Discussione:
Come si cuce il cuoio?
(troppo vecchio per rispondere)
acero
2006-09-16 11:25:00 UTC
Permalink
Avendo la possibilità di procurarmi scarti di qualsiasi tipo di cuoio
e pelle al lavoro, mi sono finalmente deciso a portarmi a casa qualche
pezzetto per cercare di farmi dei lavoretti.
Ora ho a casa un pezzo di cuoio piuttosto spesso (3mm circa), marrone
scuro, abbastanza morbido. Tra l'altro l'abbiamo usato per sperimentare
un trattamento che lo rende quasi completamente repellente sia
all'acqua che all'olio. Accertatici di questa cosa, era peccato
buttarlo....
Così ho pensato di farmi la cuffia del cambiomarcia della macchina,
visto che la mia ormai è completamente sfrancicata.
Il lavoretto dovrebbe essere semplice: 4 triangoli di cuoio (di cui ho
già il modello, smontando la vecchia), cuciti insieme, con un risvolto
sopra e uno sotto per farci passare un laccetto. Qualche rudimento di
taglio e cucito ce l'ho (oltre ad aver fatto questa materia alle
elementari, per un po' ho vissuto da solo...), quindi sono pronto!

Ma come si cuce il cuoio? Il mio collega mi ha detto che dovrebbe
esserci una specie di grosso ago fatto a punteruolo che passa un filo
che sembra lo spago per legare l'arrosto. Ma, anche lui, non ha mai
provato. Qualcuno qui sa come fare?
Fabbrogiovanni
2006-09-16 11:37:05 UTC
Permalink
"acero" <***@tiscali.it> ha scritto nel messaggio news:***@h48g2000cwc.googlegroups.com...
Ma come si cuce il cuoio? Il mio collega mi ha detto che dovrebbe
esserci una specie di grosso ago fatto a punteruolo che passa un filo
che sembra lo spago per legare l'arrosto. Ma, anche lui, non ha mai
provato. Qualcuno qui sa come fare?
In attesa dei ciabattini computerizzati qui trovi una prima indicazione,
dalal grafica si intuisce che non è molto recente ma credo sia sempre
valida:
http://www.etimo.it/?term=lesina
--
Fabbrogiovanni
felix.
2006-09-16 15:17:56 UTC
Permalink
Post by acero
Ma come si cuce il cuoio? Il mio collega mi ha detto che dovrebbe
esserci una specie di grosso ago fatto a punteruolo che passa un filo
che sembra lo spago per legare l'arrosto. Ma, anche lui, non ha mai
provato. Qualcuno qui sa come fare?
In attesa dei ciabattini computerizzati qui trovi una prima indicazione,
dalal grafica si intuisce che non è molto recente ma credo sia sempre
http://www.etimo.it/?term=lesina
http://www.etimo.it/?term=subbia&find=Cerca :-))))
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Loris_ro
2006-09-16 11:38:24 UTC
Permalink
Post by acero
Ma come si cuce il cuoio? Il mio collega mi ha detto che dovrebbe
esserci una specie di grosso ago fatto a punteruolo che passa un filo
che sembra lo spago per legare l'arrosto. Ma, anche lui, non ha mai
provato. Qualcuno qui sa come fare?
Io non posso aiutarti ma se vuoi puoi chiedere anche ad un chirurgo o più
facilmente ad un veterinario, loso se ne intendono di cuciture sul quoio
magare ti possono dare un ago per cicire dei loro.

Ciao.

Lo
Boiler
2006-09-16 11:48:03 UTC
Permalink
Post by Loris_ro
Post by acero
Ma come si cuce il cuoio? Il mio collega mi ha detto che dovrebbe
esserci una specie di grosso ago fatto a punteruolo che passa un filo
che sembra lo spago per legare l'arrosto. Ma, anche lui, non ha mai
provato. Qualcuno qui sa come fare?
Io non posso aiutarti ma se vuoi puoi chiedere anche ad un chirurgo o più
facilmente ad un veterinario, loso se ne intendono di cuciture sul quoio
magare ti possono dare un ago per cicire dei loro.
La pelle via e conciata non è proprio uguale... ;-)

Per cucire nel cuoio, prima si fanno i buchi, con la lesina oppure
anche con il trapano a colonna.

La scelta del filo dipende da cosa vuoi fare... per le selle si usa
una roba che piu' che filo sembra corda, per i guanti da donna in
pelle di capretto si usa un finissimo filo di seta.

Per il pomello del cambio fatti dare da un calzolaio un po' di filo
cerato.

La cucitura non è come su stoffa.
Il punto piu' semplice è questo:

- affianca i due lembi già forati.
- infila il filo all'estremità della cucitura (insomma, nell'ultimo
buco) fino a metà della lunghezza del filo stesso
- ora metti due normali aghi da cucito alle due estremtà libere
- infila entrambi gli aghi nel buco successivo, in modo che si
incrocino
- tira e ripeti fino all'ultimo buco
- fai un nodo

Ciao Boiler
Vitt
2006-09-18 16:23:33 UTC
Permalink
Post by Boiler
Per cucire nel cuoio, prima si fanno i buchi, con la lesina oppure
anche con il trapano a colonna.
Se per questo anche con una trivellatrice per pali...
Post by Boiler
- affianca i due lembi già forati.
- infila il filo all'estremità della cucitura (insomma, nell'ultimo
buco) fino a metà della lunghezza del filo stesso
- ora metti due normali aghi da cucito alle due estremtà libere
- infila entrambi gli aghi nel buco successivo, in modo che si
incrocino
- tira e ripeti fino all'ultimo buco
- fai un nodo
Questo però non è il metodo tradizionale che è
lesina>buco>2 fili peciati (non cerato! devono avere un minimo di rigidità) infilati a incrociarsi nel buco ecc.

Io uso però questo utensile 'mericano:

http://www.buckshotscamp.com/Sewing-Awl-Speedy-Stitcher-Sales.htm

Guardati le istruzioni!
--
Bye
OldVitt
caron dimonio
2006-09-18 18:42:04 UTC
Permalink
Post by Vitt
http://www.buckshotscamp.com/Sewing-Awl-Speedy-Stitcher-Sales.htm
Non mi ha mai funzionato bene; so tornato alla lesina ed alles etole
d'acciaio.

--
Ciao
Caron Dimonio = Insubrico = Diego

ICQ 32090712

L'astemio: un debole che cede alla tentazione di negarsi un piacere.
(A.Bierce)
Vitt
2006-09-18 19:33:45 UTC
Permalink
Post by caron dimonio
Post by Vitt
http://www.buckshotscamp.com/Sewing-Awl-Speedy-Stitcher-Sales.htm
Non mi ha mai funzionato bene; so tornato alla lesina ed alles etole
d'acciaio.
Diego,
ha me a funzionato sempre benissimo (quello vero, non l'imitazione che si trova su ebay) e l'ago, affilatissimo, si è
infilato almeno due volte nei miei polpastrelli. Un male cane!
Ma le cuciture vengono rapidamente e, con una certa manualità, ben tese dai due lato.
--
Bye
OldVitt
caron dimonio
2006-09-19 12:15:32 UTC
Permalink
Post by Vitt
(quello vero, non l'imitazione che si trova su ebay)
Dunque, io ho iniziato ad andare sul Finn nel 72, e da subito mi sono
dilettato dei lavori marinareschi, in primis le guarnizioni dei capicorda,
che ho poi sviluppato e perfezionato sul Meteor di Van de Stadt (comprato a
fronte di un'offerta irrifiutabile avanzatami da mia moglie:- O trovi
qualcosa che coinvolga anche me o io mollo te.-); allora di E-Bai non se ne
aveva manco l'idea.
Lo comprai da un grossita di forniture per calzolai di Varese, assieme a
tutti gli altri ambaradan che ho ancora nella mia borsa da velaio.
Il prinicpale problema consiste dello svitamento della testa-impugnatura
dentro cui è alloggiata la spoletta del filo, dopo 10 punti era da
riavvitare; poi fa una falsa cucitura incrociata; il punto non è realizzato
da 2 fili che si incrociano nel foro, ma da un solo filo che su verso fa
un'occhiello in cui passi il capo dormiente del filo di cucitura; se salta
un punto si sfila tutto (già successo con la ralinga di una randa); con la
cucitura lesina-setola i fili da rompersi devo essere 2; in barca è
importante avere un'opportunità di rieserva ;-)

--
Ciao
Caron Dimonio = Insubrico = Diego
http://www.banti.net
ICQ 32090712

“Un uomo austero non è necessariamente tetro, ma tutti gli uomini tetri,
senza eccezione alcuna, vogliono essere considerati austeri.”
Godfrey H. Hardy – Apologia di un matematico
Vitt
2006-09-19 14:59:34 UTC
Permalink
Post by caron dimonio
Il prinicpale problema consiste dello svitamento della testa-impugnatura
dentro cui è alloggiata la spoletta del filo, dopo 10 punti era da
riavvitare; poi fa una falsa cucitura incrociata; il punto non è realizzato
da 2 fili che si incrociano nel foro, ma da un solo filo che su verso fa
un'occhiello in cui passi il capo dormiente del filo di cucitura; se salta
un punto si sfila tutto (già successo con la ralinga di una randa); con la
cucitura lesina-setola i fili da rompersi devo essere 2; in barca è
importante avere un'opportunità di rieserva ;-)
Concordo appieno che la cucitura classica lesina-setola è la meglio ma eravamo partiti da una cuffia per cambiomarcia...
È un po' come per la macchina da cucire che, come da buon velaio saprai meglio di me, se i due fili non sono ugualmente
tesi, ne tiri uno e la cucitura non esiste più!
--
Bye
OldVitt
caron dimonio
2006-09-19 17:38:53 UTC
Permalink
Post by Vitt
eravamo partiti da una cuffia per cambiomarcia...
Per fare quella va benissimo anche la colla ;-)

Buon vento ;-)

--
Ciao
Caron Dimonio = Insubrico = Diego

ICQ 32090712

La mejor salsa del mundo es el hambre
(Il miglior condimento al mondo è la fame)
Don Quixote
federico
2006-09-19 18:32:28 UTC
Permalink
Il vecchio nostromo (aveva iniziato a navigare sulle navi a vela) da
cui appresi i principi di arte marinaresca, mi insegnò ad usare ago e
guardapalma per tutte le cuciture ed ancora oggi lo trovo il metodo
più facile e veloce. Faccio eccezione per il cuoio molto spesso (tipo
vacchetta) per cui uso la fustellatrice e lo spago cerato (quello
sintetico da calzolai - è più pratico).
Cordialità

viceversa
2006-09-16 12:56:10 UTC
Permalink
"acero" <***@tiscali.it> ha scritto nel messaggio news:***@h48g2000cwc.googlegroups.com...
Avendo la possibilità di procurarmi scarti di qualsiasi tipo di cuoio
e pelle al lavoro, mi sono finalmente deciso a portarmi a casa qualche
pezzetto per cercare di farmi dei lavoretti.
Ora ho a casa un pezzo di cuoio piuttosto spesso (3mm circa), marrone
scuro, abbastanza morbido. Tra l'altro l'abbiamo usato per sperimentare
un trattamento che lo rende quasi completamente repellente sia
all'acqua che all'olio. Accertatici di questa cosa, era peccato
buttarlo....
Così ho pensato di farmi la cuffia del cambiomarcia della macchina,
visto che la mia ormai è completamente sfrancicata.
Il lavoretto dovrebbe essere semplice: 4 triangoli di cuoio (di cui ho
già il modello, smontando la vecchia), cuciti insieme, con un risvolto
sopra e uno sotto per farci passare un laccetto. Qualche rudimento di
taglio e cucito ce l'ho (oltre ad aver fatto questa materia alle
elementari, per un po' ho vissuto da solo...), quindi sono pronto!

Ma come si cuce il cuoio? Il mio collega mi ha detto che dovrebbe
esserci una specie di grosso ago fatto a punteruolo che passa un filo
che sembra lo spago per legare l'arrosto. Ma, anche lui, non ha mai
provato. Qualcuno qui sa come fare?

Tanti anni fa facevo così, su cuoio spesso: facevo i buchi a distanza
regolare, diciamo 3-4 mm, con la lesina, che è molto simile a un punteruolo,
poi cucivo con un ago strano, molto lungo e flessibile e con la cruna larga,
e un filo spesso come 4-5 fili normali da stoffa, comprato nei negozi
specializzati che vendono anche pellame (sembra un cordoncino sottile). Non
ti so dire nè il nome dell'ago nè quello del punto che usavo, però per
quanto riguarda il punto puoi andare da destra a sinistra "a tratteggio" e
poi ritornare indietro facendo passare il filo negli stessi buchi ma sul
lato opposto così la cucitura non è più a trattini - - - - - ma risulta
uniforme ---------. Se poi hai capito dalla mia spiegazione di cosa si
tratta, sei un GENIO!
L'altro punto è più difficile da spiegare e non ci provo nemmeno; se sapessi
come si chiama potrei trovartelo in rete, ma ---. Però considera che da
totale autodidatta ce l'ho fatta senza problemi a cucire cuoio e pelli di
vario spessore, quindi non dovresti avere troppe difficoltà neanche tu. Buon
lavoro
V/S
tony pedi
2006-09-16 14:49:21 UTC
Permalink
Post by acero
Avendo la possibilità di procurarmi scarti di qualsiasi tipo di cuoio
e pelle al lavoro, mi sono finalmente deciso a portarmi a casa qualche
pezzetto per cercare di farmi dei lavoretti.
Ora ho a casa un pezzo di cuoio piuttosto spesso (3mm circa), marrone
scuro, abbastanza morbido. Tra l'altro l'abbiamo usato per sperimentare
un trattamento che lo rende quasi completamente repellente sia
all'acqua che all'olio. Accertatici di questa cosa, era peccato
buttarlo....
Così ho pensato di farmi la cuffia del cambiomarcia della macchina,
visto che la mia ormai è completamente sfrancicata.
Il lavoretto dovrebbe essere semplice: 4 triangoli di cuoio (di cui ho
già il modello, smontando la vecchia), cuciti insieme, con un risvolto
sopra e uno sotto per farci passare un laccetto. Qualche rudimento di
taglio e cucito ce l'ho (oltre ad aver fatto questa materia alle
elementari, per un po' ho vissuto da solo...), quindi sono pronto!
Ma come si cuce il cuoio? Il mio collega mi ha detto che dovrebbe
esserci una specie di grosso ago fatto a punteruolo che passa un filo
che sembra lo spago per legare l'arrosto. Ma, anche lui, non ha mai
provato. Qualcuno qui sa come fare?
oltre a quanto detto dagli altri ,

dato che vedo mio padre farlo ...

ti dico anche che per agevolare il filo nei fori ( evitare , quindi di
fare buchi grossi sulla pelle )

si attorciglia l'estremità del filo da cucire su un crine di cavallo per
infilare i buchi fatti con la lesina

non so se c'è un gergo per questi 'crine di cavallo' per cucire ma si
vendono in bustine che ne contengono un 10-15 , o giù di lì

ciao :-)
Bernardo Rossi
2006-09-16 19:22:55 UTC
Permalink
Post by acero
Ma come si cuce il cuoio? Il mio collega mi ha detto che dovrebbe
esserci una specie di grosso ago fatto a punteruolo che passa un filo
che sembra lo spago per legare l'arrosto.
Confermo. Pero' prima devi bucare il cuoio con un attrezzo apposito
con manico di legno (lesina).
Gli aghi esistono poi anche curvi per entrare sopra da una parte,
passare da sotto e tornare su dall'altra parte.
Esistono negozi specializzati dove si riforniscono i calzolai, li
trovi tutto l'occorrente.
Se sei da queste parti, posso darti un indirizzo.
--
Byebye from Verona, Italy

Bernardo Rossi ***@tin.it
felix.
2006-09-16 21:21:35 UTC
Permalink
Post by Bernardo Rossi
Post by acero
Ma come si cuce il cuoio? Il mio collega mi ha detto che dovrebbe
esserci una specie di grosso ago fatto a punteruolo che passa un filo
che sembra lo spago per legare l'arrosto.
Confermo. Pero' prima devi bucare il cuoio con un attrezzo apposito
con manico di legno (lesina).
Ci sono le subbie che hanno la punta metallica scanalata attraverso
il quale puo' passare lo spago debitamente impeciato dopo aver
forato gli strati di cuoio da cucire, e prima di estrarla.
ciaofelix:-)
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
acero
2006-09-17 19:02:32 UTC
Permalink
Bene: forte dei vostri suggerimenti, e non avendo in casa alcunché di
utile, sono andato dal ferramenta.
Lesine, zero. Aghi flessibili zero. Cose per cucire il cuoio zero.
Allora ho pensato di farmi un giro per gli scaffali, e ho fatto i
seguenti acquisti:
- 2 chiodi di acciaio piuttosto grossi, quelli che usano le donne per
massacrare i muri;
- una pinza fustellatrice che avesse una fustella abbastanza piccola;
- un rotolo di spago fine;
- un set di aghi da cucito uno dei quali era un po' più grosso del
normale.

Col mio bel sacchettino sono tornato a casa, e mi sono messo all'opera.
Ho tagliato 4 triangoli isosceli (ricordo che volevo farmi la CUFFIA
del cambio, cioè quella specie di gonnella che unisce la leva al buco
entro cui è situata) più o meno simili tra loro, poi ne ho preso uno
e su di uno dei lati uguali ho fatto una fila di buchini con la pinza
fustellatrice a circa 5-6mm di distanza uno dall'altro.
Poi ho preso un altro triangolo, e gli ho fatto solo 3 buchini.
Così ho infilato lo spaghino nell'ago, e aiutandomi col chiodo
d'acciaio sono riuscito a piantare l'ago e fare i primi 3 punti, fatti
i quali ho potuto fare tutti gli altri buchini con la fustellatrice,
essendo sicuro che si trovassero tra loro.
Così facendo ho unito i 4 triangoli.
Alla fine dell'opera, e forse è stata la parte più faticosa, ho
ribaltato la cuffia in modo da non rendere visibili le cuciture.

Poi ho smontato il tunnel della macchina, ho messo in posizione la
cuffia, l'ho stretta nella sua sede con delle fascette da elettricista,
ho rimontato il tunnel, ho rimesso il pomello ed ecco fatto.
Non sono in grado di pubblicare una foto, purtroppo, ma posso
assicurarvi che il lavoretto anche dal punto di vista estetico è molto
soddisfacente!
Dal punto di vista pratico penso sia pressoché eterno.
caron dimonio
2006-09-17 21:06:11 UTC
Permalink
Post by acero
Ma come si cuce il cuoio?
Io ho imparato cercando di farmi da solo i lavori da velaio e le minuterie
di protezione delle gase impiombate della mai barca, (ed anche dalla lattura
de "il viaggio del Brendano" di Tim Severin).
Innanzi tutto vai in un egozio d'attrezzature per calzolai che habbia dei
residuati 'anteguerra e ti compri una lesina (ounteruolo livemente incurvato
e con una gola nella parte di testa), delle (un bel po) setole d'accia, un
pezzo di pece, una matassa di filo da ciabattino (lo psessore lo scegli tu
in funzione di cosa vuoi fare, lavori fini si pelle fine ed in vista, filo
fine; lavori grossi su pelli spesse o cuoio e destinati a lavori pesanti
filo spesso; il filo è meglio che sia di cotone o lino, quelli di sintetico
non pendono la pece e quindi scivolano ed i punti non tengono).
Con la lesina fai (o meglio segni) i fori che vuoi fare (occhio al margine,
maggiore è lo sforzo di trazione sulla cucitura maggiore deve eessere il
bordo perchè il pellame non si strappi, ma menop bello è il risultato
finito); prendi una gugliata di filo che sia abbondantemente sufficente per
cucire tutto; impeci il filo (prendi in mano il pezzo di pece e ci sfreghi
contro il filo per tutta la sua lunghezza, ripeti l'operazione un paio di
volte); i 2 capi li passi nell'occhio di 2 setole.
A questo punto con la lesina fai il primo foro e e con la punta ancora
infilata passi nella gola una delle setole, poi ritiri la lesina assieme
alla setola, e tir la setola finche arrivi a circa la metà del filo.
A questo punto fai il secondo foro e nella gola della lesina ci infili,
contrapposte le 2 setole, ritiri la lesina e poi tiri le due setole in
direzione contrapposta e quando sei arrivato in fondo dai un bello strattone
perchè iol punto si tiri e chiuda i lembi della cucitura (la pece garantisce
che il filo non retroceda perchè il calore generato dalla trazzione fonde
assieme la pece dei 2 fili).
E così via.
Da bambino di fronte alla bottega di falegname di mio nonno c'era quella di
Asdrbbale il ciabattino, ed o passato tanto tempo accosicato sui miei
calczoncini corti al bordo del desketto, con l'odore della pece e della
colla, nella mezz'ombra a vere le sue mani tirrae fili con una velocità per
me incredibile e sentire lo schiocco dei punti tirati con una semplice
torsione del polso; le sue mani erano nere di pece e dure come il cuoio che
cuciva e spesso erano sanguinati per i tagli che li procuravano i fili
quandi uscivano dal guardapalma mentre tirava i punti.
Meravoglioso, pieno di magia e del fascino del "fare", il mondo del lavoro
artigiano, peccato che da noi sia già più che moribondo. ;-/

--
Ciao
Caron Dimonio = Insu = Diego

ICQ 32090712

Tra il pensiero e la realtà c'è sempre di mezzo l'avventura della nostra
esistenza
(cit)Friedrich Dürrenmat
Loading...