Discussione:
Batteria LIDL con pannello solare
(troppo vecchio per rispondere)
guybonet
1970-01-01 00:00:00 UTC
Permalink
Raw Message
Ho comperato alla LIDL un accumulatore con pannello solare ma non
vedo caricarsi la batteria al sole.
Oltretutto, se caricato con l'alimentatore non tiene la carica per
molto tempo.
Qualcuno di voi ne ha uno?
Come funziona?
--
----Android NewsGroup Reader----
http://usenet.sinaapp.com/
Roberto
2018-07-11 17:49:23 UTC
Permalink
Raw Message
Post by guybonet
Ho comperato alla LIDL
ROTFL
Lo Smilzo
2018-07-11 18:19:53 UTC
Permalink
Raw Message
dovevi acquistarla al Piccol completo...



asdf
2018-07-12 00:14:45 UTC
Permalink
Raw Message
Post by guybonet
Ho comperato alla LIDL un accumulatore con pannello solare ma non
vedo caricarsi la batteria al sole.
Nessun carichino solare di nessuna marca con un pannello simile,
manco se costruito dalla NASA con tecnologie spaziali, si caricherà
in meno di diversi giorni, più probabilmente qualche settimana,
anche tenendolo sempre al sole e non usandolo mai.
Un pannello solare di quelle dimensioni produce una quantità di
energia infinitesima rispetto a quella che serve per caricare le
celle; mettercelo serve solo a venderlo più facilmente perchè nella
sostanza il pannello solare non serve a un cacchio.

Se può servire, io ho preso quel carichino con pannello per fare
qualche prova mesi fa, la volta precedente sempre in Lidl: non lo
ho mai tolto dalla confezione e ho messo questa dietro una finestra
alla luce del giorno. Da allora è esposto alla luce ma onestamente il
sole diretto gli arriva per pochissimo tempo ogni giorno, ma almeno
l'autoscarica delle celle (ripeto: è ancora sigillato) dovrebbe
limitarla. Invece appena comprato l'indicatore di carica segnava 3
led su 4, ora che ho appena provato sono solo 2. In sostanza, anche
solo per limitare la normale autoscarica servirebbe più tempo di
esposizione diretta, figuriamoci per caricarlo, il che indica quanto
inutile possa essere il pannello.
D'altra parte sarà si e no il doppio di quelli che mettono nelle lucine
da giardino che nel migliore dei casi riescono ad accendere a malapena
un led con 10-20mA per qualche ora, cioè una corrente circa 100 volte
inferiore a quella che serve per caricare in tempi accettabili qualcosa
che poi carichi un telefonino moderno.

Per funzionare quasi decentemente il pannello dovrebbe essere da una
50ina di cm per lato come minimo, ma poi chi se lo compra...
Post by guybonet
Oltretutto, se caricato con l'alimentatore non tiene la carica per
molto tempo.
Questo dipende dalla qualità della cella e potrebbe anche essere un
esemplare uscito male. Normalmente le celle a litio hanno un'autoscarica
bassa. Ma visto che anche il mio presenta una certa autoscarica e
nemmeno quei pochi mA del pannellino riescono a fermarla, direi che
siamo di fronte ad una monnezza di power bank.
Post by guybonet
Qualcuno di voi ne ha uno?
Come funziona?
A giorni lo toglierò dalla confezione e farò qualche prova, ma non mi
aspetto molto: Lidl è eccellente per la spesa mangereccia e degli
articoli per la casa, poi salvo qualche eccezione è anche ottima per
il fai da te, ma per pile ricaricabili e lampadine giro al largo.
guybonet
1970-01-01 00:00:00 UTC
Permalink
Raw Message
Post by asdf
Post by guybonet
Ho comperato alla LIDL un accumulatore con pannello solare ma non
vedo caricarsi la batteria al sole.
Nessun carichino solare di nessuna marca con un pannello simile,
manco se costruito dalla NASA con tecnologie spaziali, si caricherà
in meno di diversi giorni, più probabilmente qualche settimana,
anche tenendolo sempre al sole e non usandolo mai.
Un pannello solare di quelle dimensioni produce una quantità di
energia infinitesima rispetto a quella che serve per caricare le
celle; mettercelo serve solo a venderlo più facilmente perchè nella
sostanza il pannello solare non serve a un cacchio.
Se può servire, io ho preso quel carichino con pannello per fare
qualche prova mesi fa, la volta precedente sempre in Lidl: non lo
ho mai tolto dalla confezione e ho messo questa dietro una finestra
alla luce del giorno. Da allora è esposto alla luce ma onestamente il
sole diretto gli arriva per pochissimo tempo ogni giorno, ma almeno
l'autoscarica delle celle (ripeto: è ancora sigillato) dovrebbe
limitarla. Invece appena comprato l'indicatore di carica segnava 3
led su 4, ora che ho appena provato sono solo 2. In sostanza, anche
solo per limitare la normale autoscarica servirebbe più tempo di
esposizione diretta, figuriamoci per caricarlo, il che indica quanto
inutile possa essere il pannello.
D'altra parte sarà si e no il doppio di quelli che mettono nelle lucine
da giardino che nel migliore dei casi riescono ad accendere a malapena
un led con 10-20mA per qualche ora, cioè una corrente circa 100 volte
inferiore a quella che serve per caricare in tempi accettabili qualcosa
che poi carichi un telefonino moderno.
Per funzionare quasi decentemente il pannello dovrebbe essere da una
50ina di cm per lato come minimo, ma poi chi se lo compra...
Post by guybonet
Oltretutto, se caricato con l'alimentatore non tiene la carica per
molto tempo.
Questo dipende dalla qualità della cella e potrebbe anche essere un
esemplare uscito male. Normalmente le celle a litio hanno un'autoscarica
bassa. Ma visto che anche il mio presenta una certa autoscarica e
nemmeno quei pochi mA del pannellino riescono a fermarla, direi che
siamo di fronte ad una monnezza di power bank.
Dopo due giorni, se i led non ingannano, il power bank mi da
carica al massimo.
Vabbè ... Per 12 euro ci può stare se non fosse perché mi sento
preso per i fondelli.
Davo per scontato che si potesse alimentare un cell sotto il sole
in spiaggia.
Qualche dubbio mi era venuto leggendo che non doveva essere posto
a più di 40? visto che nella bassa bresciana dove abito se ti
metti al sole i 40° li passi sicuramente d'estate ed essendo il
"coso" scuro c'era qualcosa che non andava.


----Android NewsGroup Reader----
http://usenet.sinaapp.com/
Roberto Deboni DMIsr
2018-07-13 12:10:23 UTC
Permalink
Raw Message
On 12/07/18 15:51, guybonet wrote:

...snip...
Post by guybonet
Davo per scontato che si potesse alimentare un cell sotto il sole
in spiaggia.
Qualche dubbio mi era venuto leggendo che non doveva essere posto
a più di 40? visto che nella bassa bresciana dove abito se ti
metti al sole i 40° li passi sicuramente d'estate ed essendo il
"coso" scuro c'era qualcosa che non andava.
Quello e' un altro problema dell'abbinare due componenti
con diversa tolleranza termica. Il fotovoltaico, dovendo
catturare piu' sole possibile, e' costruito per
sopportare le alte temperature.

Le batterie al litio (e la chimica in generale), soffrono il
caldo, ed a 40 gradiC si ha un invecchiamento accelerato.
Molto accelerato.

La soluzione accettabile richiede di avere il modulo fotovoltaico
separato dalla batteria, in modo da potere tenere la batteria
all'ombra.
Daniele Grossi
2018-07-13 12:52:25 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Roberto Deboni DMIsr
...snip...
Post by guybonet
Davo per scontato che si potesse alimentare un cell sotto il sole
in spiaggia.
Qualche dubbio mi era venuto leggendo che non doveva essere posto
a più di 40? visto che nella bassa bresciana dove abito se ti
metti al sole i 40° li passi sicuramente d'estate ed essendo il
"coso" scuro c'era qualcosa che non andava.
Quello e' un altro problema dell'abbinare due componenti
con diversa tolleranza termica. Il fotovoltaico, dovendo
catturare piu' sole possibile, e' costruito per
sopportare le alte temperature.
Le batterie al litio (e la chimica in generale)
la chimica in generale ?
Ma che cazzo significa, possibile che sempre puttanate lei
riesca a scrivere.
e la fisica?
e la botanica?
e la zoologia?
e le scienze umanistiche?
e la giurisprudenza?

e..... STOCAZZO?
Post by Roberto Deboni DMIsr
, soffrono il
caldo, ed a 40 gradiC si ha un invecchiamento accelerato.
Molto accelerato.
La soluzione accettabile richiede di avere il modulo fotovoltaico
separato dalla batteria, in modo da potere tenere la batteria
all'ombra.
Roberto Deboni DMIsr
2018-07-13 16:38:03 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Daniele Grossi
Post by Roberto Deboni DMIsr
...snip...
Post by guybonet
Davo per scontato che si potesse alimentare un cell sotto il sole
in spiaggia.
Qualche dubbio mi era venuto leggendo che non doveva essere posto
a più di 40? visto che nella bassa bresciana dove abito se ti
metti al sole i 40° li passi sicuramente d'estate ed essendo il
"coso" scuro c'era qualcosa che non andava.
Quello e' un altro problema dell'abbinare due componenti
con diversa tolleranza termica. Il fotovoltaico, dovendo
catturare piu' sole possibile, e' costruito per
sopportare le alte temperature.
Le batterie al litio (e la chimica in generale)
la chimica in generale ?
Significa che anche la batterie chimiche basate
su altri elementi soffrono le alte temperature.

...snip...
Daniele Grossi
2018-07-13 16:55:34 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Daniele Grossi
Post by Roberto Deboni DMIsr
...snip...
Post by guybonet
Davo per scontato che si potesse alimentare un cell sotto il sole
in spiaggia.
Qualche dubbio mi era venuto leggendo che non doveva essere posto
a più di 40? visto che nella bassa bresciana dove abito se ti
metti al sole i 40° li passi sicuramente d'estate ed essendo il
"coso" scuro c'era qualcosa che non andava.
Quello e' un altro problema dell'abbinare due componenti
con diversa tolleranza termica. Il fotovoltaico, dovendo
catturare piu' sole possibile, e' costruito per
sopportare le alte temperature.
Le batterie al litio (e la chimica in generale)
la chimica in generale ?
Significa che anche la batterie chimiche basate
su altri elementi soffrono le alte temperature.
...snip...
Fammi un esempio di batteria non chimica.
Sei solo un ignorante che vuol darsi delle arie
da saputo.
Un saputello insomma.
Giampaolo Natali
2018-07-14 07:43:09 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Daniele Grossi
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Daniele Grossi
Post by Roberto Deboni DMIsr
...snip...
Post by guybonet
Davo per scontato che si potesse alimentare un cell sotto il sole
in spiaggia.
Qualche dubbio mi era venuto leggendo che non doveva essere posto
a più di 40? visto che nella bassa bresciana dove abito se ti
metti al sole i 40° li passi sicuramente d'estate ed essendo il
"coso" scuro c'era qualcosa che non andava.
Quello e' un altro problema dell'abbinare due componenti
con diversa tolleranza termica. Il fotovoltaico, dovendo
catturare piu' sole possibile, e' costruito per
sopportare le alte temperature.
Le batterie al litio (e la chimica in generale)
la chimica in generale ?
Significa che anche la batterie chimiche basate
su altri elementi soffrono le alte temperature.
...snip...
Fammi un esempio di batteria non chimica.
Sei solo un ignorante che vuol darsi delle arie
da saputo.
Un saputello insomma.
Non conosci il proverbio :
MAI DARE VIA DEL TUO?

Consiglio di amico: impara a metterlo in pratica.
--
Giampaolo Natali
***@alice.it
Daniele Grossi
2018-07-14 10:36:25 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Giampaolo Natali
Post by Daniele Grossi
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Daniele Grossi
Post by Roberto Deboni DMIsr
...snip...
Post by guybonet
Davo per scontato che si potesse alimentare un cell sotto il sole
in spiaggia.
Qualche dubbio mi era venuto leggendo che non doveva essere posto
a più di 40? visto che nella bassa bresciana dove abito se ti
metti al sole i 40° li passi sicuramente d'estate ed essendo il
"coso" scuro c'era qualcosa che non andava.
Quello e' un altro problema dell'abbinare due componenti
con diversa tolleranza termica. Il fotovoltaico, dovendo
catturare piu' sole possibile, e' costruito per
sopportare le alte temperature.
Le batterie al litio (e la chimica in generale)
la chimica in generale ?
Significa che anche la batterie chimiche basate
su altri elementi soffrono le alte temperature.
...snip...
Fammi un esempio di batteria non chimica.
Sei solo un ignorante che vuol darsi delle arie
da saputo.
Un saputello insomma.
MAI DARE VIA DEL TUO?
Consiglio di amico: impara a metterlo in pratica.
Consiglio da non conoscente, fatti i cazzi tuoi, vivrai piu' a lungo.
Roberto Deboni DMIsr
2018-07-15 03:41:44 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Daniele Grossi
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Daniele Grossi
Post by Roberto Deboni DMIsr
...snip...
Post by guybonet
Davo per scontato che si potesse alimentare un cell sotto il sole
in spiaggia.
Qualche dubbio mi era venuto leggendo che non doveva essere posto
a più di 40? visto che nella bassa bresciana dove abito se ti
metti al sole i 40° li passi sicuramente d'estate ed essendo il
"coso" scuro c'era qualcosa che non andava.
Quello e' un altro problema dell'abbinare due componenti
con diversa tolleranza termica. Il fotovoltaico, dovendo
catturare piu' sole possibile, e' costruito per
sopportare le alte temperature.
Le batterie al litio (e la chimica in generale)
la chimica in generale ?
Significa che anche la batterie chimiche basate
su altri elementi soffrono le alte temperature.
...snip...
Fammi un esempio di batteria non chimica.
Ahahhh, l'ha capita in quel senso ?
Non e' molto pratico della materia, giusto ?
Ad esempio che le reazioni chimiche sono molto
sensibili alla temperatura ...
Post by Daniele Grossi
Sei solo un ignorante che vuol darsi delle arie
da saputo.
E come si fa a "darsi delle arie" ?
Ha qualche esempio ?
Post by Daniele Grossi
Un saputello insomma.
(sic!)
Daniele Grossi
2018-07-15 12:55:45 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Daniele Grossi
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by Daniele Grossi
Post by Roberto Deboni DMIsr
...snip...
Post by guybonet
Davo per scontato che si potesse alimentare un cell sotto il sole
in spiaggia.
Qualche dubbio mi era venuto leggendo che non doveva essere posto
a più di 40? visto che nella bassa bresciana dove abito se ti
metti al sole i 40° li passi sicuramente d'estate ed essendo il
"coso" scuro c'era qualcosa che non andava.
Quello e' un altro problema dell'abbinare due componenti
con diversa tolleranza termica. Il fotovoltaico, dovendo
catturare piu' sole possibile, e' costruito per
sopportare le alte temperature.
Le batterie al litio (e la chimica in generale)
la chimica in generale ?
Significa che anche la batterie chimiche basate
su altri elementi soffrono le alte temperature.
...snip...
Fammi un esempio di batteria non chimica.
Ahahhh, l'ha capita in quel senso ?
Non e' molto pratico della materia, giusto ?
Ad esempio che le reazioni chimiche sono molto
sensibili alla temperatura ...
Certo e ci sono di quelle che avvengono raffreddando,
pensa un po' te non ci crederesti vero?
Si chiamano endotermiche.
Sei una testa di cazzo saputella, e dopo
questo puoi tranquillamente andare a cagare.

Roberto Deboni DMIsr
2018-07-12 02:11:43 UTC
Permalink
Raw Message
Post by guybonet
Ho comperato alla LIDL un accumulatore con pannello solare
ma non vedo caricarsi la batteria al sole.
Magari ci darebbe la latitudine ? Sa, non e' proprio
la stessa cosa trovarsi a Linosa piuttosto che a Merano.
Post by guybonet
Oltretutto, se caricato con l'alimentatore non tiene la
carica per molto tempo.
Si prega fare la parafrasi, la seconda parte della frase si
presta a diverse interpretazioni.
Post by guybonet
Qualcuno di voi ne ha uno?
Il giorno che si impara la differenza tra potenza ed
energia (che va oltre una mera questione di simboli,
infatti, qui non utilizzati), non e' mai troppo tardi.
Uhmmm, ci vorrebbe un Alberto Manzi per l'analfabetismo
scientifico e della natura (che va oltre quella di
animali e piantine).
Post by guybonet
Come funziona?
Lei e' stato scarno con le informazioni, percio' ho
consultato la mia sfera di cristallo (vediamo se
funziona):

Silvercrest da 3,7V 2,2 Ah SLS 2200 B2 codice IAN 110433

Un momento, ci sono dei disturbi, l'immagina nella
sfera, cambia, ora e' un:

Silvercrest da 3,7 5 Ah SPBS 5000 B2 codice IAN 295815

Ma e' cosi' difficile dare anche solo uno straccio di
informazione ?

Dentro nella confezione di ambedue ci sono delle
informazioni: leggetele (e riferitele ...).
Ad esempio, viene indicato il tempo di ricarica
alla massima intensita' solare:

SLS 2200 22-30 ore (misure modulo < 70x129)
SPBS 5000 22-30 ore (misure modulo < 83x144)

Suppongo che capite che le 22-30 ore si calcolano
contando solo le ore di massima insolazione, ad
esempio, se sono 4 ore al giorno, significa che
la ricarica richieda da 6 giorni ad 8 giorni.

Ovviamente si intende che l'oggetto sia sistemato
con il giusto angolo e senza vetri in mezzo (quindi
no dietro la finestra, no in auto). Altrimenti
l'intensita' solare cala e cala il flusso di energia
che esce dalle cellette fotovoltaiche.

E' vero che le cellette a film amorfa usate nei due
oggetti pescano anche la radiazione riflessa, ma non
e' che questa sia granche'.

Insomma, il valore indicato di 22-30 ore e' illusorio,
valido solo d'estate ed in condizioni ottimali.
Direi che se andiamo verso le due settimane o piu',
forse finalmente lo vediamo caricarsi.
Forse.

L'efficienza delle celle a film sottile nei prodotti
commerciali arriva fino al 9%, ma sospetto che quelli
usati in oggettistica economica, siano piu' verso
livelli ordinari del 6%.

Questo si traduce nel fatto che per avere una potenza
di 1 kW(p) servono almeno 16 m2 di superficie attiva.
Diviso 1000 significa che per 1 W(p) servono almeno
0,016 m2 ovvero 160 cm2 di superficie attiva.

Ogni modulo fotovoltaico appare composto da 20
celle a film sottile, delle seguenti misure:

SLS 2200 1,0x2,4 cm --> 20 x 2,4 cm2 = 48 cm2
SPBS 5000 1,0x2,8 cm --> 20 x 2,8 cm2 = 56 cm2

Non sono misure precise, perche' fatte allo schermo
dal manuale (ho allargato l'immagine fino a fare
corrispondere le misure esterne a quelle nella guida,
poi ha misurato la dimensione apparente delle celle).
Se avete misure piu' esatte, fornitele.

La potenza di picco disponibile quindi pare essere
intorno ai:

SLS 2200 48/160 = 0,3 W(p)
SPBS 5000 56/160 = 0,35 W(p)

Senza considerare le perdite del regolatore.
Le batterie agli ioni di litio sono molto efficienti,
ma in termini di corrente. Infatti occorre fornire
4,2 V per una cella da 3,7 V. Dato che la potenza e'
il risultato di tensione per corrente, ne viene
fuori che, ad esempio, per una corrente di 1 A,
occorre una potenza di 4,2 W, ma la batteria vede
entrare un flusso di energia corrispondente a 3,7 W.
In altre parole, meno del 90% dell'energia fornita
finisce nella batteria. E sto ipotizzando un regolatore
fotovoltaico ad efficienza 99% (valore ottenibile con
gli inverter piu' costosi ...).

Quindi, sempre stimando:

SLS 2200 0,3 W(p) x 0,9 = 0,27 W(p) --> 73 mA @ 3,7V
SPBS 5000 0,35 W(p) x 0,9 = 0,315 W(p) --> 85 mA @ 3,7V

Secondo questi calcoli, per la ricarica servono:

SLS 2200 2200/73 = 30 ore
SPBS 5000 5000/85 = 59 ore

Ipotizzando celle dal 9% di efficienza per il
SPBS 5000, non si scende sotto le 39 ore.

Quindi direi che sul manuale del modello piu'
recente si sono limitati a scoppiazzare il numero
del modello minore.
Roberto Deboni DMIsr
2018-07-12 02:33:45 UTC
Permalink
Raw Message
On 12/07/18 04:11, Roberto Deboni DMIsr wrote:

...snip...
Post by Roberto Deboni DMIsr
La potenza di picco disponibile quindi pare essere
SLS 2200 48/160 = 0,3 W(p)
SPBS 5000 56/160 = 0,35 W(p)
Senza considerare le perdite del regolatore.
Le batterie agli ioni di litio sono molto efficienti,
ma in termini di corrente. Infatti occorre fornire
4,2 V per una cella da 3,7 V. Dato che la potenza e'
il risultato di tensione per corrente, ne viene
fuori che, ad esempio, per una corrente di 1 A,
occorre una potenza di 4,2 W, ma la batteria vede
entrare un flusso di energia corrispondente a 3,7 W.
In altre parole, meno del 90% dell'energia fornita
finisce nella batteria. E sto ipotizzando un regolatore
fotovoltaico ad efficienza 99% (valore ottenibile con
gli inverter piu' costosi ...).
SLS 2200 2200/73 = 30 ore
SPBS 5000 5000/85 = 59 ore
Ipotizzando celle dal 9% di efficienza per il
SPBS 5000, non si scende sotto le 39 ore.
Quindi direi che sul manuale del modello piu'
recente si sono limitati a scoppiazzare il numero
del modello minore.
Prendiamo Roma, mettendo l'oggetto inclinato di 35 gradi
sulla orizzontale e 2 gradi verso Sud. Un modulo da 1 W(p)
puo' generare fino a 5,47 W*h a Luglio e meno di 2,35
W*h in Dicembre. Pero', volendo a Dicembre potremo
anche metterlo a 65 gradi (cioe' quasi in piedi, sempre
verso Sud) e cosi' arrivare a 2,67 W*h.
Tutti valori ottenibili al Sole pieno, senza vetri in mezzo.

Togliendo il 10% per l'effettuazione della ricarica, abbiamo
quindi al massimo 4,923 W*h a Luglio che si traduce, a 3,7 V,
in 1330 mA*h. Noi pero' abbiamo molto meno di un watt:

SLS 2200 0.3 x 1330 = 399 mA*h al giorno
SPBS 5000 0.35 x 1330 = 466 mA*h al giorno (700 mA*h se al 9%)

Quindi si va a 6 giorni per il modello piu' piccolo a
11 giorni (7 giorni se le celle sono da 9%) per il
modello da 5Ah. Questo in Luglio, a Roma, con angolazione
ottimale, all'aperto, senza ombre ed ostacoli.

A dicembre, sempre con angolo ottimale (che e' diverso da
quello a luglio)m si hanno 650 mA*h con un watt di potenza,
che rapportati diventano:

SLS 2200 0.3 x 650 = 195 mA*h al giorno
SPBS 5000 0.35 x 650 = 227 mA*h al giorno (341 mA*h se al 9%)

e quindi la ricarica richiederebbe 2200/195 = 12 giorni
per il SLS 2200 e 22 giorni (15 giorni se il 9%) per il
modello SPBS 5000.
Roberto Deboni DMIsr
2018-07-12 02:49:41 UTC
Permalink
Raw Message
Attenzione, chi replica a questo finisce nel gruppo pertinente
(fatto per avere una copia, senza cross-post)
Post by Roberto Deboni DMIsr
...snip...
Post by Roberto Deboni DMIsr
La potenza di picco disponibile quindi pare essere
SLS 2200 48/160 = 0,3 W(p)
SPBS 5000 56/160 = 0,35 W(p)
Senza considerare le perdite del regolatore.
Le batterie agli ioni di litio sono molto efficienti,
ma in termini di corrente. Infatti occorre fornire
4,2 V per una cella da 3,7 V. Dato che la potenza e'
il risultato di tensione per corrente, ne viene
fuori che, ad esempio, per una corrente di 1 A,
occorre una potenza di 4,2 W, ma la batteria vede
entrare un flusso di energia corrispondente a 3,7 W.
In altre parole, meno del 90% dell'energia fornita
finisce nella batteria. E sto ipotizzando un regolatore
fotovoltaico ad efficienza 99% (valore ottenibile con
gli inverter piu' costosi ...).
SLS 2200 2200/73 = 30 ore
SPBS 5000 5000/85 = 59 ore
Ipotizzando celle dal 9% di efficienza per il
SPBS 5000, non si scende sotto le 39 ore.
Quindi direi che sul manuale del modello piu'
recente si sono limitati a scoppiazzare il numero
del modello minore.
Prendiamo Roma, mettendo l'oggetto inclinato di 35 gradi
sulla orizzontale e 2 gradi verso Sud. Un modulo da 1 W(p)
puo' generare fino a 5,47 W*h a Luglio e meno di 2,35
W*h in Dicembre. Pero', volendo a Dicembre potremo
anche metterlo a 65 gradi (cioe' quasi in piedi, sempre
verso Sud) e cosi' arrivare a 2,67 W*h.
Tutti valori ottenibili al Sole pieno, senza vetri in mezzo.
Togliendo il 10% per l'effettuazione della ricarica, abbiamo
quindi al massimo 4,923 W*h a Luglio che si traduce, a 3,7 V,
SLS 2200 0.3 x 1330 = 399 mA*h al giorno
SPBS 5000 0.35 x 1330 = 466 mA*h al giorno (700 mA*h se al 9%)
Quindi si va a 6 giorni per il modello piu' piccolo a
11 giorni (7 giorni se le celle sono da 9%) per il
modello da 5Ah. Questo in Luglio, a Roma, con angolazione
ottimale, all'aperto, senza ombre ed ostacoli.
A dicembre, sempre con angolo ottimale (che e' diverso da
quello a luglio)m si hanno 650 mA*h con un watt di potenza,
SLS 2200 0.3 x 650 = 195 mA*h al giorno
SPBS 5000 0.35 x 650 = 227 mA*h al giorno (341 mA*h se al 9%)
e quindi la ricarica richiederebbe 2200/195 = 12 giorni
per il SLS 2200 e 22 giorni (15 giorni se il 9%) per il
modello SPBS 5000.
Roberto Deboni DMIsr
2018-07-12 02:50:27 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Roberto Deboni DMIsr
Attenzione, chi replica a questo finisce nel gruppo pertinente
(fatto per avere una copia, senza cross-post)
Post by Roberto Deboni DMIsr
...snip...
Post by Roberto Deboni DMIsr
La potenza di picco disponibile quindi pare essere
SLS 2200 48/160 = 0,3 W(p)
SPBS 5000 56/160 = 0,35 W(p)
Senza considerare le perdite del regolatore.
Le batterie agli ioni di litio sono molto efficienti,
ma in termini di corrente. Infatti occorre fornire
4,2 V per una cella da 3,7 V. Dato che la potenza e'
il risultato di tensione per corrente, ne viene
fuori che, ad esempio, per una corrente di 1 A,
occorre una potenza di 4,2 W, ma la batteria vede
entrare un flusso di energia corrispondente a 3,7 W.
In altre parole, meno del 90% dell'energia fornita
finisce nella batteria. E sto ipotizzando un regolatore
fotovoltaico ad efficienza 99% (valore ottenibile con
gli inverter piu' costosi ...).
SLS 2200 2200/73 = 30 ore
SPBS 5000 5000/85 = 59 ore
Ipotizzando celle dal 9% di efficienza per il
SPBS 5000, non si scende sotto le 39 ore.
Quindi direi che sul manuale del modello piu'
recente si sono limitati a scoppiazzare il numero
del modello minore.
Prendiamo Roma, mettendo l'oggetto inclinato di 35 gradi
sulla orizzontale e 2 gradi verso Sud. Un modulo da 1 W(p)
puo' generare fino a 5,47 W*h a Luglio e meno di 2,35
W*h in Dicembre. Pero', volendo a Dicembre potremo
anche metterlo a 65 gradi (cioe' quasi in piedi, sempre
verso Sud) e cosi' arrivare a 2,67 W*h.
Tutti valori ottenibili al Sole pieno, senza vetri in mezzo.
Togliendo il 10% per l'effettuazione della ricarica, abbiamo
quindi al massimo 4,923 W*h a Luglio che si traduce, a 3,7 V,
SLS 2200 0.3 x 1330 = 399 mA*h al giorno
SPBS 5000 0.35 x 1330 = 466 mA*h al giorno (700 mA*h se al 9%)
Quindi si va a 6 giorni per il modello piu' piccolo a
11 giorni (7 giorni se le celle sono da 9%) per il
modello da 5Ah. Questo in Luglio, a Roma, con angolazione
ottimale, all'aperto, senza ombre ed ostacoli.
A dicembre, sempre con angolo ottimale (che e' diverso da
quello a luglio)m si hanno 650 mA*h con un watt di potenza,
SLS 2200 0.3 x 650 = 195 mA*h al giorno
SPBS 5000 0.35 x 650 = 227 mA*h al giorno (341 mA*h se al 9%)
e quindi la ricarica richiederebbe 2200/195 = 12 giorni
per il SLS 2200 e 22 giorni (15 giorni se il 9%) per il
modello SPBS 5000.
Dal gruppo it.hobby.fai-da-te
Roberto Deboni DMIsr
2018-07-12 02:52:02 UTC
Permalink
Raw Message
Post by Roberto Deboni DMIsr
Dal gruppo it.hobby.fai-da-te
Ovviamente questa volta non ha funzionato, mi
sono dimenticato di attivare il follow/up.
Roberto Deboni DMIsr
2018-07-12 02:47:23 UTC
Permalink
Raw Message
Attenzione, chi replica a questo finisce nel gruppo pertinente
(fatto per avere una copia, senza cross-post)
Post by Roberto Deboni DMIsr
Post by guybonet
Ho comperato alla LIDL un accumulatore con pannello solare
ma non vedo caricarsi la batteria al sole.
Magari ci darebbe la latitudine ? Sa, non e' proprio
la stessa cosa trovarsi a Linosa piuttosto che a Merano.
Post by guybonet
Oltretutto, se caricato con l'alimentatore non tiene la
carica per molto tempo.
Si prega fare la parafrasi, la seconda parte della frase si
presta a diverse interpretazioni.
Post by guybonet
Qualcuno di voi ne ha uno?
Il giorno che si impara la differenza tra potenza ed
energia (che va oltre una mera questione di simboli,
infatti, qui non utilizzati), non e' mai troppo tardi.
Uhmmm, ci vorrebbe un Alberto Manzi per l'analfabetismo
scientifico e della natura (che va oltre quella di
animali e piantine).
Post by guybonet
Come funziona?
Lei e' stato scarno con le informazioni, percio' ho
consultato la mia sfera di cristallo (vediamo se
Silvercrest da 3,7V 2,2 Ah SLS 2200 B2 codice IAN 110433
Un momento, ci sono dei disturbi, l'immagina nella
Silvercrest da 3,7 5 Ah SPBS 5000 B2 codice IAN 295815
Ma e' cosi' difficile dare anche solo uno straccio di
informazione ?
Dentro nella confezione di ambedue ci sono delle
informazioni: leggetele (e riferitele ...).
Ad esempio, viene indicato il tempo di ricarica
SLS 2200 22-30 ore (misure modulo < 70x129)
SPBS 5000 22-30 ore (misure modulo < 83x144)
Suppongo che capite che le 22-30 ore si calcolano
contando solo le ore di massima insolazione, ad
esempio, se sono 4 ore al giorno, significa che
la ricarica richieda da 6 giorni ad 8 giorni.
Ovviamente si intende che l'oggetto sia sistemato
con il giusto angolo e senza vetri in mezzo (quindi
no dietro la finestra, no in auto). Altrimenti
l'intensita' solare cala e cala il flusso di energia
che esce dalle cellette fotovoltaiche.
E' vero che le cellette a film amorfa usate nei due
oggetti pescano anche la radiazione riflessa, ma non
e' che questa sia granche'.
Insomma, il valore indicato di 22-30 ore e' illusorio,
valido solo d'estate ed in condizioni ottimali.
Direi che se andiamo verso le due settimane o piu',
forse finalmente lo vediamo caricarsi.
Forse.
L'efficienza delle celle a film sottile nei prodotti
commerciali arriva fino al 9%, ma sospetto che quelli
usati in oggettistica economica, siano piu' verso
livelli ordinari del 6%.
Questo si traduce nel fatto che per avere una potenza
di 1 kW(p) servono almeno 16 m2 di superficie attiva.
Diviso 1000 significa che per 1 W(p) servono almeno
0,016 m2 ovvero 160 cm2 di superficie attiva.
Ogni modulo fotovoltaico appare composto da 20
SLS 2200 1,0x2,4 cm --> 20 x 2,4 cm2 = 48 cm2
SPBS 5000 1,0x2,8 cm --> 20 x 2,8 cm2 = 56 cm2
Non sono misure precise, perche' fatte allo schermo
dal manuale (ho allargato l'immagine fino a fare
corrispondere le misure esterne a quelle nella guida,
poi ha misurato la dimensione apparente delle celle).
Se avete misure piu' esatte, fornitele.
La potenza di picco disponibile quindi pare essere
SLS 2200 48/160 = 0,3 W(p)
SPBS 5000 56/160 = 0,35 W(p)
Senza considerare le perdite del regolatore.
Le batterie agli ioni di litio sono molto efficienti,
ma in termini di corrente. Infatti occorre fornire
4,2 V per una cella da 3,7 V. Dato che la potenza e'
il risultato di tensione per corrente, ne viene
fuori che, ad esempio, per una corrente di 1 A,
occorre una potenza di 4,2 W, ma la batteria vede
entrare un flusso di energia corrispondente a 3,7 W.
In altre parole, meno del 90% dell'energia fornita
finisce nella batteria. E sto ipotizzando un regolatore
fotovoltaico ad efficienza 99% (valore ottenibile con
gli inverter piu' costosi ...).
SLS 2200 2200/73 = 30 ore
SPBS 5000 5000/85 = 59 ore
Ipotizzando celle dal 9% di efficienza per il
SPBS 5000, non si scende sotto le 39 ore.
Quindi direi che sul manuale del modello piu'
recente si sono limitati a scoppiazzare il numero
del modello minore.
Giacobino da Tradate
2018-07-12 06:58:01 UTC
Permalink
Raw Message
Il giorno che si impara la differenza tra potenza ed energia non e'
mai troppo tardi. Uhmmm, ci vorrebbe un Alberto Manzi per
l'analfabetismo> scientifico
Potresti essere tu. Apri un Blog didattico, nello stile del POST:
"energia e potenza spiegate bene" ...
--
la cricca dei giacobini (C) M.G.

---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
Loading...