Discussione:
Ancora su tettoie a sbalzo
(troppo vecchio per rispondere)
Riccardo GH
2018-06-13 13:43:39 UTC
Permalink
Visto la competenza del Newsgroup ne approfitto anch'io.

Premesso che non ho capacità e attrezzatura per farmela da solo e mi
rivolgerò ad un fabbro e presenterò regolare domanda in Comune, vorrei
realizzare una tettoia a sbalzo in acciaio avente le seguenti misure:

Lunga 6,0 metri, larga 3,5 metri. La parte a sbalzo sarebbero i 3,5
metri.
Potrei al limite mettere una gamba anche su uno dei due angoli del
rettangolo a sbalzo.

La tettoia dovrebbe risultare quasi piana, con una minima pendenza
verso il lato a sbalzo per far defluire l'acqua piovana.

Non dispongo di foto perché non è casa mia e ci andrò solo il prossimo
agosto.

Vi chiedo che dimensioni dovrebbero avere i tubolari, quante colonne
realizzare lungo i 6 metri per sostenere la tettoia.
Tenete conto che i plinti saranno agganciati al getto in cemento armato
della casa che ha uno spessore di almeno 30 cm ed entra nel terreno per
3 metri ( la casa ha il piano interrato )

La zona è pianura padano veneta, come neve sono anni che non arriviamo
a 10 cm ma, mi ricordo del 1985 quando si ebbero - 19 °C e 50 cm di
neve.

La copertura sono indeciso tra lastre in poli carbonato compatto da 5
mm ( peso per 21 mq ca 115 Kg ) oppure lastre di gres da 8 mm peso per
21 mq 405 Kg )

Ringrazio anticipatamente e Saluto.

Riccardo GH
--
R&GH
Apteryx
2018-06-13 14:07:03 UTC
Permalink
Post by Riccardo GH
Vi chiedo che dimensioni dovrebbero avere i tubolari, quante colonne
realizzare lungo i 6 metri per sostenere la tettoia.
prima di preoccuparsi delle dimensioni, visto che 3.5 mt di sbalzo, non
sono per nulla uno scherzo, occorre domandarsi dove e come pensi di
ancorare questa tettoia

pensi di realizzare una sorta di L ed ancorarla al terreno con un plinto?

ed inoltre perché pretenderla piana?

(inclinarla al verso contrario dello sbalzo aiuterebbe e di molto)
Post by Riccardo GH
Tenete conto che i plinti saranno agganciati al getto in cemento armato
della casa che ha uno spessore di almeno 30 cm ed entra nel terreno per
3 metri ( la casa ha il piano interrato )
cosa pessima perché aggiungi rigidezza dove non serve

sta tettoia va in aderenza all'edificio?

perché non ho chiaro se te abbia da realizzare una tettoia o una
pensilina e perché te abbia voglia di danneggaire le fondazioni della
casa assegnandogli compiti per i quali non sono state progettate
Post by Riccardo GH
La zona è pianura padano veneta
questi sono ragionamenti da aspirante umarell, abbiamo norme che ci
dicono cosa considerare e come

per le dimensioni passo la parola al fabbro

(aborro l'edilizia spontanea)
Riccardo GH
2018-06-13 15:31:53 UTC
Permalink
Azz Apteryx cosa hai pestato prima di rispondermi ?

Comincio a risponderti dalla fine: non si tratta di edilizia spontanea,
la tettoia avrà un progetto e sarà realizzata da un fabbro.

Magari avessi il tempo di fare l'umarell, possibilmente prima di averne
l'età.

Comunque la tettoia non andrà in aderenza al muro della casa,
semplicemente i plinti saranno in contatto con il muro in cemento armato
del piano interrato.

Saranno necessari più L ( 4 - 5 ? ) e conseguenti plinti per sostenerla.
La tettoia la voglio semipiana per motivi estetici e dovrebbe essere
inclinata verso lo sbalzo per portare fuori l'acqua piovana. Se non sarà
possibile si inclinerà al contrario e si metterà una grondaia.

Esteticamente dovrebbe essere come questa ( quella a dx )

http://www.architektenstudio-melzer.de/architektur/carport/


Vorrei un parere terzo su numero di sostegni, spessori del ferro in modo
da poter meglio valutare i preventivi che mi arriveranno.

Saluti

Riccardo GH.
--
R&GH
Apteryx
2018-06-14 07:58:35 UTC
Permalink
Post by Riccardo GH
Comincio a risponderti dalla fine: non si tratta di edilizia spontanea,
la tettoia avrà un progetto e sarà realizzata da un fabbro.
i fabbri fanno le ringhiere

le strutture le fanno le officine di carpenteria metallica (che sono
tutta un'altra cosa)
Post by Riccardo GH
Comunque la tettoia non andrà in aderenza al muro della casa,
semplicemente i plinti saranno in contatto con il muro in cemento armato
del piano interrato.
non è "buono" mettere in testa ad una parete di contenimento un plinto,
perché gli si dà una spinta per la quale non è stata progettata e nel
tempo si creano solo problemi fossero solo fessure che fanno passre acqua

inoltre il plinto andrebbe a finire sul terreno di riporto e non è buono
neppure quello

è preferibile posizionare la tettoia in una zona vergine

cmq questi son cazzi di chi farà la tettoia e poi tuoi qualora vi
fossero problemi, quindi sorvoliamo
Post by Riccardo GH
Esteticamente dovrebbe essere come questa ( quella a dx )
una cosa del genere è impossibile da realizzare per le dimensioni da te
indicate

diciamo che devi oprientarti più su una cose del genere

<Loading Image...>

<Loading Image...>

<Loading Image...>

<Loading Image...>

preciso che queste immagini sono prese da google gruppi ele posto come
sono venute ma non rappresentano la regola del buon costruire, anzi per
alcune è il contrario

però sono utili per capire

ecc

sulle dimensioni, visto che farai tutto in regola, comincia con sentire
chi ti farà le cose, perché non è solo la dimensione ma anche il
trasporto o meglio il sollevamento durante la costruzione, gli elementi
pesano 3 / 5 quintali ecc e chi la dovrà fare deve anche ragionare sul come

io posso solo dire che se hai la grana potresti comprare anche tutto
prefabbricato

<Loading Image...>

cerca copertura modulari per auto

es http://www.tecnoserre.com/
Fabbrogiovanni
2018-06-14 08:23:31 UTC
Permalink
Post by Apteryx
Post by Riccardo GH
Comincio a risponderti dalla fine: non si tratta di edilizia spontanea,
la tettoia avrà un progetto e sarà realizzata da un fabbro.
i fabbri fanno le ringhiere
le strutture le fanno le officine di carpenteria metallica (che sono tutta
un'altra cosa)
What's in a name? That which we call a rose by any other name would
smell as sweet.

Su tutto il resto nulla da obiettare.
--
Fabbrogiovanni
Apteryx
2018-06-14 10:02:18 UTC
Permalink
Post by Fabbrogiovanni
Su tutto il resto nulla da obiettare.
attualmente

chi prende i classici profili e li trasforma in strutture deve possedere
qualificazioni nazionali e/o europee (l'italia rimane sempre un po'
indietro) attestanti le varie capacità articolate per livelli di
trasformazione, di saldature ecc ecc e alla fine del processo deve
rilasciare la dichiarazione di prestazione DoP marchiando CE

questa cosa produce un bel po' di carta che poi va obbligatoriamente
allegata per la parte burocratica dei lavori ecc ecc

possedere certificazioni e quant'altro costa e richiede adempimenti
ababstanza complessi

questo ha fatto si che solo chi è officina di carpenteria metallica
compia il salto, tutti gli altri tirano a campare e nel mezzo tirano a
campare anche le imprese e gli ingegneri perciò con gradi di
approssimazione che dipendono dalle singole zone

quindi se ti piace il nome tradizionale, diciamo che queste cose
potrebbero farle solo i "fabbri certificati" che abitualmente si
cimentano nella costruzione di strutture in acciaio
Riccardo GH
2018-06-14 12:03:58 UTC
Permalink
Ho usato fabbro perché più poetico rispetto a carpentiere in ferro :-)

Per il resto, il terreno è stato smosso una ventina di anni fa, è tutta ghiaia
con sopra delle betonelle. La tettoia dovrà per forza essere realizzata li.

Non ho preclusioni in merito alla struttura, reticolare o meno ne sul numero di
colonne.

Le lastre di gres sono grandi piastrelle in ceramica di spessore 5 - 8 mm.

La situazione del muro è la seguente: C'è una scala esterna che conduce
all'interrato, questa scala è "contenuta" da una L in cemento armato spezza
direi 30 cm. I plinti della tettoia verrebbero a contatto con la parte lunga
dell' L

spero di essere stato comprensibile.

Saluti, Riccardo GH.
--
R&GH
Apteryx
2018-06-14 13:54:57 UTC
Permalink
Post by Riccardo GH
spero di essere stato comprensibile.
non lo sei stato

però le condizioni al contorno impongono che ti debba necessariamente
rivolgere, se non proprio ad un tecnico, almeno ad un fabbro ma persona
reale

per il resto ti son state date già le foto e t'è stato insegnato come
trovarne altre

è sciocco pretendere un manuale stile ikea
Riccardo GH
2018-06-15 11:49:10 UTC
Permalink
Post by Apteryx
Post by Riccardo GH
spero di essere stato comprensibile.
non lo sei stato
però le condizioni al contorno impongono che ti debba necessariamente
rivolgere, se non proprio ad un tecnico, almeno ad un fabbro ma persona
reale
per il resto ti son state date già le foto e t'è stato insegnato come
trovarne altre
è sciocco pretendere un manuale stile ikea
Apteryx devi stare più attento, hai pestato di nuovo qualcosa di sgradevole
prima di rispondermi.

Non ho mai chiesto manuali o progetti preconfezionati.

Comunque, ho avuto le informazioni che volevo e vi ringrazio tutti.

Saluti

Riccardo GH.
--
R&GH
Fabbrogiovanni
2018-06-14 12:37:29 UTC
Permalink
Post by Apteryx
Post by Fabbrogiovanni
Su tutto il resto nulla da obiettare.
attualmente
chi prende i classici profili e li trasforma in strutture deve possedere
qualificazioni nazionali e/o europee (l'italia rimane sempre un po' indietro)
attestanti le varie capacità articolate per livelli di trasformazione, di
saldature ecc ecc e alla fine del processo deve rilasciare la dichiarazione
di prestazione DoP marchiando CE
In che brutto modo ci stiamo evolvendo:-)

Forse ne ho già parlato, nel caso chiedo scusa per la ripetizione:
Correva l'anno 1982 circa, un piccolo costruttore edile propone al suo
fabbro di fiducia di preparargli un certo numero di capriate, travi e
accessori per tetto.

A precisa domanda del fabbro che vorrebbe sapere come le vuole la
risposta fu "arrangiati, io sto tirando su i pilastri, a distanza di 12
metri.

Segue la domanda di riserva: e per progetti, disegni e calcoli come la
mettiamo?
Risposta: dall'ingegnere ci andiamo dopo, così gli facilitiamo il
compito, dovrà solo guardare e disegnare quello che vede.

Non possedendo qualificazioni di sorta il povero fabbro si arrangia e
in base alle sue esperienze pregresse mette insieme una cosa del
genere:
https://ibb.co/kkQXaJ
Dodici metri di luce, interasse 3 metri fra le campate.

Passa qualche anno, siamo nel 1985 e qui in Lombardia viene giù qualche
spanna di neve più del solito.

A Milano succede questo:
http://www.occhiopavese.it/elements/62/news/142/Accadde_Oggi/2962/17_gennaio_1985_nevicata_storica_crolla_il_Palazzetto_dello_Sport_di_Milano/

E sicuramente a monte c'erano tanto di quei permessi,progetti, disegni,
calcoli e firme da riempire una biblioteca pubblica.

Le mie capriate non fanno una piega, sopportarono stoicamente il peso
della neve.

Con questo non voglio dire che quella che tu chiami "edilizia
spontanea" sia meglio di quella un po' naif ma non possiamo neanche
sostenere che
solo con firme, timbri e qualificazioni normative si può avere qualcosa
che funzioni.
--
Fabbrogiovanni
Bernardo Rossi
2018-06-14 12:45:02 UTC
Permalink
On Thu, 14 Jun 2018 14:37:29 +0200, Fabbrogiovanni
Post by Fabbrogiovanni
Le mie capriate non fanno una piega, sopportarono stoicamente il peso
della neve.
Tanto per curiosita', se non avessero resistito, da chi sarebbero
andati a cercare responsabilita'/risarcimenti/ecc.? Dal fabbro o
dall'ingegnere?
--
Byebye from Verona, Italy

Bernardo Rossi
Fabbrogiovanni
2018-06-14 13:50:25 UTC
Permalink
Post by Bernardo Rossi
On Thu, 14 Jun 2018 14:37:29 +0200, Fabbrogiovanni
Post by Fabbrogiovanni
Le mie capriate non fanno una piega, sopportarono stoicamente il peso
della neve.
Tanto per curiosita', se non avessero resistito, da chi sarebbero
andati a cercare responsabilita'/risarcimenti/ecc.? Dal fabbro o
dall'ingegnere?
Potrei controbattere con domanda altrettanto difficile: nel caso del
Palazzetto dello Sport crollato che ho citato chi ha pagato per gli
errori? :-)
--
Fabbrogiovanni
Apteryx
2018-06-14 13:52:20 UTC
Permalink
Post by Bernardo Rossi
Tanto per curiosita', se non avessero resistito, da chi sarebbero
andati a cercare responsabilita'/risarcimenti/ecc.? Dal fabbro o
dall'ingegnere?
si sarebbero inculati progettista, dl e collaudatore, gli unici che si
trovano sempre e comunque e soprattutto che firmano
Apteryx
2018-06-14 13:50:48 UTC
Permalink
Post by Fabbrogiovanni
Non possedendo qualificazioni di sorta il povero fabbro
aspetta un attimo tu hai sempre avuto una grande riserva di buon senso,
se non ricordo male tempo addietro hai raccontato di aver semrpe fatto
le porte garage nella muratura portante inserendo un'intera cornice di
acciao e non solo l'architrave

ma non tutti i fabbri son come te

così come avevo detto che tirano a campare tutti impresa ingegenre ecc ecc
Post by Fabbrogiovanni
Con questo non voglio dire che quella che tu chiami "edilizia spontanea"
sia meglio di quella un po' naif ma non possiamo neanche sostenere che
solo con firme, timbri e qualificazioni normative si può avere qualcosa
che funzioni.
attualemnte le norme e i vari controlli garantiscono un buon risultato,
inoltre diventano chiare le responsabilità

seguire le regole mette al riparo da rogne perché sulle struttrue c'è
semrpe il penale

ma qui c'è chi pretende di farsi la tettoia e quello che evidenzia è il gres
Slayer99
2018-06-23 21:33:55 UTC
Permalink
Post by Fabbrogiovanni
Passa qualche anno, siamo nel 1985 e qui in Lombardia viene giù qualche
spanna di neve più del solito.
Infatti - bravo.

Il ruolo di regole, comuni, CEE, e' solo uno: estorcere denaro contante
a gente che possiede un piccolo pezzo di terra nel quale non hanno
nemmeno attivita' produttive. Il discorso sicurezza e' uno specchio per
le allodole esattamente come hai descritto tu, non esiste.

La prova sta nel fatto che strutture di secoli fa (ho un amico che vive
in una casa del 1400) pur costruite senza bolli CEE sono ancora in
ottimo stato.

Attenzione che io non sto dicendo che le cose non vadano costruite a
regola d'arte o senza calcoli ingegneristici se necessario - dico solo
che le bolle ed i permessi NON rendono una costruzione piu' sicura ed e'
sbagliato pensarlo.
--
...odia la paura e non conosce la pieta'...
Apteryx
2018-06-25 07:10:50 UTC
Permalink
Post by Slayer99
La prova sta nel fatto che strutture di secoli fa (ho un amico che vive
in una casa del 1400) pur costruite senza bolli CEE sono ancora in
ottimo stato.
magari fosse così

una cosa del 400 senza funzione e priva di regolare manutenzione sarebbe
solo ed esclusivamente un rudere

inoltre quando dici "senza bolli cee" dici una cazzata avevano le loro
regole e le loro leggi ed i loro trattati sulle buone tecniche del
costruire, inoltre ad ogni evento sismico venivano emanate leggi in tal
proposito per rendere conformi le costruzioni (con tecniche anche
innovative legno e muratura), se vogliamo trovare qualcosa, possiamo
dire che essendo le tecnologie ed i materiali limitati si costruiva alla
stessa maniera da secoli

e allora che cosa è successo?

è successo che l'italia negli ultimi decenni del 900 è andata allo stato
brado, l'europa si dava e seguiva regole, l'italia no, poi sono arrivati
gli anni 2000 l'europa è andata sempre più forte ed è toccato metterci
in regola adottando quello che gli altri facevano da decenni
Slayer99
2018-06-23 21:24:35 UTC
Permalink
Post by Apteryx
chi prende i classici profili e li trasforma in strutture deve possedere
qualificazioni nazionali e/o europee (l'italia rimane sempre un po'
indietro) attestanti le varie capacità articolate per livelli di
trasformazione, di saldature ecc ecc e alla fine del processo deve
rilasciare la dichiarazione di prestazione DoP marchiando CE
Che schifo di realta' che suggerisci - ma se uno possiede un pezzo di
terra ci potra' fare quello che vuole?
--
...odia la paura e non conosce la pieta'...
Apteryx
2018-06-25 07:00:28 UTC
Permalink
Post by Slayer99
Che schifo di realta' che suggerisci - ma se uno possiede un pezzo di
terra ci potra' fare quello che vuole?
ASSOLUTAMENTE NO

siamo in questo stato di cose proiprio perché tutti ragionano come te

ora finché lo facevano nel 700 / 800 la cosa poteva anche andare un po'
perchè ognuno si faceva lo stretto necessario e nulal di più un po'
perché la tecnologia era limitata e quindi più di tanto non si poteva
fare (ed i continui crolli lo testimoniavano)

ma post 1950 l'italia con il proprio territorio ha fatto carne di porco
e adesso ne paghiamo tutti le conseguenze
Fabbrogiovanni
2018-06-14 05:39:13 UTC
Permalink
Post by Riccardo GH
Visto la competenza del Newsgroup ne approfitto anch'io.
Ma si, approfitta uno, approfittano tutti:-)
Post by Riccardo GH
Premesso che non ho capacità e attrezzatura per farmela da solo e mi
rivolgerò ad un fabbro e presenterò regolare domanda in Comune, vorrei
Lunga 6,0 metri, larga 3,5 metri. La parte a sbalzo sarebbero i 3,5
metri.
Potrei al limite mettere una gamba anche su uno dei due angoli del
rettangolo a sbalzo.
Mettere una gamba su un angolo non dimezza il problema, lo risolve solo
da una parte.
Post by Riccardo GH
La tettoia dovrebbe risultare quasi piana, con una minima pendenza
verso il lato a sbalzo per far defluire l'acqua piovana.
OK.
Post by Riccardo GH
Non dispongo di foto perché non è casa mia e ci andrò solo il prossimo
agosto.
Fa niente, si capisce ugualmente.
Post by Riccardo GH
Vi chiedo che dimensioni dovrebbero avere i tubolari, quante colonne
realizzare lungo i 6 metri per sostenere la tettoia.
Come detto da Apteryx, i 3,5 metri di sbalzo non sono noccioline.
Se il contesto accettasse una struttura di tipo reticolare sarebbe
facile.
Usando invece tubolari, prima di fare conti, verrebbe qualcosa di molto
massiccio che potrebbe stonare accostato a una casa.
Mettiamo da parte un attimo il dimensionamento.

Come numero di colonne, 2 sono poche, 3 sono il minimo sindacale, 4 una
equa souddivisione, avremmo interasse di 2 metri.
Aggiungerne altre sarebbe solo una scelta estetica o nel caso fosse
indispensabile suddividere di più gli sforzi sul terreno.
Post by Riccardo GH
Tenete conto che i plinti saranno agganciati al getto in cemento armato
della casa che ha uno spessore di almeno 30 cm ed entra nel terreno per
3 metri ( la casa ha il piano interrato )
Qui non è chiaro cosa vuoi fare.
Proviamo a immaginare come hanno fatto a costruire qui tre metri di
muro.Scavato per la parte interna della casa, e scavato almeno uno o
due metri la parte esterna.
Armato, gettato calcestruzzo e poi la parte esterna è stata riempita di
terra smossa.
Fosse lì anche da 20 anni quel terreno non è valido per costruirci dei
plinti, dovresti scavare a fondo, fino a raggiungere i tre metri di
profondità.

Agganciare i plinti al muro esistente servirebbe a niente.
Tanto vale agganciarvi direttamente le colonne.
Però qui abbiamo l'obiezione di Apteryx, il tuo muro non sarà stato
armato per assolvere tale compito.

Prima di procedere dovremmo approfondire la questione.
Post by Riccardo GH
La copertura sono indeciso tra lastre in poli carbonato compatto da 5
mm ( peso per 21 mq ca 115 Kg ) oppure lastre di gres da 8 mm peso per
21 mq 405 Kg )
5 o 20 chili al metro quadro di copertura non influiscono sul
dimensionamento de colonne e travi.
Cosa sono le lastre di gres?
Forse la versione ecologica del vecchio eternit ondulato?
--
Fabbrogiovanni
StefanoV
2018-06-14 10:30:26 UTC
Permalink
Post by Riccardo GH
Ringrazio anticipatamente e Saluto.
Per un coso del genere è necessario un progetto firmato da un
professionista: trovati un geometra o un ing. che per poca moneta ti fanno
tutto. Diffida del fai da te.
Dimensioni e tipologia dei materiali li sceglierà lui: accontentati di
dirgli che lo vuoi in carpenteria metallica.


In alternativa puoi rischiare di fartelo crollare in testa
--
We only write our names in sand
Slayer99
2018-06-24 06:39:23 UTC
Permalink
Post by StefanoV
Per un coso del genere è necessario un progetto firmato da un
professionista: trovati un geometra o un ing. che per poca moneta ti fanno
tutto. Diffida del fai da te.
Mah...
Post by StefanoV
Dimensioni e tipologia dei materiali li sceglierà lui: accontentati di
dirgli che lo vuoi in carpenteria metallica.
Ah si uno viene a casa mia, mette giu' quello che ha voglia, ed io non
devo fiatare? Ma stiamo scherzando? Ovvio che uno deve dare valore a
quello che gli dice un esperto, ma da qui a dire che il proprietario
deve stare zitto e subire...
--
...odia la paura e non conosce la pieta'...
Apteryx
2018-06-25 07:12:51 UTC
Permalink
Post by Slayer99
Ah si uno viene a casa mia, mette giu' quello che ha voglia, ed io non
devo fiatare? Ma stiamo scherzando? Ovvio che uno deve dare valore a
quello che gli dice un esperto, ma da qui a dire che il proprietario
deve stare zitto e subire...
se il professionsta è bravo (e guarda che ce ne sono anche tra quelli di
campagna che tirano a campare chiedendo il giusto) fa la casa come vuole
il cliente e non come vuole lui, sentite le esisgenze si "ingegna" e
tira fuori la migliore soluzione compatibile non solo con le esigenze
estetiche ma anche con il portafoglio del cliente

Loading...