-11 05:43:47 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by lorenzo s
I travetti e gli assi probabilmente no
Segare gli assi non e' una buona idea, e' meglio segare le assi.
lorenzo s
2017-08-10 19:31:52 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
La motosega fa tagli da 1 cm, se noin gli serve tanta segatura...
Secondo me la sega giusta è questa
https://www.bricoferonline.it/catalog/product/utensili-manuali/segaccio-gardenia-7737
Roberto Bianchi
2017-08-10 20:02:19 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by lorenzo s
La motosega fa tagli da 1 cm, se noin gli serve tanta segatura...
Secondo me la sega giusta è questa
https://www.bricoferonline.it/catalog/product/utensili-manuali/segaccio-gardenia-7737
mi hai preso per l'incredibile hulk!? :-D
da ragazzino ero molto in forma per le seghe, ora non più :-D
m***@gmail.com
2017-08-11 14:55:25 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Roberto Bianchi
ciao a tutti, vorrei un vostro parere.
una mia amica ha in cantina una catasta piuttosto grande di vecchie
travi lunghe anche 6 m, + travetti vari + assi del vecchio pavimento +
listelli vari.
vorrebbe buttare via tutto, ma io le ho detto che andrebbero benissimo
per il camino, anche se impolverate: che problema c'è? le scuoti man
mano che le utilizzi e via.
peraltro essendo legno piuttosto vecchio e secco dovrebbe essere ottimo
no?
più che altro la seccatura è tagliarlo, ma con una sega circolare e un
po' di pazienza .........
che ne pensate?
Io le taglio con la troncatrice verticale e le brucio nella mussa a più di 1000 gradi con pochissimo residuo. Nel camino no.
Roberto Bianchi
2017-08-11 15:04:40 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by m***@gmail.com
Io le taglio con la troncatrice verticale e le brucio nella mussa a
più di 1000 gradi con pochissimo residuo. Nel camino no.
nella mussa? :-D
https://it.wikipedia.org/wiki/Mussa_(linguistica)
Roberto Deboni DMIsr
2017-08-12 16:12:58 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Roberto Bianchi
una mia amica ha in cantina una catasta piuttosto grande di vecchie
travi lunghe anche 6 m, + travetti vari + assi del vecchio pavimento +
listelli vari.
vorrebbe buttare via tutto, ma io le ho detto che andrebbero benissimo
per il camino, anche se impolverate: che problema c'è? le scuoti man
mano che le utilizzi e via.
peraltro essendo legno piuttosto vecchio e secco dovrebbe essere ottimo
no?
Se la legna appare "legna", senza vernici (tranne i listelli vari) o
altri trattamenti in superificie, per i travi metterei un annuncio
sulla rete.

C'e' chi e' disperatamente alla ricerca di travi vecchie e stagionate,
per non dire antiche.

Anzi, se e' "bella" (non mi chieda cosa si intende), nel
settore del restauro sono molto ricercati (antiquariato
incluso).

La polvere non e' un problema (anzi e' la norma), si soffia via.

Questi forse sono interessati:

https://www.woodrevive.it/

Scrivere una email non costa nulla e magari ci informa dei
risultati.
Civetta
2017-08-12 17:34:28 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Roberto Deboni DMIsr
C'e' chi e' disperatamente alla ricerca di travi vecchie e stagionate,
per non dire antiche.
vero, mi sembra che tra i cercatori di travi vecchie ci siano i liutai
che hanno bisogno di legno iperstagionato
Roberto Bianchi
2017-08-12 19:59:20 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Roberto Deboni DMIsr
Se la legna appare "legna", senza vernici (tranne i listelli vari) o
altri trattamenti in superificie, per i travi metterei un annuncio
sulla rete.
già stato fatto non ha risposto nessuno. sì ad occhio sembra proprio
grezza
Post by Roberto Deboni DMIsr
https://www.woodrevive.it/
treviso troppo lontano
Roberto Deboni DMIsr
2017-08-13 14:25:50 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Roberto Bianchi
Post by Roberto Deboni DMIsr
Se la legna appare "legna", senza vernici (tranne i listelli vari) o
altri trattamenti in superificie, per i travi metterei un annuncio
sulla rete.
già stato fatto non ha risposto nessuno. sì ad occhio sembra proprio
grezza
Post by Roberto Deboni DMIsr
https://www.woodrevive.it/
treviso troppo lontano
Non deve portarla lei.
Se sono interessati, vengono loro a prendersela o farla ritirare.

Non ci sono bravi falegnami (di quelli che ancora fanno
mobili su ordinazione) o mobilieri di "arte povera",
dalle sue parti ?

Ho usato legna vecchia in passato e tagliata, fresata e
verniciata come si deve viene fuori bellissima ed
invecchiando acquista una tonalita' dorata senza
tempo.

Considero che in genere la legna per travi era legna
buona, con pochi difetti (per ovvie ragioni).
Roberto Bianchi
2017-08-13 20:18:36 UTC
Rispondi
Permalink
Raw Message
Post by Roberto Deboni DMIsr
Non ci sono bravi falegnami (di quelli che ancora fanno
mobili su ordinazione) o mobilieri di "arte povera",
dalle sue parti ?
Ho usato legna vecchia in passato e tagliata, fresata e
verniciata come si deve viene fuori bellissima ed
invecchiando acquista una tonalita' dorata senza
tempo.
Considero che in genere la legna per travi era legna
buona, con pochi difetti (per ovvie ragioni).
provo ad interessarmi, non ci avevo pensato, anche se magari da
ignorante non credo che quella legna abbia i requisiti per diventare
mobilia di arte povera.
La ringrazio e Le porgo i miei più cordiali saluti

Loading...